giovedì 26 aprile 2018

Anteprima di "Je so' Pazzo" per l'inaugurazione di Lavori in Corto

Venerdì 4 maggio 2018 alle ore 20,30 presso la Sala Il Movie della Film Commission Torino Piemonte, l'Associazione Museo Nazionale del Cinema (AMNC) presenta la settima edizione del bando del concorso cinematografico nazionale LAVORI IN CORTO, rivolta a giovani registi interessati a esprimersi suil tema della salute mentale.

In linea con lo spirito dell’edizione 2018 di LAVORI IN CORTO, sarà proiettato il film Je so' pazzo di Andrea Canova: il documentario è ambientato nell'ex-Ospedale Psichiatrico Giudiziario di Napoli dove negli ultimi anni un gruppo di giovani volontari e cittadini attivi hanno dato vita a una serie di iniziative a favore della comunità del territorio.

“Quando sono entrato per la prima volta all'ex Ospedale Psichiatrico Giudiziario di Napoli, la prima sensazione che ho avuto è che il tempo si fosse fermato. - dichiara il regista Andrea Canova. - E' un luogo che ti chiude lo stomaco, antico ed impenetrabile, rimasto inaccessibile per secoli, che sembra celare molti segreti, molte ombre, dietro le finestre, nel buio delle celle. L'Opg di Sant'Eframo Nuovo è stato chiuso nel 2008 perchè ritenuto inagibile e per sette anni questo luogo è stato saccheggiato e abbandonato al degrado. Fino a quando, a Marzo 2015, è stato riaperto e ripulito da un collettivo di studenti universitari insieme agli abitanti del quartiere (…) E' dalla memoria frammentata, dimenticata di Sant'Eframo, e da quel senso di vuoto, di oblìo e di silenzio inaccettabile, che nasce il bisogno di raccontare questo luogo, la sua storia e l'inizio della sua trasformazione in un bene comune.”

Alla serata, a ingresso libero, parteciperanno il regista Andrea Canova, Valentina D'Amelio direttrice artistica del concorso LAVORI IN CORTO, Vittorio Sclaverani, Presidente dell'AMNC e Massimiliano Quirico, Direttore della rivista nazionale «Sicurezza e Lavoro».

LAVORI IN CORTO è un concorso cinematografico nazionale per cortometraggi e documentari rivolto ad autori under 35 residenti sul territorio nazionale. Il progetto del concorso, giunto alla sua settima edizione, continua a svolgere la sua mission: sensibilizzare su temi di rilevanza sociale attraverso il linguaggio audiovisivo e le storie dei film in concorso.

IndipendenteMente è il sottotitolo scelto per questa edizione, che intende narrare la complessità del mondo della salute mentale attraverso film che  restituiscano esperienze positive, documentando la ricchezza dell'incontro e dello scambio tra persone con disagio mentale e non, opere che elaborino in senso creativo la sofferenza, film che ribaltino stereotipi cercando di aprire gli occhi agli spettatori, senza dimenticare sguardi critici di situazioni e contesti che devono e possono cambiare.

Il bando di LAVORI IN CORTO rimarrà aperto fino al 31 luglio 2018. I film selezionati saranno proiettati durante un Festival che si svolgerà a ottobre presso gli spazi della rete delle Case del Quartiere di Torino e al Centro Studi Sereno Regis, con premiazione finale il 29 ottobre 2018.

“Giungere alla settima edizione significa che un concorso come il nostro, vicino a tematiche scomode e importanti per il nostro presente, può e deve (r)esistere. – dichiara la direttrice artistica Valentina D'Amelio – Abbiamo investito molto, soprattutto in termini di passione e impegno civile, e crediamo che Lavori in Corto possa essere un modo unico per sensibilizzare la cittadinanza e i giovani autori intorno a tematiche complesse e poco raccontate dai media. Esiste un filo rosso tra la prima edizione e oggi ed è la dimensione umana sempre al centro del nostro progetto.”

I PREMI di LAVORI IN CORTO:
> Primo premio di 1000 Euro, intitolato per il quinto anno ad Armando Ceste, importante autore scomparso nel 2009 che nel corso della sua carriera cinematografica e del suo impegno politico, dalla fondazione del Collettivo Cinema Militante di Torino a Movimento (2008) passando per Liberaterra (2002); la filmografia di Ceste ha sempre ispirato le tematiche proposte nelle differenti edizioni del Concorso (lavoro, immigrazione, inclusione sociale, questioni abitative, movimenti, diritti). Dal 2016 è attivo il sito web http://www.armandoceste.it/ .

> Premio Rai Cinema Channel al corto più web relativo a un contratto di acquisto dei diritti del corto per un anno con 1000 €.

> Premio di 300 Euro offerto da «Sicurezza e Lavoro», rivista nazionale per la promozione di salute, sicurezza e diritti nei luoghi di lavoro. Il premio verrà assegnato al film che saprà meglio documentare le storie e le esperienze con il mondo lavorativo delle persone con disagio mentale

> Premio Film Commission Torino Piemonte consistente nell'utilizzo di un modulo produttivo della sede di via Cagliari per due settimane.

Prospettive dai margini della città, dal 3 maggio al Castello del Valentino

Primo appuntamento della rassegna cinematografica Prospettive dai margini della città 2018 - "Let's talk about the elephant in the room" organizzata da Spunto Collettivo, il collettivo studentesco di Pianificazione territoriale, urbanistica e paesaggistico-ambientale del Politecnico di Torino.

Giovedì 3 maggio alle ore 16:30 nell'Aula 6V del Castello del Valentino (viale Mattioli 39) è in programma la proiezione di "Lepanto - Ultimo Cangaceiro" di Enrico Masi.
Se da un lato i grandi eventi si presentano come acceleratori di trasformazione urbana e catalizzatori di risorse, dall’altro nascondono lati meno vantaggiosi: sfratti, aumento dei costi dei servizi pubblici, opere ed infrastrutture in disuso, sfruttamento della prostituzione. Da un’opportunità per molti si trasforma in un’occasione per pochi. Questo è parte di quello che Enrico Masi ci racconta in “Lepanto – Ultimo Cangaceiro”, in cui emergono con impeto gli esiti che i Mondiali di calcio e le Olimpiadi hanno prodotto in Brasile.
Seguirà il dibattito con: Enrico Masi (Regista), Alessandra Lancellotti (Ass. alla Regia), Cristiana Rossignolo (PoliTo)

La quinta edizione di Prospettive dai margini della città è realizzata col patrocinio di: DIST, Laboratorio del Cammino, Urban Center Metropolitano Torino e del festival cinematografico Visioni Fuori Raccordo.

I prossimi appuntamenti:

Giovedì 10 maggio
SANGUE E CEMENTO di Thomas Torelli
Ospiti: Alfredo Mela (PoliTo) e Luca Lazzarini (Laboratorio del Cammino)

Giovedì 17 maggio
SALAM NEIGHBOR di Zach Ingrasci e Chris Temple
Ospiti: Enrico Pulitani (Dottorando IUAV) e Mario Artuso (PoliTo)

Giovedì 24 maggio
QUI di Daniele Gaglianone
Ospiti: Daniele Gaglianone (Regista), Luca Staricco (PoliTo) e Carlo Alberto Barbieri (PoliTo)

Alla Bibliomediateca Mario Gromo la mostra "Sicarius" di Ada Visser

SICARIUS di Ada Visser è il terzo dei tre progetti vincitori del bando FUORIFUOCO a essere ospitato nello spazio espositivo della Bibliomediateca Mario Gromo, dal 4 maggio al 29 giugno 2018, nell'ambito della prima edizione di Fo.To. Fotografi a Torino, che si svolge dal 3 maggio al 29 luglio 2018. L’autrice costruisce un racconto fotografico legato alle estetiche della cinematografia contemporanea noir, proponendo uno storyboard in cui le immagini comunicano con efficacia il carattere allucinato della storia narrata.

FUORIFUOCO, il bando promosso dal Museo Nazionale del Cinema e riservato ai giovani fotografi in età compresa tra i 18 e i 31 anni, nasce con l’intento di accogliere e diffondere la produzione fotografica giovanile nelle sue molteplici accezioni, quali espressione artistica, documento visivo, progetto narrativo. L’interesse per l’arte fotografica delle nuove generazioni si sposa con la mission del museo di valorizzare il tema fotografia e il ruolo dei giovani quali attivi produttori di cultura.

FUORIFUOCO offre uno spazio di dialogo e confronto, destinato a una generazione di autori spesso esclusi dai circuiti più istituzionali. 65 i progetti pervenuti, 3 i vincitori: dopo ART OF DECAY di Andrea Meloni e ICONS di Vittoria Ghiotto, il terzo vincitore è Ada Visser con SICARIUS dal 4 maggio al 29 giugno 2018. Vista l’alta qualità dei progetti presentati, la commissione ha deciso di realizzare una mostra collettiva, da metà ottobre e fine dicembre 2018, che presenterà una selezione delle fotografie realizzate dai fotografi Francesca Condo, Helena Falabino, Maria Elisa Ferraris, Elena Ferrari, Mattia Gaido e Chiara Liverani.

Agenda del Cinema di Oggi, giovedì 26 aprile 2018

"Maria Maddalena"
IL CONSIGLIO DEL GIORNO
Tre proiezioni in lingua originale sottotitolata in italiano al cinema Massimo per "Maria Maddalena" di Garth Davis.
Le azioni, le parole, i miracoli e la morte e resurrezione di Gesù Cristo visti dallo sguardo di Maria Maddalena, prima donna tra i suoi discepoli. Una visione al femminile di una pagina di storia tra le più raccontate: sensibilità nuove per rimettersi in discussione, uno sguardo quasi inedito per troppi secoli ignorato e ora rivalutato dalla stessa chiesa.
Rooney Mara è eccellente, Joaquin Phoenix gigioneggia un po' troppo.

LE ALTRE PROIEZIONI
Ancora al cinema Massimo per l'anteprima (aperta ai cani in sala) de "L'Isola dei Cani" di Wes Anderson, e per la presentazione di Matteo Norzi del suo "Icaros: a Vision".
Al Circolo Fuoriluogo​ lo splendido "Una vita difficile" di Dino Risi, a CasArcobaleno proiezione di "Yumann", al Polski Kot​ decimo e ultimo episodio della serie russa "Il maestro e Margherita" di Vladimir Bortko.

TUTTI I DETTAGLI SULLE PROIEZIONI DI OGGI

Infine, tutti i film in prima visione in sala.

Tutti i film in sala a Torino li trovate cliccando sulla foto qui a sinistra.

mercoledì 25 aprile 2018

Film e novità nei cinema a Torino da mercoledì 25 aprile 2018

"Wajib"
Tutti i film in sala a Torino da mercoledì 25 aprile ("Loro 1" è già in sala dal 24) nelle sale di prima e seconda visione.

Le novità della settimana uscite al cinema a Torino sono:

LORO 1 (Ambrosio, Due Giardini, Eliseo, F.lli Marx, Ideal, Lux, Massaua, Reposi, Romano, The Space, Uci)
AVENGERS: INFINITY WAR (Ideal, Lux, Massaua, Reposi, The Space, Uci)
I FANTAMI DI ISMAEL (Massimo)
TERRA BRUCIATA! (Centrale)
WAJIB - INVITO AL MATRIMONIO (Massimo)
LA MELODIE (Nazionale, Uci)
INTERRUPTION (Classico)
TU MI NASCONDI QUALCOSA (Reposi, Uci)
YOUTOPIA (Uci)

Controllate ai link riportati orari e giorni di programmazione.

Festa della Liberazione e 1° maggio al Museo Nazionale del Cinema

In occasione dei prossimi ponti di Primavera, Festa della Liberazione (25 aprile) e Festa del Lavoro (1° maggio) il Museo Nazionale del Cinema sarà sempre aperto per tutto il periodo con i seguenti orari:

Martedì 24 aprile 9.00 - 20.00 (apertura straordinaria)
Mercoledì 25 aprile – Liberazione 9.00 - 20.00
Martedì 1° maggio – Festa del lavoro 9.00 - 20.00 (apertura straordinaria)

Per l’occasione, oltre alla ricca collezione permanente, si potrà visitare la grande mostra #SOUNDFRAMES. Cinema e Musica in mostra, al Museo fino a gennaio 2019, che racconta le contaminazioni tra cinema e musica attraverso un allestimento innovativo e interattivo.
Sono inoltre previste visite guidate alla scoperta del museo, della storia del cinema e della mostra.

TUTTI I GIORNI, DA MERCOLEDÌ 25 APRILE A MARTEDÌ 1° MAGGIO:
ore 11.00 la visita guidata bimbi e famiglie Giochi e racconti prima dei Lumière - Visita guidata per
bambini e famiglie. Dal teatro d’ombre ai primi disegni animati in un racconto che si sviluppa attraverso la scoperta dei giochi ottici e degli spettacoli che hanno preceduto la nascita del cinema.
Durata 1 h, costo 5 euro + ingresso ridotto museo (prenotazione consigliata)

ore 16.00, visita guidata Alla scoperta del Museo - Visita guidata
Per conoscere il Museo e le sue meraviglie, dal teatro d’ombre ai fratelli Lumière, fino ai grandi protagonisti della storia del cinema.
Durata 1 1⁄2 h, costo 6 euro + biglietto ridotto museo (prenotazione consigliata)

ore 17.00, visita guidata in inglese Discovering the Museum of Cinema - Visita guidata per tutti
Percorso guidato in inglese.
Durata 1 1⁄2 h, costo 7 euro + biglietto ridotto museo (prenotazione consigliata)

È consigliabile prenotare le attività compilando il modulo scaricabile dal sito del Museo Nazionale del Cinema – sezione Servizi Educativi e inviandolo a prenotazioni@museocinema.it - Info: 011- 8138564/65.

Agenda del Cinema di Oggi, mercoledì 25 aprile 2018

"Io sto con la sposa"
IL CONSIGLIO DEL GIORNO
Giornata di Festa per l'anniversario della Liberazione, e il programma cinematografico più interessante e a tema è sicuramente quello proposto dall'Associazione Museo Nazionale del Cinema (AMNC) alla Casa nel Parco di Mirafiori, dal titolo "Welcome: libertà e resistenza".
Una ricorrenza speciale come lente per osservare la realtà di oggi: alle ore 10,00 proiezione de "La profezia delle ranocchie", alle 16,00 concerto della Filarmonica Torino Mirafiori; alle 17,00 proiezione di "Io sto con la sposa" di Antonio Augugliaro, Gabriele Del Grande e Kaled Soliman Al Nassiry, alle 18,30/19,30 #MIFIDODITE incontri sul tema dell'affido e sui minori stranieri non accompagnati a cura dell'Associazione Psicologi in contatto Piemonte Onlus.
Alle 21,00 in chiusura proiezione di "Mirafiori raccontata da noi" (2018, 13') realizzato da Yepp Italia in collaborazione con l'Istituto Primo Levi; e a seguire il film "Welcome" di Philippe Lioret.

LE ALTRE PROIEZIONI
Al cinema Massimo spazio al doc "La lunga resistenza - 1936-1945" (sempre proposto dall'AMNC), a seguire il film di Ray "Nayak" e in serata Corti d'Autore del Centro Nazionale del Cortometraggio con l'omaggio a Miride e Zanotto "We're Back!".
L'Esedra oggi propone gli ottimi "Oltre la notte" e "Un sogno chiamato Florida".

TUTTI I DETTAGLI SULLE PROIEZIONI DI OGGI

Infine, tutti i film in prima visione in sala.

Tutti i film in sala a Torino li trovate cliccando sulla foto qui a sinistra.

martedì 24 aprile 2018

Proiezione di "Yumann" a CasArcobaleno

Giovedì 26 aprile 2018, alle 21.00 presso CasArcobaleno, via Bernardino Lanino 3/a, la compagnia cinematografica Deformazione Professionale proietta il suo ultimo lungometraggio Yumann.

Il film – il progetto Yumann nasce nel dicembre 2016 come rivisitazione dello stile noir in chiave underground, ambientato negli anni '90. Con stile fumettistico in un contesto audiovisivo, che permette libertà di espressione e possibilità di attingere all'antinaturalismo, Yumann si dichiara irreale e surreale, mostrando emozioni, relazioni e situazioni esasperate. Una delle manifestazioni surreali è la presenza di alcune pitture facciali, che richiamano la tradizione tribale e suggeriscono un mondo parallelo in cui i caratteri spirituali vengono ancora raffigurati sui volti. Uno dei punti di forza del film sono i dettagli: etichette, poster, biglietti, documenti, banconote, abiti, arredamento, trasmissioni televisive e riviste sono interamente personalizzate, in modo che il mondo di Yumann sia esclusivo e lasci immergere lo spettatore in qualcosa di estraneo ma familiare.
Il ritmo delle inquadrature, dinamico, che non lascia spazio al superfluo, si ispira alle prime opere di Quentin Tarantino e Spike Jonez, con influenze di Edgar Wright; la composizione fa riferimento ai maestri della simmetria quali Stanley Kubrick e Wes Anderson.
Le colonne sonore del lungometraggio sono originali e composte appositamente per il film, spaziando tra diversi generi musicali quali grunge, punk, hardcore, ska, reggae, progressive e jazz, quest'ultimo per sottolineare l'aspetto noir dell'opera; le musiche sono state pensate come parte attiva del film, con un ruolo preciso.

La trama - il protagonista del lungometraggio è Yumann, investigatore del paranormale, che si occupa di tutti i casi che le forze dell'ordine non riescono a gestire. Il suo biglietto da visita mostra la scritta Yumann: vivo un po' qui un po' lì. La sua natura anormale si manifesta nell'imprevedibilità delle azioni che compie, nel linguaggio che utilizza, nei metodi d'indagine e in una spiccata sicurezza di sé. Yumann abita in uno scantinato con Ermete Caraglio, suo assistente e figlio del vicecomandante dei Carabinieri. Nonostante la carriera militare impostagli dal padre, Ermete rimane indifferente all'educazione dura di quell'ambiente e utilizza la sua posizione per accedere a informazioni, documenti e prove utili a Yumann per risolvere i suoi casi. Ai due personaggi principali si avvicinano: La Presbite, testimone che vede tutto da lontano e si trova sempre al posto giusto al momento giusto; Luna, ex ragazza della vittima, che si autodefinisce stronza e sospetta; Il Tokyo e i suoi clienti, circolo di fanatici del gioco d'azzardo tra cui spiccano figure estroverse; Zero, grande amico di Yumann, gestisce un negozio di musica e torna utile per la sua straordinaria conoscenza della tecnologia tipica degli anni in cui è ambientato il film; Surfing Gil, noto conduttore radiofonico della trasmissione Perfect Wave.

Deformazione Professionale – è una compagnia cinematografica indipendente di Torino che produce cortometraggi e lungometraggi dal 2014. Lo stile è incentrato su concetti surrealisti immersi in atmosfere underground e una costante comica ricorrente. Il nome della compagnia deriva dalla commistione di due campi artistici: da una parte il fumetto, dall'altra il teatro, che insieme partoriscono un'idea cinematografica inesplorata, proponendo una costante ricerca e sperimentazione in campo audiovisivo, per quanto riguarda l'originalità delle sceneggiature e il ritmo della narrazione. Deformazione Professionale è composta da Flavio Mastrillo, regista, montatore, sceneggiatore, Filippo Sabarino, attore, sceneggiatore, actor coach, logista, e Lorenzo Ravanello, attore, sceneggiatore e scenografo. Al gruppo si aggrega Matteo Sussio, compositore delle colonne sonore.
Tra i lavori si ricordano Strade Antitetiche, cortometraggio del 2014, secondo classificato al 100 Ore Film Festival di Torino; Prot, del 2015, primo classificato del 30 Ore Film Festival di Collegno; Aluin e Tre, girati nel 2015; Soro, cortometraggio del 2016, primo classificato del 100 Ore Film Festival di Torino.

Durante la proiezione sarà possibile visitare la mostra delle opere a cura di Flavio Mastrillo, in arte Nalsco, e acquistare poster e merchandising del film.

L'ingresso up to you, minimo 3€, riservato ai soci Arci e Arcigay.
Chi non avesse la tessera, può farla al costo di 12€ compreso di ingresso.

Pablo Berger al Classico per presentare "Abracadabra"

Il prossimo martedì 1 maggio alle ore 18.30 il regista Pablo Berger (autore di "Blancanieves" e di "Torremolinos 73") sarà a Torino per presentare al cinema Classico l'anteprima del suo ultimo film, "Abracadabra", in uscita dal 17 maggio con Movies Inspired.

Periferia di Madrid. Carmen è una casalinga frustrata. Carlos, suo marito, è un uomo distaccato e incurante della famiglia. Durante un ricevimento di matrimonio, il cugino di Carmen cerca un volontario da ipnotizzare e Carlos, sebbene scettico, accetta.
Qualcosa però va storto e la situazione sfugge al controllo.

Ingresso 5,00 euro. Per prenotazioni: info@cinemaclassico.it

Agenda del Cinema di Oggi, martedì 24 aprile 2018

"Thelma"
IL CONSIGLIO DEL GIORNO
Chiude oggi l'edizione numero 33 del Lovers Film Festival: al cinema Massimo si chiude questa sera con l'ottima anteprima di "Thelma", ma in programma ci sono anche il doc "McKellen: Playing the part", "Mario" e "Tinta bruta", "As boas maneiras" e "Mi mejor amigo", "Escape from Rented Island", "Permanent green light" e "Inter(sectional)Views".
Nel pomeriggio, omaggio a Valeria Golino con l'incontro aperto pubblico dal titolo Fronte del Corpo.

LE ALTRE PROIEZIONI
Aiace Torino prosegue i festeggiamenti per i suoi primi 50 anni di attività con la proiezione gratuita per i suoi soci de "Il grande Lebowski" al cinema Centrale.
Al Rough c'è "Qualcuno volò sul nido del cuculo", al Piccolo Cinema "Yawar Malki" di Jorge Sanjines, al Baretti per Portofranco "Remember", all'Agnelli c'è "La terra buona" mentre all'Esedra "Un sogno chiamato Florida" e "Oltre la notte".
Al cinema Fratelli Marx proiezione del documentario di Luca Gianfranco "Terra Bruciata!".

TUTTI I DETTAGLI SULLE PROIEZIONI DI OGGI

Infine, tutti i film in prima visione in sala.

Tutti i film in sala a Torino li trovate cliccando sulla foto qui a sinistra.