martedì 28 luglio 2015

Ad agosto torna il MonfilmFest

Anche quest’anno torna il MonfilmFest, giunto ormai alla 13° Edizione, organizzato da Immagina, Associazione Culturale di Cinema e Arte Varia, e il Comune di Casalborgone. Il Festival Internazionale di film in video ha al centro del suo programma “performance” definite “Giochi di Cinema”, che mettono i partecipanti alla prova per la realizzazione completa  di un film. Il Monfilmfest ha come obiettivo principale la ricerca di nuove storie e nuovi talenti, promuovendo un laboratorio di cinema che si identifica con il gioco principale che ha fatto nascere il Monfilmfest, SETTE GIORNI PER UN FILM. Il gioco porta gli autori a produrre in soli sette giorni un cortometraggio senza alcun vincolo se non  quello di trasformare in location il territorio delle province di Torino, Vercelli, Biella, Alessandria e Asti, che trovano in Casalborgone, sede del festival, un epicentro naturale. La popolazione è attiva nell’aiutare le troupe, nel fare comparsate e in qualunque compito organizzativo e di ospitalità. Il Monfilmfest ha promosso autori che hanno avuto un riscontro a livello nazionale  ed internazionale con i film prodotti nelle ultime dodici edizioni.

Fra questi troviamo Adriano Valerio, docente a EICAR, scuola internazionale di cinema di Parigi, oggi al montaggio del suo primo lungometraggio dal titolo “Banat” e vincitore nel 2013 a Cannes della Menzione Speciale della Giuria con il cortometraggio “37° 4 S”. Ricordiamo i palmarès di Elisabetta Bernardini, che con “Baiano” ha vinto 53 premi nel mondo, e che al momento sta realizzando il suo primo lungometraggio “Non ridere, non piangere, non giocare“; così come Andrea Jublin, vincitore del secondo premio al MonFilmFest 2004 con il film “Grazie al cielo” selezionato agli Oscar 2008 con il cortometraggio “Il supplente” e che ha esordito nel gennaio 2015 con il suo primo lungometraggio dal titolo “Banana“. E ancora “Traiettorie Invisibili” di Luc Walpoth con protagonista Orso Maria Guerrini, premiato come miglior attore protagonista al MonFilmFest 2010. Infine al MonFilmFest 2014 un grande successo ha riscosso il film “Vrlo katki izlet (Gita molto breve)” di Igor Bezinović, regista croato talentuoso di cui sicuramente sicuramente sentiremo ancora parlare e così dicasi della regista Micol Rosso che ha vinto il secondo premio con il film “La sete“, formando una troupe totalmente inedita di 5 registi. Le finalità del Monfilmfest sono quelle di provocare un’interazione con la geografia fisica e passionale del territorio e creare un nuovo spazio di ricerca nell’ambito cinematografico, attraverso la rapidità del mondo digitale.

Sotto questo aspetto la produzione dei film del Monfilmfest esce dalle regole di un ambiente, quello del cinema, spesso autoreferenziale,  chiuso in piccole e potenti lobby in competizione spietata sul mercato, che per tempi e modi di produzione porta chi lo fa a separarsi dalla realtà in cui vive, dal senso stesso di realtà. Monfilmfest crea un ciclo virtuoso fra creatività, cultura, economia e territorio, perciò  ha bisogno del territorio stesso per raggiungere questo obiettivo, così come ha bisogno dei “suoi” autori per veicolare quest’idea. Desideriamo che il pubblico sia coinvolto nella kermesse in prima persona senza restare passivo alla visione e non ci riferiamo solo all’istituzione della giuria del pubblico che c’è sin dalla prima edizione: abbiamo cercato di creare spazi di azione vera e propria che permettano al pubblico di interagire con il festival. Durante il Monfilmfest abbiamo assistito a un forte rapporto di comunicazione fra i “Giocatori” e gli “Spettatori” che si scioglie nell’applauso finale alla proiezione dei lavori prodotti. L’applauso e il voto del pubblico ridisegnano in modo rispettoso i ruoli fra “giocatori” e “spettatori”. I Giochi di Cinema a Casalborgone si svolgeranno dal 22 al 29 Agosto 2015.