giovedì 24 settembre 2015

Il TOHorror Film Fest torna in città dal 7 al 10 ottobre

"L'Appel"
Torna sul luogo del delitto il ToHorror Film Fest per celebrare la sua XVma edizione, il Festival di Cinema e Cultura del Fantastico della Città di Torino sfoggia infatti i suoi pezzi migliori in quella che si può definire la sua cornice storica, e cioè il Blah Blah cine/club di via Po 21 dal 7 al 10 ottobre 2015.

Quindici anni di Mostri, Vampiri, Creature e Alieni. Quindici anni di cinema e cultura fantastica rigorosamente indipendente. Quindici anni in cui si è conosciuto artisti e incontrato nuovi amici. Cosa si dice ai quindicenni? Stai diventando grande, ed è proprio così.

"Ampliamo anche quest'anno la nostra visuale sul cinema e la cultura fantastica, cominciando dal tema che sfugge dai consueti sentieri della paura, per affrontare la materia assai cara agli amanti del fantastico dell'eroe (o ancor meglio anti eroe) super umano. PIÙ CHE UMANO è infatti il titolo e tema di questa edizione, che affronteremo nella panoramica e negli incontri che quest'anno avranno una forte presenza di letteratura a fumetti, sempre affiancando un autore affermato e uno emergente o in emersione, per non tradire lo spirito di ricerca continua del festival".
Sarà così per Claudio Chiaverotti, già autore di Dylan Dog e del personaggio di culto Brendon e Andrea Cavaletto, tra le nuove leve di casa Bonelli e astro nascente della scrittura di genere italiana, che si sfideranno a singolar tenzone giovedì 8 ottobre (Aperiterror/fumetti ore 19,30) nel presentare le loro nuove creature, rispettivamente Morgan Lost (Bonelli ed.) e Paranoyd Boyd (Ed. Inkiostro).

Stessa sorte per il secondo incontro dedicato ai fumetti quando a salire sul palco del TOHff2015 venerdì 9 ottobre alle 19,30 saranno Pasquale Ruju, autore di numerosi personaggi per Bonelli Editore qui alle prese con la sua ultima mini serie, Hellnoir (Bonelli ed.), e Pietro Gandolfi giovane e promettente scrittore alle prese qui con la serie indipendente The Noise (ed. Ora Pro Comics).

A chiudere la parte dedicata agli incontri non poteva mancare certo la letteratura, con l'occasione di assistere alla presentazione di KM 98 (Ed. Anordest) ultimo parto del più importante scrittore horror italiano contemporaneo, Danilo Arona qui in coppia con Edoardo Rosati e ancora Pietro Gandolfi in questa occasione alle prese con i suoi ultimi romanzi: William Killed The Radio Star (Dunwich ed.) e Clayton Creed (Vincent Books) per l'ultimo Aperiterror/libri di sabato 10 ottobre alle ore 19,30.

Ma il TOHorror è soprattutto un concorso cinematografico, incroceranno le lame perciò nei rispettivi concorsi ben 10 lungometraggi internazionali (Usa, Uk, Cuba, Messico, Canada, Germania, Francia, Spagna, Italia), che spaziano dal film horror (Anger of the Dead, E.N.D, Hostile, Evil Souls) all'animazione (Pos Eso, Fantasticherie di un Passeggiatore Solitario), dal comic movie (Fury) alla dark comedy (Nina Forever) fino alla Sci-Fi con il primo film di fantascienza cubano (Omega 3); 24 cortometraggi provenienti da svariate parti del mondo e 12 sceneggiature, tutti a contendersi la mannaia premio del festival. Mannaia che andrà anche ai vincitori dei premi speciali Antonio Margheriti (per l'inventiva artigianale), Anna Mondelli (miglior opera prima) e Bloody Simple per i migliori effetti speciali.

Il TOHORROR FILM FEST si concluderà sabato 10 ottobre non prima di aver terminato il discorso super umano non lontano da dove Federico Nietsche abbracciò il famoso equino, con la panoramica dedicata ai fan movie con protagonisti i super eroi: Self-Made Hero con alcune di queste folli, appassionate e divertentissime opere (The Batman Chronicles, Marvel Knight, Punisher: Dirty Laundry, Truth In Journalism, Spiderman Eclipse, Spawn The Recall, Batman Vs Dark Vader, Batman Dead End e altri). Ci sarà inoltre spazio prima della premiazione che decreterà i vincitori del TOHff 2015 di un paio di fuori programma, la presentazione di due progetti in fieri: Sidera serie TV in fase di progettazione diretta dal talento naturale Lorenzo Bianchini già vincitore del ToHorror 2013 per il miglio lungometraggio (Across the River) e prodotta da Collective Picttures e Sangue Misto, film collettivo ad episodi presentato come il primo film horror multietnico dal suo ideatore e coregista Davide Scovazzo, di cui si vedrà l'episodio Rigorosamente Dissanguati Da Vivi.