giovedì 15 ottobre 2015

Presentazione a Torino per "Dust, la seconda vita"


Dopo il successo della prima ferrarese all'interno del Festival di Internazionale, "Dust, la seconda vita" viene presentato a Torino giovedì 22 ottobre alle 21.00 al Circolo della Stampa (Corso Stati Uniti 27).

Con gli autori Stefano Tallia e Stefano Rogliatti interverranno: Carla Peruzzo Coordinatrice medica Medici Senza Frontiere Iraq, Renato Corrado Presidente Aispo, Ilda Curti Assessore Città di Torino con delega all'integrazione e Monica Cerutti Assessore Regione Piemonte con delega all'immigrazione. Conduce la serata la giornalista Alessandra Comazzi.

Nel Kurdistan iracheno vive oggi un milione di profughi. Donne e uomini in fuga dall’avanzata dell’Isis in Siria e Iraq, persone che hanno perso in un attimo tutto ciò che avevano: casa, lavoro, affetti e che in molti casi hanno anche assistito all’uccisione di parenti e amici. Un popolo composto da etnie e religioni diverse, perché la guerra in corso in Medio Oriente non fa alcuna distinzione.

Due giornalisti italiani, Stefano Rogliatti e Stefano Tallia, nello scorso mese di giugno, sono andati a raccogliere le testimonianze dei rifugiati nel campo profughi di Domiz e nei territori che si trovano a nord di Dohuk dove si sono accampati i meno fortunati, quelli che non sono riusciti a trovare spazi nei campi. Un viaggio che apre uno squarcio sulla vita di chi fugge e che si conclude a Erbil, la capitale del Kurdistan, dove hanno trovato riparo i profughi cristiani.

Con le parole dei rifugiati, nel reportage “Dust”, sono raccolte anche le testimonianze degli operatori di Medici Senza Frontiere e delle altre Ong -molte delle quali italiane- tra le quali l’Aispo del San Raffaele di Milano, che si occupano della salute dei rifugiati. Un’attenzione particolare è dedicata ai traumi psicologici provocati dalla guerra alla preziosa attività che gli psicologi svolgono sia con gli adulti che con i bambini.

Il documentario vuole contribuire alla riflessione sul tema dei profughi, oggi di drammatica attualità anche all’interno dei confini dell’Europa. Quello proposto da “Dust” è infatti il racconto di come un paese povero come il Kurdistan abbia saputo aprire le proprie porte con generosità ai rifugiati. Tra le altre testimonianze, particolarmente toccante è l’appello che Azad Haleem, vice direttore dell’ospedale infantile di Dohuk, rivolge agli ospedali di tutto il mondo affinché lo aiutino. Con l’arrivo dei rifugiati la struttura ha visto crescere del 40 per cento il numero dei ricoveri e oggi si trova al limite del collasso.

E non si tratta purtroppo di una situazione temporanea perché i rifugiati sono uomini e donne con poche speranze di tornare nelle proprie terre. Persone per le quali con la fuga è iniziata a tutti gli effetti una seconda vita. Tra la polvere dei campi.

Il collettivo di professionisti che ha lavorato al progetto lo ha fatto a titolo gratuito e come forma di impegno civile per raccontare il dramma di donne, uomini e bambini in fuga dalla guerra.