domenica 8 novembre 2015

Nuovo appuntamento in Bibliomediateca con "Brando, The Man"

La Bibliomediateca “Mario Gromo” presenta la rassegna BRANDO, THE MAN che propone quattro titoli emblematici della filmografia del grande attore ogni lunedì alle ore 15.30. Secondo film in programma, lunedì 9 novembre alle ore 15.30, il drammatico Un tram che si chiama desiderio di Elia Kazan.

Marlon Brando (1924-2004) si impone nel panorama cinematografico americano e mondiale all’inizio degli anni Cinquanta del Novecento. Dotato di un naturale carisma e di una non comune capacità recitativa che affina presso l’Actor’s Studio diretto da Lee Strasberg, Brando rappresenta un nuovo modello di attore, lontano dagli stilemi e dalle maniere in uso nel cinema hollywoodiano. La novità del modello imposto da Brando lo consacrerà, attraverso una serie di prove che risultano tra le più convincenti proposte dal cinema americano dei primi anni Cinquanta, come uno dei maggiori talenti della propria generazione.

La retrospettiva “Brando, The Man” vuole proporre – attraverso alcuni ruoli emblematici che l’attore interpreta nella prima fase dalla propria carriera cinematografica – il processo che ha portato alla creazione dell’icona di Brando, caratterizzata da un divismo in cui c’è la traccia dolente dell’umanità di un uomo contro il suo tempo, capace paradossalmente di trasformarsi in testimone dello stesso.

Elia Kazan
Un tram che si chiama desiderio
(USA 1951, 122’, b/n)
Dopo aver perso il marito, Blanche Dubois si trasferisce a New Orleans, in casa della sorella Stella e di suo marito Stanley Kovalski. Quest’ultimo incarna in se stesso tutto ciò per cui Blanche prova orrore. Ma al contempo la donna ne è irresistibilmente attratta e giunge a sfidarlo in un confronto tra i caratteri che provoca la violenza più cieca che sfocia nello stupro. Blanche ha un tracollo nervoso e viene rinchiusa in una clinica, mentre Stanley cercherà il perdono della moglie.
Interpreti: M. Brando, V. Leigh, K. Hunter, K. Malden.

Tutti gli incontri sono a ingresso libero fino esaurimento posti, previo tesseramento gratuito alla Bibliomediateca e presentazione di un documento d’identità.