martedì 26 gennaio 2016

Tante iniziative per i 15 anni del "nuovo" cinema Massimo

Il Cinema Massimo festeggia 15 anni dalla riapertura, dopo i lavori di ristrutturazione iniziati nel 1991. La nuova struttura, inaugurata il 24 gennaio 2001, in questi anni ha visto transitare nelle sue tre sale oltre 2 milioni di spettatori, ai quali si somma l’ampio pubblico dei Festival. Sono stati oltre 300 gli omaggi e le retrospettive complete organizzate nel frattempo, che hanno offerto al pubblico torinese un’occasione unica di conoscenza del cinema del passato e del presente, dai classici del muto alle sperimentazioni degli autori contemporanei. Un’offerta culturale ampia e articolata, che costituisce un’esperienza di essenziale importanza e con caratteristiche pressoché uniche nel panorama italiano.

Molti sono gli autori del cinema internazionale ospitati tra le sue mura. Solo per citarne alcuni, Abbas Kiarostami, Werner Herzog, Sydney Pollack, Amos Gitai, Miike Takashi, Michael Cimino, Tsukamoto Shinjia, Kim Ki-duk, Peter Weir, Jane Campion e Ken Loach. A questi, si aggiungono i grandi autori del nostro cinema come Nanni Moretti, Gianni Amelio, Mario Monicelli, Carlo Lizzani, Marco Bellocchio, Gabriele Salvatores, Paolo Sorrentino, Paolo Virzì e Matteo Garrone.

LE RETROSPETTIVE E GLI OMAGGI
Molti i progetti per il 2016, che si prospetta come un anno altrettanto ricco di eventi. Primo fra tutti, la nuova veste grafica della pubblicazione mensile, che diventa così uno strumento più leggibile, attraente ed esaustivo per comunicare il programma del cinema.

E molti saranno gli appuntamenti ospitati in Sala Tre nel corso dell’anno a venire: Il Decalogo di Krzysztof Kieslowski, che torna sul grande schermo in occasione del ventennale della morte del regista polacco; la retrospettiva Todd Haynes, in occasione della recente uscita del suo nuovo film Carol, con Cate Blanchett e Rooney Mara, entrambe candidate all’Oscar; Cinema e Islam, il mondo arabo raccontato da registi contemporanei, mettendo a confronto lo sguardo di autori mediorientali e occidentali; una rassegna di film sul jazz che, come tutti gli anni, accompagnerà il Torino Jazz Festival e nella quale sarà inserito un evento speciale; Rendez vous, l’appuntamento con il cinema francese contemporaneo organizzato dall’Ambasciata di Francia e dall’Institut Français con la collaborazione dell’Alliance Française de Turin; la retrospettiva Eric Rohmer, un ampio omaggio ad uno dei registi francesi più amati dal pubblico; una personale di Gus Van Sant, organizzata in occasione della grande mostra dedicata al regista di Portland in programma alla Mole Antonelliana (in collaborazione con la Cinemathéque française) e una retrospettiva  dedicata a Bertrand Tavernier, uno dei più prolifici e importanti registi francesi viventi. A questi si aggiungono le importanti collaborazioni con il festival musicale Todays e con il Festival di Locarno, con una selezione dei film della retrospettiva di quest’anno, dedicata al cinema tedesco del secondo dopoguerra.

PROGETTO GIOVANI
Da alcuni anni il Museo Nazionale del Cinema propone una serie di attività dedicate al pubblico giovane, in collaborazione con enti e istituzioni del territorio. Molte trovano nella Sala 3 del Cinema Massimo il loro naturale luogo di realizzazione: il 2016 vedrà non solo il consolidamento ma l’ampliamento di questa offerta formativa.

Ha preso il via nel mese di gennaio 2015 il Cineclub Vado al Massimo, un progetto triennale realizzato in collaborazione con IC Tommaseo, IC Marconi Antonelli, Scuola secondaria I livello Via Revel, che vede coinvolti gli studenti delle scuole secondarie di I livello in un percorso destinato condurli, al termine della terza annualità, all’organizzazione di una rassegna cinematografica indirizzata ai loro coetanei. Per i ragazzi delle secondarie di II livello, oltre alle proiezioni in sala, prosegue l’attività legata al bando di media education The City I like, che prevede la realizzazione da parte dei ragazzi stessi di brevi filmati della durata di 1 minuto sul tema della città.

È invece appena partito MYLFestival/Face On, due proiezioni al mese concepite da un collettivo interuniversitario di studenti che li presentano e commentano in sala. Uno sguardo giovane su film contemporanei, in parte inediti in Italia, ai quali viene abbinato un cortometraggio scelto dal pubblico presente in sala in occasione dell’appuntamento precedente.

Anche Distopie del presente è un nuovo progetto realizzato in collaborazione con l’associazione interuniversitaria CinePhilo, che prevede un appuntamento mensile (da gennaio a giugno) con proiezioni di film incentrate sul rapporto tra scienza, etica e politica, seguita da un dibattito al termine di ogni proiezione.

Molti altri gli appuntamenti in collaborazione con l’Università degli Studi di Torino. Histoire du Cinéma, una rassegna – nei mesi di ottobre e novembre – dedicata ai classici più significativi della storia del cinema dal muto agli anni Ottanta, introdotti e commentati dai docenti del DAMS; e una Storia del documentario, che indaga il rapporto tra cinema e antropologia in occasione di una rassegna organizzato con i corsi di Antopologia Visiva (Dipartimento di Culture, Politica e Società) e di Storia del cinema documentario (Dipartimento Studi Umanistici); DamsDay, una giornata aperta e gratuita nel corso della quale vengono presentati al Cinema Massimo i progetti realizzati degli studenti durante il loro corso di studi.

Il 2016 vedrà inoltre un’inedita collaborazione con il DAMS e il Conservatorio musicale di Torino nell’ambito dell’appuntamento mensile CROSSROADS, che prevede una rassegna di film muti (due a maggio e due in autunno) musicati dal vivo a cura degli allievi del Conservatorio, preceduti e accompagnati da attività seminariali in ateneo.

Proseguiranno anche nel 2016 le iniziative rivolte ai più piccoli. Cinema con Bebé è un appuntamento consolidato da 4 anni, realizzato in collaborazione con la rivista Giovani Genitori, che prevede proiezioni mattutine di domenica con film d’animazione rivolte ad un pubblico di famiglie con bambini da 0 a 6 anni. Seguendo l’esempio di analoghe esperienze diffuse nei paesi nordeuropei, le proiezioni si svolgono con luci soffuse e a volume ridotto, mentre a disposizione ci sono fasciatoi, scalda biberon e passeggini-parking.

Inedita è invece per il Cinema Massimo l’iniziativa intitolata Cinema in famiglia, in collaborazione con la Fondazione Paideia, che prevede proiezioni al sabato pomeriggio destinate a famiglie con bambini fra i 6 e i 12 anni. Infine, Joueux cinéphiles, realizzata in collaborazione con la Scuola Francese Jean Giono di Torino, propone la proiezione di 5 film in lingua originale (Italiano, Francese, Inglese) di genere comico, tra cui un film muto con accompagnamento musicale dal vivo, e la partecipazione dei genitori.

Il PROGETTO GIOVANI da quest’anno potrà contare sul prezioso sostegno della Reale Mutua – Agenzia Antonelliana, che sponsorizzerà questa specifica attività.