venerdì 11 marzo 2016

Il programma del terzo giorno del Piemonte Movie gLocal Film Festival 2016

"Non essere cattivo"
Il Piemonte Movie gLocal Film Festival, nel giorno di volta di questa 15a edizione, venerdì 11 marzo, propone un fitto programma che inizia fin dal mattino.
Alle 11.30, c/0 Fermata d’Autobus (via Luigi Ornato 4, Torino): conferenza stampa con il regista Guido Chiesa che presenterà il suo lavoro Fragole Celesti, breve film sulla relazione tra abuso sessuale e dipendenza. Segue rinfresco offerto da Fermata d’Autobus.
Fragole Celesti verrà proiettato per la prima volta sul grande schermo sabato 12 marzo alle 20.30, al Cinema Massimo, in occasione dell’omaggio Eclettica, che il Piemonte Movie gLocal Film Festival dedica a Guido Chiesa. Fragole Celesti è in primo luogo una comunità terapeutica che si occupa del trattamento esclusivo di donne fra i 18 e i 50 anni, con gravi disturbi di personalità, che hanno subito abusi e violenze sin dalla più tenera età.

Alle 20.15, al Cinema Massimo, insieme all’ospite LUCA MARINELLI, presenteremo l’ultimo film di Claudio Caligari Non essere cattivo e daremo il via a dell’omaggio Il coraggio di fare cinema, dedicato al regista nato nel 1948 ad Arona (Novara) e prematuramente scomparso lo scorso 26 maggio, realizzato insieme al Museo del Cinema.
Non essere cattivo è la storia di un’amicizia profonda e malsana, tra due giovani, figli del sottoproletariato allo sbando Vittorio e Cesare, interpretato da Luca Marinelli, ruolo che gli è valso il Premio Pasinetti - Migliore Attore alla scorsa Mostra del Cinema di Venezia. Luca Marinelli, attore romano classe 1984, ha esordito con Saverio Costanzo ne La solitudine dei numeri primi, nel 2010, e in questi giorni è in sala come il villain di Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti.
Alle 22.30, l’omaggio prosegue con L’odore della notte film in cui Valerio Mastandrea interpreta Remo, giovane borgataro che di giorno fa il poliziotto e di notte è capo riconosciuto di una banda che toglie ai ricchi romani, con violenza e minacce, in nome del riscatto sociale.
Claudio Caligari era un uomo non avvezzo a compromessi e la sua integrità trova. Il suo obiettivo era fare un cinema tout court e in 30 anni di carriera ha realizzato soli 3 lungometraggi: una sorta di trilogia dedicata alle periferie romane e ai disperati che vi abitano, che con l’omaggio Il coraggio di fare cinema ripercorreremo a ritroso fino ad Amore tossico (domenica 13 marzo).

Venerdì 11 marzo proseguono anche le proiezioni alla Sala Il Movie (Via Cagliari 40) con i film in concorso. Panoramica Doc propone due anteprime regionali, in gara per il Premio Torèt Alberto Signetto (2.500 €) al Miglior Documentario:
Alle 20.00 L’equilibrio del cucchiaino di Adriano Sforzi, sulla leggendaria vita di Alberto “Bertino” Sforzi, uno dei più grandi giocolieri del mondo che ha cominciato ragazzino ed è arrivato a lanciarsi sulla fronte, con la punta del piede, sette piattini, sette tazzine e un cucchiaino, senza perdere l’equilibrio.
Alle 21.30 verrà presentato – nella versione integrale di 140’ - I ricordi del fiume l’ultimo film di Gianluca De Serio e Massimiliano De Serio sul Platz di Torino, una delle baraccopoli più grandi d’Europa smantellata nel 2014, insieme al migliaio di persone che da anni vi vivevano.

In cartellone anche i cortometraggi di Spazio Piemonte: alle 14.30 e alle 18.00, sempre al Movie, continua delle 31 opere brevi finaliste, per il Premio Torèt Miglior Cortometraggio (1.500 €), inframmezzata - alle 16.00 - da Lavorare con lentezza di Guido Chiesa; lungometraggio sulle vicende del movimento studentesco che ruotano attorno alla storica radio libera ‘Radio Alice’ e proposto per l’omaggio Eclettica dedicato al regista piemontese.
Guido Chiesa, ospite al Piemonte Movie gLocal Film Festival, incontrerà il pubblico nella serata di sabato 12 marzo al Cinema Massimo, e a lui toccherà anche il compito di presiedere la giuria di Spazio Piemonte.

IL PROGRAMMA DI VENERDì 11 MARZO

ore 14.30 - Il Movie | SPAZIO PIEMONTE 2
AGUAS DE ORO di Simona Carnino
Maxima Acuña Chaupe vive a 4200m nelle Ande peruviane e nel cuore di Conga, il progetto di espansione di Yanacocha, la miniera d’oro più grande dell’America Latina. Maxima ha un sogno: continuare a vivere li.
LA FONTE di Mattia Venturi
Il lupetto Filippo deve riempire tutte le borracce del campo scout all’unica fonte nel raggio di chilometri. Rodolfo ha un’enorme tanica da riempire per far ripartire la sua macchina in panne.
TAXIDERMIE BERLINOISE di Gabriele Nugara, Dario Lafasciano
Omaggio a Taxi Driver in cui il protagonista Travis diventa l’amico d’infanzia ossessionato dalle memorie dei filmati di un tempo che sovrastano i ricordi delle esperienze fatte insieme.
COSMOETICO di Martina Scarpelli
Cosa c’è prima all’origine dell’universo? Una ragazza cerca di rispondere a queste grandi domande. Per farlo, immagina di svuotare l’universo, arrivare così alla prima porzione di cosmo.
SEMINOLE (iFasti) di Manuele Di Siro
 “Seminole” in creek significa “popolo in movimento”: è il nome di una popolazione indiana che si integrò ad altre tribù e gruppi di schiavi neri fuggitivi.
ROSIN, LA ULTIMA ROSA di Maurizio Bonino, Dorella Gigliotti
Mausoleo della Bela Rosin, ultima dimora di Rosa Vercellana, la popolana a lungo amata dal primo Re d’Italia. Un rito fuori dal tempo celebrerà il nuovo incontro tra i due amanti, cristallizzando il desiderio in eternità.
L’AMANTE DEL CERVO di Carmelo Brustia
Una giovane apprendista conosce i segreti della natura attraverso il Dio Cervo. Ma un viaggiatore di stelle la cattura costringendola a creare un mondo di morte, soltanto un danzatore misterioso potrà liberarla.

ore 16.00 - Il Movie | ECLETTICA. OMAGGIO A GUIDO CHIESA
LAVORARE CON LENTEZZA di Guido Chiesa
Italia, 2004, 111’, col.
Con Tommaso Ramenghi, Marco Luisi, Claudia Pandolfi, Valerio Mastandrea, Valerio Binasco, Jacopo Bonvicini
Bologna, 1976. Radio Alice è la radio del movimento studentesco: fantasia, rifiuto del lavoro salariato, libertà sessuale e provocazioni culturali. Un mondo estraneo ai tutori dell’ordine e ai “bravi cittadini”, ma anche ai ragazzi delle periferie. Come a Safagna, periferia sud, dove Sgualo e Pelo possono solo sognare una via d’uscita dal quotidiano. Finché una notte decidono di andare alla sede dell’emittente: inizia per loro l’avventura di un mondo nuovo.

ore 18.00 - Il Movie | SPAZIO PIEMONTE 3
MALA VITA di Angelo Licata
La capacità di Antonio di piacere agli altri gli ha sempre permesso di sopravvivere ogni volta che finisce in galera, ma questa volta un boss della camorra, tiene in ostaggio i compagni di cella con violenze e intimidazioni.
LA NOTTE DI LORENZO di Claudio Flamia
Lorenzo è un agricoltore che si prende cura della sua terra con zelo. Una sera il suo trattore si rompe e, visto che il meccanico non è disponibile, decide di passare la notte lì, a difendere ciò che gli serve per vivere.
IL NEMICO È LÀ FUORI di Elis Karakaci, Alessandro Genitori
In una casa abbandonata quattro ragazzi si risvegliano senza sapere come sono giunti fin lì. Da altoparlanti appesi alle pareti una voce delirante minaccia i giovani di morte, mentre intorno a loro ci sono decine di armi.
DUST - LA VITA CHE VORREI di Gabriele Falsetta
Dust è l’epopea di otto disabili fisici e psichici che vivono all’interno di un Istituto, il Cottolengo di Torino. Attraverso un percorso creativo questi personaggi mettono in scena se stessi e la vita che vorrebbero.
UNDEQUINQUAGINTA di Marco Marcigliano
Un cameriere molto scrupoloso viene licenziato perché troppo serio con i clienti. Si imbatterà in un uomo che è il suo opposto e che lo contagerà con un po’ di leggerezza.

ore 20.00 - Il Movie | PANORAMICA DOC
> ANTEPRIMA REGIONALE | INTERVIENE IL REGISTA
L’EQUILIBRIO DEL CUCCHIAINO di Adriano Sforzi
Italia, 2015, 62’, col.
Trent’anni in equilibrio su un filo: è la vita di Alberto “Bertino” Sforzi, tutta passata in un mondo eccentrico e meraviglioso, quello del circo. Figlio di un’antica tradizione, ha cominciato ragazzino e da quel filo non è più sceso, arrivando a lanciarsi sulla fronte, con la punta del piede, sette piattini, sette tazzine e un cucchiaino, senza perdere l’equilibrio. Le avventure e la determinazione di una leggenda tra i circensi rivivono in un film che si arricchisce di raffinato materiale d’epoca. Una storia d’arte e d’amore: quello per Ghisi, compagna da più di cinquant’anni e proprietaria del circo-famiglia unico al mondo, il Circo Medrano.

ore 20.15 - Cinema Massimo | IL CORAGGIO DI FARE CINEMA. OMAGGIO A CLAUDIO CALIGARI
NON ESSERE CATTIVO di Claudio Caligari | OSPITE L’ATTORE PROTAGONISTA LUCA MARINELLI
Italia, 2015, 100’, col.
Con Luca Marinelli, Alessandro Borghi, Silvia D’Amico.
Ostia, 1995. Vittorio e Cesare hanno poco più di vent’anni e sono amici da sempre. Figli del sottoproletariato, non hanno ricevuto istruzione e non hanno un lavoro. La loro vita è fatta di ore ai tavoli del bar e di serate in discoteca, il tutto condito da pasticche, alcol e coca (che spacciano per tirar su qualche lira). Una sera Vittorio esagera e l’esperienza lo sconvolge a tal punto da voler abbandonare questa vita, cercarsi un lavoro e, magari, iniziare una storia seria con Linda. Cesare, il più fragile dei due, vive questa svolta come una pugnalata alle spalle e sprofonda ancora di più negli eccessi. Il legame con Vittorio però, sarà duro a spezzarsi.

ore 21.30 - Il Movie | PANORAMICA DOC
> ANTEPRIMA REGIONALE | INTERVENGONO I REGISTI
I RICORDI DEL FIUME di Gianluca e Massimiliano De Serio
Italia, 2015, 140’, col.
Il Platz di Torino è una delle baraccopoli più grandi d’Europa. Un progetto di smantellamento si abbatte sulla comunità che lo abita: si tratta di oltre un migliaio di persone, alcune delle quali rientrano nel censimento della prefettura e potranno essere trasferite in case nuove. Il destino di tante altre, invece, è di tornare nel Paese natale o cercare un’altra sistemazione di fortuna. In una labirintica immersione, I ricordi del fiume ritrae gli ultimi mesi di esistenza del Platz.

ore 22.30 - Cinema Massimo | IL CORAGGIO DI FARE CINEMA. OMAGGIO A CLAUDIO CALIGARI
L’ODORE DELLA NOTTE di Claudio Caligari
Italia, 1998, 100’, col.
Con Valerio Mastandrea, Marco Giallini, Giorgio Tirabassi, Little Tony.
Roma: tra la fine degli anni Settanta e i primi anni Ottanta, Remo Guerra, poliziotto di origini borgatare che di notte diventa capo di una banda di malviventi, semina il panico nella capitale, assaltando i “quartieri alti”, per il semplice gusto di veder soffrire chi è stato più fortunato di lui. I colpi si susseguono e, insieme a essi, la consapevolezza di vivere in una società basata sull’ingiustizia e piena di contraddizioni. È giusto che proprio Remo, un criminale, si erga a portavoce di giustizia e senso civico? Liberamente ispirato al romanzo “Le notti di arancia meccanica” di Dido Sacchettoni.