venerdì 1 aprile 2016

Al MAO nuova proiezione per "Palmira, la meraviglia del deserto"

"Palmira, la meraviglia del deserto"
In occasione della liberazione della città di Palmira dall’occupazione delle truppe dell’Isis e per soddisfare quanti non sono riusciti a seguire l’evento la settimana scorsa, il MAO ripropone venerdì 1 aprile alle ore 18.00 la proiezione del documentario PALMIRA, LA MERAVIGLIA DEL DESERTO. Un omaggio a Khaled Al Asaad.

Per l’occasione il Museo ha chiesto agli autori del documentario di condividere, attraverso una dichiarazione,  la felice notizia di questi giorni. Così Elisa Greco ci scrive di speranza e rinascita: “Le notizie di questi giorni sulla liberazione di Palmira ci indicano quanto la città sia al centro della Storia e dell' attualità: da doloroso simbolo di distruzione in queste ultime ore si è  trasformata, pur nell'immutabilità delle sue meraviglie e dei suoi templi in simbolo di rinascita cosi come l'appello di  Khaled Al Asaad evidenzia ancora di più quanto la Cultura sia messaggio di Pace e di dialogo tra i popoli”.

“Grande soddisfazione per la liberazione della città” sono invece le prime parole di Federico Fazzuoli che subito riprende guardando al futuro “ora  si riparte con la valutazione dei danni e credo che l'Italia potrà svolgere un ruolo guida per il restauro, sia per la storia comune, sia  per onorare  le parole dello stesso prof. Khaled Al Asaad che ha parlato del ruolo particolare che l'Italia può rappresentare”.

La serata di venerdì 1° aprile prevede l’intervento di Generoso Urciuoli, archeologo del MAO, il quale introdurrà il pubblico alla visone del documentario guidandolo alla scoperta dell’antica città siriana. Ricostruirà la storia attraverso il racconto di alcuni oggetti, rinvenimenti archeologici che ci faranno immaginare la magnificenza del sito riconosciuto dall’Unesco come Patrimonio dell’Umanità. Toccando infine il difficile e quanto mai attuale e urgente problema della ricostruzione.

Titolo inglese: Palmira, the wonder of the desert; Anno: 2015; Durata: 50'
Regista: Federico Fazzuoli
Autori: F. Fazzuoli e E. Greco
Produzione: coproduzione Rai Cultura – Vercom
Ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili