venerdì 20 gennaio 2017

"Scaramouche" alla Bibliomediateca Gromo per I Maestri dell'Avventura

"Scaramouche"
Prosegue, nella sala incontri della Bibliomediateca Mario Gromo, la rassegna I MAESTRI DELL’AVVENTURA: un omaggio al grande cinema hollywodiano di avventure, con alcuni titoli classici che hanno fatto sognare e trasportato in mondi lontani e fantastici generazioni di spettatori. Dai Caraibi de Il corsaro dell’isola verde alla Florida di Tamburi lontani, dalla Francia di fine Settecento di Scaramouche al medioevo de I cavalieri della tavola rotonda, i quattro appuntamenti del lunedì propongono alcuni dei migliori film d’avventure realizzati nella prima meta degli anni Cinquanta, quando il cinema era davvero una straordinaria macchina dei sogni. Questa settimama è la volta di Scaramouche di George Sidney.

Tutte le proiezioni sono a ingresso libero fino esaurimento posti, previo tesseramento gratuito alla Bibliomediateca e presentazione di un documento d’identità.

George Sidney
Scaramouche
(USA, 1952; 115’)
André Moreau, figlio di nobile francese sconosciuto, non si interessa affatto di politica fino al momento in cui il suo amico Philippe de Valmorin, con cui è cresciuto, viene ricercato per reato contro i soldati del re. Nell’aiutare Philippe a fuggire da Parigi, André inizia la sua avventura. Gli dicono che il conte di Gavrillac è suo padre, poi lo scopre morto. Si innamora della bellissima figlia di Gavrillac, Aline, poi apprende che è sua sorella. Philippe viene ucciso dal famoso spadaccino Noel, mentre André è immobilizzato dalla punta della spada dell’amico di Noel. André riesce a fuggire e giura vendetta. Inseguito come traditore, egli trova rifugio in una compagnia di attori nella quale la sua fidanzata Lenore interpreta il ruolo di Colombina. Nelle vesti di pagliaccio Scaramouche, André ha un grande successo. Egli non è un buon spadaccino e prende lezioni dall’istruttore di Noel. Prima di aver raggiunto l’abilità necessaria per uccidere il suo nemico, il sotterfugio è scoperto da Noel e André sta per essere ucciso in duello. è pero salvato da Eline che, per ordine della regina Maria Antonietta, è fidanzata a Noel. Nella parte di Scaramouche André ritorna a Parigi per perfezionarsi nell’arte della spada e intanto ottiene molto successo in teatro accanto a Lenore. Sotto il suo vero nome, egli viene nominato deputato all’assemblea nazionale ed è incaricato di porre fine  all’uccisone di personalità del popola da parte di alcuni nobili. Egli non vede l’ora di incontrarsi a duello con Noel ma i due vengono ripetutamente tenuti a distanza grazie all’intervento di Lenore e Aline, le quali temono ambedue per la vita di André. malgrado ciò i due riusciranno a sfidarsi, scoprendo infine il segreto dei natali di André.