mercoledì 31 gennaio 2018

SEEYOUSOUND International Music Film Festival - giorno 7

"Stuck"
Ancora una anteprima italiana per la IV edizione di SEEYOUSOUND che domani, giovedì 1° febbraio, propone Souvenir alle 20.00, nella Sala 3 del Cinema Massimo. Il film, co-produzione fra Belgio, Lussemburgo e Francia, è diretto da Bavo Defurne e fa parte di INTO THE GROOVE.
L'opera segue le vicende di Liliane, ex cantante che in passato ha partecipato all'Eurovision Song Contest, guadagnando un secondo posto alle spalle degli ABBA. Dopo diversi anni, la protagonista del film, interpretata da una splendida Isabelle Huppert, decide di riprendere in mano il microfono, richiamando il suo vecchio manager, ma dovrà scendere a compromessi.
La proiezione è preceduta dal corto Spotlight on Merna di Mirjam Marks, in concorso per 7INCH.

Tre occasioni da non perdere
Con il festival che si avvicina alla premiazione di sabato, i prossimi giorni di SEEYOUSOUND sono l’occasione per vedere titoli importanti, sempre nella sala 3 del Cinema Massimo, che già alle loro prime proiezioni a hanno ottenuto un grande successo di pubblico.
È il caso di American Valhalla di Andreas Neumann e Josh Homme, film che mostra il dietro le quinte della creazione del diciassettesimo album di Iggy Pop e che ha già riempito la sala al suo esordio al Cinema Massimo. L'opera, che fa parte di INTO THE GROOVE, sarà riproposta alle 22.00, preceduta dal videoclip Surefire di John Legend, diretto da Cole Wiley, in concorso per SOUNDIES.

Un altro film che è stato molto apprezzato dal pubblico del festival, sarà invece replicato al pomeriggio: Stuck di Michael Berry, primo musical in concorso a SYS per la sezione LONG PLAY FEATURE, sarà presentato alle 17.45 da Luca Cerchiari, musicologo e critico cinematografico, che presenterà il suo libro "Storia del Musical" insieme a Giulia Carluccio, docente presso l'Università di Torino. Il film vede sei newyorkesi intrappolati in una carrozza della metro che, rotto l’iniziale silenzio, iniziano a conversare e cantare. Una fetta dell'America contemporanea con una colonna sonora originale, accattivante ed emozionante, e Giancarlo Esposito nel ruolo di un misterioso senzatetto.

Ultima occasione anche per The Inertia Variations di Johanna St. Michaels, che fa parte della sezione RISING SOUND, riproposto alle 15.15 insieme a Rocknrollers di Daan Bol, in concorso per 7INCH.

Fuori dal cinema
Alle 19.00, il Circolo dei lettori ospiterà un aperitivo musicale, curato da SEEYOUSOUND, mentre la giornata si concluderà al Circolo Amantes, dove alle 23.30 sarà Dj Paolone aka Ferrari a posizionarsi ai piatti per un dj set. Alla stessa ora, il Rough Dive Bar ospiterà un altro appuntamento di Soundies&The City, con una selezione di videoclip in concorso al festival.

In Bibliomediateca per tutto il mese di febbraio la rassegna "L’altro John Ford"

"Traditore"
Dopo il successo delle rassegne proposte dalla Bibliomediateca Mario Gromo negli scorsi mesi, a febbraio è la volta di un omaggio a John Ford, non nella sua veste di padre indiscusso dell’western americano ma in quella di regista che ha saputo destreggiarsi con maestria in diversi altri generi, sempre con successo e con il suo stile inconfondibile. La rassegna L’altro John Ford sarà inaugurata dalla proiezione di Traditore, film vincitore di quattro premi Oscar, tra cui quelli per la miglior regia e il miglior attore protagonista.

Forse nessun regista più di John Ford incarna nella propria opera il concetto di classicità cinematografica che si sostanzia e fa proprio un ethos segnatamente americano. Il suo cinema, che è narrazione di personaggi colti nella grandezza e fragilità che li rende umanissimi e veri, è un mosaico composito, vivace, plurale e pulsante di vita. È un vasto affresco che disegna la storia dell’America, ne indaga e ne definisce il mito, ora cantandone l’epopea ora mettendone in luce le intime ma feconde contraddizioni. Non a caso Ford è considerato uno dei registi fondamentali nella nascita, nell’evoluzione e nella definizione dei caratteri peculiari del western, genere al quale è legato a doppio filo e con il quale è comunemente identificato: basterebbero capolavori come Ombre rosse, Sfida infernale e Sentieri selvaggi per testimoniare l’importanza che questo figlio di immigrati irlandesi ha avuto nella creazione di un’epica ancor oggi pervasiva e capace di entrare nell’immaginario collettivo non solo americano.

Agenda del Cinema di Oggi, mercoledì 31 gennaio 2018

"Bird on a wire"
IL CONSIGLIO DEL GIORNO
Al cinema Massimo per il Seeyousound International Music Film Festival è il giorno dell'ospite d'onore Tony Palmer, di cui verranno proiettati tre lavori, "Testimony" con Ben Kingsley, il seminale "All my loving" e "Bird on a wire" su e con Leonard Cohen.
Nel pomeriggio, il doc "You are Teddybears".

LE ALTRE PROIEZIONI
Doppia proiezione al Museo del Risorgimento per "I Vicere" di Roberto Faenza.
Al cinema Fratelli Marx il doc "Pagine nascoste".

TUTTI I DETTAGLI SULLE PROIEZIONI DI OGGI

Infine, tutti i film in prima visione in sala.

Tutti i film in sala a Torino li trovate cliccando sulla foto qui a sinistra.

martedì 30 gennaio 2018

SEEYOUSOUND International Music Film Festival - giorno 6

Domani, 31 gennaio, SEEYOUSOUND per la prima volta renderà omaggio a una grande figura che ha segnato la storia della musica attraverso gli occhi della macchina da presa: Tony Palmer. Ospite della quarta edizione del festival, è riconosciuto come uno dei più importanti registi al mondo nel campo dei film a tematica musicale.
A partire dalle 18.00, tre film daranno vita a una vera e propria “maratona-evento”, presentata dal regista britannico, che veste anche i panni del giurato per LONG PLAY DOC.

Una carriera, la sua, iniziata nel pieno degli anni ’60 e che l’ha portato a firmare oltre 100 tra film di finzione e documentari, ottenendo 45 premi in tutto il mondo e 12 medaglie d’oro del New York Film Festival. Palmer ha lavorato con attori del calibro di Laurence Olivier, Richard Burton, Vanessa Redgrave, Ben Kingsley e Peter Sellers.
Ma è soprattutto col documentario che Palmer è entrato nella storia, immortalando performer leggendari dai Beatles a Frank Zappa, passando per The Who, Pink Floyd, Maria Callas, Jimi Hendrix, con una capacità unica di mostrarne la grandezza e con un taglio personale.

I film di Tony Palmer
Si comincia con Testimony, pellicola del 1987 che vede Ben Kingsley nei panni di Dmitri Shostakovich, il più noto e perseguitato compositore nell’Unione Sovietica di Stalin.
Fortemente convinto che i compositori siano i più eloquenti e sinceri testimoni del loro tempo, Palmer restituisce uno sguardo poetico sulla «Madre Russia» attraverso un ritratto che esalta la connessione tra la creazione musicale e il contesto storico.

Alle 21.00 sarà proiettato All My Loving, opera del 1968 che mette a fuoco la politica e la scena rock’n’roll dei tardi anni ’60, con una serie di interviste ai musicisti, tra brani epocali e le tappe salienti del fermento sociale.
Frutto di un’operazione a quattro mani con John Lennon, che intendeva portare la carica rivoluzionaria della musica rock nelle case degli inglesi attraverso la tv, il documentario è una finestra sul passato, sull’importanza che quella musica ha avuto per intere generazioni e che, ancora oggi, riesce a suscitare intense emozioni grazie alle sue straordinarie vibrazioni.

Sarà poi Bird on a Wire, alle 22.30, a chiudere la maratona. Il film, uscito nel 1973, mostra il tour che Leonard Cohen tenne durante l’anno precedente. Nelle immagini scorrono concerti, backstage e anche momenti privati senza alcuna restrizione.
Il film è rimasto perduto per quasi 40 anni dopo che Cohen e il suo manager – che avevano ingaggiato Palmer – hanno rifiutato la versione finale, giudicata troppo coinvolgente dal punto di vista emotivo. Nel 2009, Palmer ha potuto recuperare la maggior parte del girato e ha ricostruito Bird on a Wire secondo il progetto originale, proponendo uno dei documentari musicali più veritieri della storia, che solo nel 2017 ha raggiunto le sale cinematografiche.

Gli altri eventi
Alle 15.00, intanto, sarà proiettato in replica You Are Teddybears di John Boisen e Björn Frävemark, opera svedese in concorso per LONG PLAY DOC. La proiezione sarà preceduta dal corto statunitense Richard Twice di Matthew Salton, in concorso per 7INCH.

Alle 18.00, poi, proseguiranno gli appuntamenti di CASA SEEYOUSOUND al Circolo dei lettori, che ospiterà il panel La fotografia nel cinema. Interverranno: Sergio Mellina, docente presso l’Istituto per le arti grafiche e fotografiche “Giambattista Bodoni”, e Gilles De Paoli, responsabile di Nikon Professional Service.
La giornata, come di consueto, si concluderà al Circolo Amantes, che alle 23.30 dedicherà un dj set a Tony Palmer, con Strange X e Dj Ricky Dosio. Alla stessa ora il Rough Dive Bar ospiterà un appuntamento di Soundies&The City, con una selezione di videoclip in concorso per SOUNDIES.

Il 5 febbraio al Blah Blah torna il Lunedì Nero del TOHorror Film Fest

"Rift"
Il secondo appuntamento 2018 del Lunedì Nero del TOHorror Film Fest è dedicato a una delle opere più interessanti presentate alla scorsa edizione del festival: Rift di Erlingur Thoroddsen  (Islanda, 2017, 111').

Il Cineclub Blah Blah di via Po 21 ospiterà lunedì 5 febbraio dalle 21 la proiezione del film e sarà come sempre la casa di tutto il ciclo del Lunedì Nero, che ogni primo lunedì del mese ci accompagnerà dritti alla diciottesima edizione del TOHorror, prevista a ottobre.

Rift, film di chiusura del 40° Göteborg International Film Festival, è un'atipica ghost story giocata sul crinale dell'ambiguità fra realtà e psicosi, naturale e sovrannaturale. Protagonisti, una giovane coppia omosessuale che si misura con la fine dell'amore, isolandosi in una baita ai piedi di un ghiacciaio dove iniziano a verificarsi fenomeni e apparizioni inquietanti. Erlingur Thoroddsen, regista e sceneggiatore, ragiona sul fantasma del passato che ritorna, sulla definizione dell'Io, e fa i conti con le esitazioni della maschilità contemporanea, presentandoci quell'oggetto non identificato che sono le relazioni affettive in tutta la loro resistenza a essere comprese. Thriller-horror elegante e glaciale, Rift è stato premiato all'Outfest Film Festival 2017 di Los Angeles e al 20° California Independent Film Festival, dove ha vinto il premio alla migliore fotografia. Ingresso in sala a 3 euro, motivo in più per non lasciarsi sfuggire un gioiello nascosto che il TOHorror è felice di riproporre.

Per tutte le novità è possibile visitare il sito www.tohorrorfilmfest.it

Agenda del Cinema di Oggi, martedì 30 gennaio 2018

"Ryuichi Sakamoto: Coda"
IL CONSIGLIO DEL GIORNO
Anche oggi quattro proposte di qualità al cinema Massimo per il Seeyousound International Music Film Fest: si parte con l'argentino "Musica para casarse", si prosegue con "Talk to me", mentre in serata l'attesissimo e incantevole "Ryuichi Sakamoto: Coda" sarà seguito da "Radio Kobani".

LE ALTRE PROIEZIONI
Il Piccolo Cinema ospita in serata il film giapponese "Una pagina di follia" di Teinosuke Kinugasa.
Al Baretti c'è "The station agent" per Portofranco, all'Agnelli "The greatest showman", al Rough "Atomica bionda".
Doppia proiezione al Museo del Risorgimento per "I Vicere".

TUTTI I DETTAGLI SULLE PROIEZIONI DI OGGI

Infine, tutti i film in prima visione in sala.

Tutti i film in sala a Torino li trovate cliccando sulla foto qui a sinistra.

lunedì 29 gennaio 2018

SEEYOUSOUND International Music Film Festival - giorno 5

"Radio Kobani"
La programmazione di SEEYOUSOUND di domani, 30 gennaio, inizialmente prevista nella Sala 3 del Cinema Massimo, si sposterà nella Sala 1.

Con il festival prossimo al giro di boa, il pubblico avrà un’occasione unica per vedere Ryuichi Sakamoto: Coda, pellicola diretta da Stephen Nomura Schible già presentata all’ultima Mostra del Cinema di Venezia. La proiezione sarà presentata da Giorgio Li Calzi alle 20.00.
L’opera è un viaggio intimistico durato cinque anni, nei quali il regista ha documentato le reazioni di Sakamoto al disastro di Fukushima, sfociate nell’organizzazione della manifestazione antinucleare del 2012. Durante le riprese, tuttavia, al compositore giapponese fu diagnosticato un cancro alla gola, avvenimento che cambiò totalmente i piani del regista. Coda è diventato quindi un biopic non cronologico, ma basato sulle emozioni. Il documentario, in sala, sarà preceduto dal videoclip Post Requisite dei Flying Lotus, diretto da Winston Hacking, in concorso per SOUNDIES.

Alle 22.15, poi, toccherà a un’altra opera molto attesa, che ha ottenuto successi in altri festival internazionali. Si tratta di Radio Kobanî di Reber Dosky, uno dei cinque titoli che compongono la sezione RISING SOUND, quest’anno dedicata alla radio, con il sottotitolo Radioactivity.
L’opera, frutto di tre anni di riprese, premiata come Miglior documentario olandese all’IDFA 2016, scopre una Kobane che resiste agli attacchi dell’Isis attraverso le frequenze di The Voice of Kobane, unica stazione sopravvissuta. Ogni giorno, da quei microfoni, Dilovan Kiko, una ragazza curda, dà il buongiorno e racconta la resistenza, la tragedia, i profughi. L’opera è un inno alla speranza.

Al pomeriggio
Le proiezioni di RISING SOUND, domani, saranno due, perché già alle 17.30 sarà proiettato Talk To Me di Kasi Lemmons, unica opera di finzione della sezione, dove uno straordinario Don Cheadle interpreta il controverso Ralph Waldo “Petey” Greene. Lo speaker afroamericano, negli anni ’60, diventò la voce di punta dell’emittente WOL-AM, in una Washington in pieno conflitto razziale. La sua figura, però, contribuì a tenere unita la comunità nera della capitale americana. Nel cast anche Martin Sheen (Apocalypse Now, Prova a prendermi, The Departed, Selma).

Sempre domani pomeriggio, ma alle 15.00, sarà proiettato in replica Musica para casarse di José Militano, opera in concorso per LONG PLAY FEATURE.

Fuori dal cinema
Continuano gli appuntamenti di CASA SEEYOUSOUND al Circolo dei lettori, che alle 18.00 ospiterà il panel Accessibilità al cinema e alla musica, che tratterà questo tema in merito ai disabili sensoriali.
Parteciperanno all’incontro: Paola Traversi, responsabile servizi educativi del Museo Nazionale del Cinema, Paolo Manera, direttore Film Commission Torino Piemonte, Serafino Timeo, presidente provinciale Ente Nazionale Sordi, Rosa Canosa, responsabile progetto Più cinema per tutti (AMNC), Paolo Spaccamonti, musicista e compositore, e Giorgio Cordias, coordinatore del centro diurno per disabili Cadd El Duende.

Due appuntamenti serali chiuderanno la giornata. Alle 23.30, al Circolo Amantes, si terrà il dj set di Dj Ale Tubo, dal titolo Walking Through Torino. Alla stessa ora, intanto, il Rough Dive Bar ospiterà un altro appuntamento di Soundies&The City, con una selezione dei videoclip in concorso al festival.

Informazioni
Le proiezioni si svolgono tutte al Cinema Massimo (via Verdi 18, Torino).
I biglietti hanno il costo di 6,50 euro (ridotto 4,50 euro) e sono acquistabili ogni giorno in biglietteria a partire dalle 14.45, oppure online sul sito ufficiale del festival. Sono inoltre disponibili delle formule di abbonamento.

"L'ora più buia" è il film più visto nel fine settimana a Torino, secondo Guadagnino

"Chiamami col tuo nome"
Fine settimana da 48.311 spettatori torinesi in sala: vince ancora una volta "L'ora più buia", ma "Chiamami col tuo nome" di Luca Guadagnino lo incalza. Terzo Ligabue con "Made in Italy".

Quarto posto a sorpresa per "L'uomo sul treno" con Liam Neeson.

Tra i fuori classifica, da segnalare "Un sacchetto di biglie" con 1.809 spettatori, "Bigfoot Junior" con 1.699 e "Downsizing" con 1.524.

CLASSIFICA WEEK END 26-27-28 GENNAIO 2018

1. L'ORA PIU' BUIA   5.830 € 34.180
2. CHIAMAMI COL TUO NOME   4.250 € 25.769
3. MADE IN ITALY 4.111 € 26.501
4. L'UOMO SUL TRENO - THE COMMUTER 4.017 € 25.827
5. ELLA & JOHN   3.992 € 22.606
6. BENEDETTA FOLLIA 3.743 € 23.126
7. TRE MANIFESTI A EBBING, MISSOURI  3.219 € 18.730
8. IL VEGETALE 2.616 € 16.788
9. COCO  2.261 € 15.355
10. JUMANJI: BENVENUTI NELLA GIUNGLA   2.093 € 14.388

(Dati Cinetel)

Agenda del Cinema di Oggi, lunedì 29 gennaio 2018

"Betty - They say I'm different"
IL CONSIGLIO DEL GIORNO
Quattro film al cinema Massimo per il Seeyousound International Music Film Festival: nell'ordine "Sex & Broadcasting", "The Public Image is Rotten", in serata "England is mine" sul giovane Morrissey e in chiusura "Betty - They say I'm different" sulla figura di Betty Davis.

LE ALTRE PROIEZIONI
Ultimo appuntamento con Michael Curtiz alla Bibliomediateca Mario Gromo, il film è "Lo sparviero del mare".
Cinema di pace questa sera con l'AMNC all'Infopoint di Emergency, al Blah Blah c'è "Machete", all'Esedra "Una questione privata", al Monterosa "La signora dello zoo di Varsavia", all'Agnelli "The greatest showman".

TUTTI I DETTAGLI SULLE PROIEZIONI DI OGGI

Infine, tutti i film in prima visione in sala.

Tutti i film in sala a Torino li trovate cliccando sulla foto qui a sinistra.

domenica 28 gennaio 2018

SEEYOUSOUND International Music Film Festival - giorno 4

"Betty"
Domani, lunedì 29 gennaio, a SEEYOUSOUND sarà il giorno di tre importanti titoli fuori concorso. Per la sezione RISING SOUND, dedicata quest’anno alla Radio, alle 15.30 il Cinema Massimo ospiterà Sex & Broadcasting di Tim K.Smith. L’opera statunitense, in anteprima italiana, è un documentario sulla WFMU, una delle più eccentriche stazioni radio americane che prosegue imperterrita con una programmazione indipendente, seguita da un solido gruppo di appassionati di cui fa parte anche Matt Groening che così dice di quando ci si è imbattuto per la prima volta: “Mischiava il melenso, l’easy listening, poi una raffica del più aggressivo punknoise, e passava continuamente dall’uno all’altro: questo è quello che mi ha fatto impazzire!”

Alle 17.45, ultima occasione di vedere a SYS la vita di Johnny Rotten – ex leader dei Sex Pistols -  con la replica di The Public Image Is Rotten di Tabbert Filler.

Alle 20.00, toccherà invece a Morrisey, con il biopic England Is Mine di Mark Gill, lungometraggio britannico incluso nella sezione INTO THE GROOVE. L’opera racconta l’adolescenza di Steven Patrick Morrissey prima che diventasse il leader dei The Smiths e uno dei più influenti cantautori degli ultimi decenni. Il film sarà preceduto da Justice di Rive, diretto da Maké, in concorso per SOUNDIES.

Chiude il programma di sala di lunedì 29, Betty – They Say I’m Different di Phil Cox. L’opera, in anteprima italiana alle 22.15, racconta la vita di Betty Davis, icona musicale anni ’70, svelando i retroscena degli ultimi 35 anni di invisibilità, per la rassegna INTO THE GROOVE. Prima ci sarà il videoclip Rushin’ Guy di LIM, diretto da Giorgio Calace e Karol Sudolski.

Gli eventi
Continuano gli appuntamenti di Casa Seeyousound. Domani alle 18.00 la Sala Cinese del Circolo dei Lettori ospiterà Comporre musica da film, con Pivio e Stefano Caprioli, giurati di SEEYOUSOUND e fondatori dell’ACMF – Associazione Compositori di Musica per Film, della quale Pivio è presidente da dicembre 2017. Alle 19.00, poi, la sala ospiterà le proiezioni e il live-shooting di Simone Arena di Simpol-Lab, seguito dall’aperitivo musicale a cura di Rills (WPTMWL).

La giornata si chiuderà al Circolo Amantes, che alle 23.30, in contemporanea con il Rough Dive Bar, ospiterà Soundies&The City, con una selezione di videoclip in concorso al festival.

Agenda del Cinema di Oggi, domenica 28 gennaio 2018

"The Song of Scorpions"
IL CONSIGLIO DEL GIORNO
Anche oggi 8 proposte cinematografiche al Massimo per il Seeyousound International Music Film Festival: dal concorso tre documentari ("You are Teddybears", "Conny Plank - The Potential of Noise" e l'imperdibile "When god sleeps", su un rapper iraniano in fuga per colpa di una fatwa) e tre fiction (il musical "Stuck", "Love records" e il suggestivo "The Song of Scorpions" interpretato da Golshifteh Farahani).
In serata l'omaggio a "Barbara" firmato Mathieu Amalric e il doc della rassegna Radioctivity "The inertia variations".
E poi tanti corti e videoclip!

LE ALTRE PROIEZIONI
Film di qualità nel pomeriggio al Castello di Rivoli con "L'altro volto della speranza" di Kaurismaki, al Maurice GLBTQ c'è il film thailandese "Beautiful Boxer".
Tante proiezioni in seconda visione: il Monterosa sceglie "La signora dello zoo di Varsavia", l'Agnelli "Capitan Mutanda" e "The greatest showman", l'Esedra "Due sotto il burqa" e "Una questione privata".
Al Museo del Risorgimento doppia proiezione per "I Vicere" di Roberto Faenza.

TUTTI I DETTAGLI SULLE PROIEZIONI DI OGGI

Infine, tutti i film in prima visione in sala.

Tutti i film in sala a Torino li trovate cliccando sulla foto qui a sinistra.

sabato 27 gennaio 2018

L'Agenda in Radio: il podcast della 156^ puntata 26/1/2018

Puntata radiofonica numero 156 dell'Agenda del Cinema a Torino sulle non-frequenze di Radio Banda Larga, trasmessa venerdì 26 gennaio dalle 14 alle 15.

Argomenti di puntata: l'uscita in sala in tutta Italia di un documentario torinese, "Subs Heroes", con il regista Franco Dipietro, e la fine delle riprese del corto "In principio" di Daniele Nicolosi.

Ecco il podcast della puntata:

SEEYOUSOUND International Music Film Festival - giorno 3

"The song of scorpions"
Per il terzo giorno di festival, SEEYOUSOUND propone domani, 28 gennaio, alcuni titoli che raccontano personaggi importanti del panorama musicale internazionale.

Mentre in Francia, domani, si concluderanno le celebrazioni per ricordare la cantante Barbara, scomparsa nel ’97, anche SEEYOUSOUND la omaggia con il film Barbara di Mathieu Amalric. Proiettato alle 20.00, fuori concorso per INTO THE GROOVE, è stato premiato al Festival di Cannes 2017 con il Poetry Cinema Award e racconta la storia di Brigitte, attrice scelta per interpretare la cantante francese, che nell’immedesimazione rende sempre più sottile il confine fra lei e il personaggio. Il film sarà preceduto dal videoclip Roman di Mashrou’ Leila, diretto da Jessy Moussallem, in concorso per SOUNDIES.

Dietro le quinte, ma di fondamentale importanza il lavoro del sound designer tedesco Conny Plank che lavorò con artisti come Kraftwerk, David Bowie, Brian Eno, Eurythmics, U2 e Gianna Nannini, e ritroviamo in Conny Plank – The Potential of Noise diretto da Reto Caduff e Stephan Plank. L’opera, in anteprima italiana alle 22.15 per il concorso LONG PLAY DOC, è anche il viaggio di Stephan Plank alla scoperta di suo padre, 25 anni dopo la morte. Preceduto dall’anteprima italiana del corto spagnolo Ringo di Adria Pagès Molina, nel concorso 7INCH.

Il programma di SYS IV inizia già dal pomeriggio, alle 15.00, con il musical Stuck di Michael Berry, interpretato da Giancarlo Esposito, uno dei volti principali della serie Breaking Bad. Il film statunitense - in anteprima italiana per il concorso LONG PLAY FEATURE restituisce uno spaccato dell’America contemporanea.
Anticipano la proiezione il videoclip Dynabeat di Jain, diretto da Grégory Ohrel e Lionel Hirlé e in concorso per SOUNDIES e il corto britannico Loud Places, diretto da Mathy Tremewan e Fran Boradhurst, in concorso per 7INCH.

Alle 15.15, l’anteprima internazionale di You Are Teddybears, per LONG PLAY DOC, svela il volto nascosto dietro le maschere dei Teddybears, eclettica band svedese che vanta collaborazioni importanti, come Iggy Pop e Neneh Cherry. Diretto da John Boisen e Björn Frävemark, sarà anticipato dal videoclip SOUNDIES Ill Ray di Kasabian, diretto da Dan Cadan e dal corto svedese The Burden di Niki Lindroth von Bahr, in concorso per 7INCH.

I concorsi proseguiranno alle 17.15 con altre due anteprime italiane: Richard Twice di Matthew Salton, corto statunitense di 7INCH, e Love Records di Aleksi Mäkelä, lungo finlandese di LONG PLAY FEATURE.

Agenda del Cinema di Oggi, sabato 27 gennaio 2018

"Band Aid"
IL CONSIGLIO DEL GIORNO
Otto le proposte odierne (tutte al cinema Massimo) del Seeyousound International Music Film Festival: si va dai documentari su personaggi come la rapper "Silvana" Imam e i PIL di "The Public Image is Rotten", per arrivare ai canti sacri brasiliani di "Hibridos".
E poi, ancora, film come "Song of Granite" (candidato all'Oscar 2018 per l'Irlanda) e l'argentino "Musica para Casarse" e l'indie USA "Band Aid" di e con Zoe Lister-Jones.
In programma in serata anche "American Valhalla" sulla lavorazione dell'ultimo disco di Iggy Pop e "Dare to be different", primo titolo della rassegna RadioActivity.

LE ALTRE PROIEZIONI
All'Esedra "Due sotto il Burqa" e "Una questione privata".
Doppia proiezione al Museo del Risorgimento per "I Vicere" di Roberto Faenza.
Il Teatro Garabato oppure Piccolo Piccolo proietta "Barriera d'Italia" di Giacomo Ferrante.

TUTTI I DETTAGLI SULLE PROIEZIONI DI OGGI

Infine, tutti i film in prima visione in sala.

Tutti i film in sala a Torino li trovate cliccando sulla foto qui a sinistra.

venerdì 26 gennaio 2018

SEEYOUSOUND International Music Film Festival - giorno 2

"Silvana"
Entra nel vivo la quarta edizione di SEEYOUSOUND, che con domani, 27 gennaio, apre tutti i concorsi. Le proiezioni inizieranno al Cinema Massimo alle 15.00, in Sala 3, con l’anteprima italiana di Rockenrollers, corto olandese di Daan Bol, per il concorso 7INCH. Seguirà, poi, l’anteprima italiana dell’argentino Musica para casarse, lungometraggio di José Militano in concorso per LONG PLAY FEATURE.

Alle 15.15, in Sala 2, toccherà a un altro corto in concorso, lo statunitense To Be Free di Adepero Oduye (sempre in anteprima italiana), seguito poi dall’atteso doc svedese Silvana di Mika Gustafson, Olivia Kastebring e Christina Tsiobanelis. L’opera, in concorso per LONG PLAY DOC, racconta la storia di Silvana Imam, rapper svedese di origine lituano-siriana, che con il suo flow affilato ha conquistato la Scandinavia. La proiezione sarà introdotta dal ricercatore e storico del jazz Luciano Viotto.

Alle 17.30 in Sala 2, sempre per il concorso LONG PLAY FEATURE, Song of Granite di Pat Collins, lungometraggio che l’Irlanda ha inserito nella shortlist degli Oscar e in anteprima italiana a SYS, sulla vita turbolenta del cantante folk Joe Heaney, preceduto dal corto olandese Spotlight on Merna di Mirjam Marks e dal videoclip I Wanna Prove You dei The Lemon Twigs, diretto da Nick Roney, che apre il concorso SOUNDIES.

Altro tris in programma alle 17.45 in Sala 3: Humble di Kendrick Lamar, diretto da Dave Meyers & The Little Homies, per SOUNDIES; l’anteprima italiana Canoa de Ulises di Diego Fió (Argentina) per 7INCH; Híbridos, The Spirits of Brazil di Vincent Moon e Priscilla Telmon (co-produzione franco-brasiliana) per LONG PLAY DOC in anteprima italiana, un intenso viaggio musicale in cui il movimento e la danza proiettano lo spettatore direttamente nelle profondità rituali del Brasile.

Alle 20.00 poi, in Sala 3, saranno proiettate le anteprime italiane Pa fuera di Vica Zagreba (Francia), corto in concorso, e The Public Image Is Rotten di Tabbert Filler (Stati Uniti), doc in concorso su Johnny Rotten, ex frontman dei Sex Pistols e dei Public Image Ltd.

Alle 22.30, infine, toccherà al corto in concorso Raised by Krump di Maceo Frost e alla commedia indie successo allo scorso Sundance Band Aid di Zoe Lister-Jones, per LONG PLAY FEATURE, entrambi statunitensi e in anteprima italiana.

 . LE RASSEGNE
Prende il via RISING SOUND, retrospettiva che quest’anno sarà dedicata al magico mondo della radio, con il sottotitolo Radioactivity. Alle 20.15, in Sala 2, sarà proiettato Dare to Be Different di Ellen Goldfarb, lungometraggio statunitense in anteprima europea che racconta la storia della coraggiosa emittente WLIR 92.7 di Long Island. La radio, sotto la coraggiosa conduzione di Denis McNamara, nell’agosto 1982 cambiò il format della radio con una rivoluzionaria playlist.
Il film sarà preceduto dal videoclip Colors di Beck, diretto da Brook Linder, in concorso per SOUNDIES.

Sarà poi l’atteso American Valhalla (Stati Uniti), in anteprima italiana, ad aprire INTO THE GROOVE. Il film, diretto da Andreas Neumann e Josh Homme, segue da dietro le quinte la realizzazione di Post Pop Depression, diciassettesimo album di Iggy Pop, che ha messo insieme una band d’eccezione, tra cui lo stesso Josh Homme, leader dei Queens of the Stone Age.
Il film, in Sala 2 alle 22.30, sarà preceduto dal videoclip Bop N Keep It Dippin di Dizzee Rascal, diretto da Romain Chassaing.

. CASA SEEYOUSOUND E GLI EVENTI EXTRA
Iniziano anche gli appuntamenti al Circolo dei Lettori, con il panel Sette tesi sulla magia della radio, in programma alle 17.30 in Sala Grande. Interverranno Massimo Cirri, storica voce di Caterpillar, che presenterà il suo libro – che dà il titolo al panel – insieme a Tiziano Bonini, autore radiofonico. Seguirà, poi, un aperitivo musicale a cura di Lele Roma.

La giornata di domani si concluderà al Circolo Amantes, quando alle 23.30 si terrà All U Can Beat, dj set con dj Daddy, Raw Tella e Mastaced. Alla stessa ora, al Rough Dive Bar, prenderà il via anche Soundies&The City, con una selezione di videoclip in concorso al festival.

Presentazione a Torino per il film "Agata pensaci tu"

L'associazione culturale Tribù del Badnightcafè presenterà il prossimo 30 gennaio 2018 il lungometraggio "Agata pensaci tu" presso Rinascimenti Sociali, via Maria Vittoria 38, Torino. Ingresso libero.

Un lungometraggio che nasce dall'esperienza e dalle suggestioni della Cabina dell’Arte Diffusa di piazza Peyron a Torino, progetto nato da un'idea di Daniele D’Antonio e condotto dall'Associazione Tribù del Badnightcafè. Una storia originale che, attraverso le vicende legate al mondo degli artisti emergenti - quelli al di fuori del circuito dell’arte ufficiale e autocelebrativa - si snoda per tappe all’interno del sistema dell’arte contemporanea. Ambientata principalmente a Torino - ma la narrazione nei suoi caratteri più generali potrebbe esserlo ovunque - è una commedia leggera, a tratti anche autocanzonatoria, che però porta all’attenzione dello spettatore temi importanti e seri.

La realizzazione del film, come tutti i progetti dell'Associazione e in linea con lo spirito della Cabina dell’Arte Diffusa, è stata portata a termine grazie al coinvolgimento di altre associazioni, artisti, gruppi di cittadini, in totale assenza di finanziamenti pubblici e di sponsor privati, con la sola condivisione delle risorse - tecniche e umane - messe a disposizione.

Nel film sono presenti alcuni nomi eccellenti del mondo culturale, artistico e dello spettacolo torinesi: da Edoardo di Mauro, critico d’arte e docente dell’Accademia di Belle Arti, a Lele Roma, nome di culto delle notti torinesi ante-gentrification; da Mono Carrasco, il grande muralista cileno, a Svoboda, gruppo attivo sulla scena torinese con le sue contaminazioni musicali dal mondo, ad Enzo Maolucci, autentica icona rock della Torino degli anni ‘70. Anche le musiche del film sono originali, composte per l’occasione dal musicista Sandro Filia con contributi di Mirco Breviglieri e Daniele Giario e interpretazioni di Svoboda.

Agata pensaci tu è un film che tratta di arte contemporanea ma anche di resistenza artistica, di rigenerazione urbana, di spinte innovative che si muovono sotto la superficie del tessuto cittadino di cui la Cabina dell’Arte Diffusa è elemento totemico che ne denuncia la presenza, quasi punta di un iceberg nascosto e sconosciuto. Il film, come tutte le autoproduzioni, non ha una distribuzione, ma verrà proiettato grazie ad una azione diretta di programmazione condotta dagli autori e sarà disponibile ad essere invitato ove si tratti di temi sociologici, urbanistici, artistici legati all’innovazione, alla rigenerazione urbana, all’innovazione, all’arte contemporanea.

Box Office Torino: il film più visto è "L'ora più buia"

"L'ora più buia"
Dopo la presentazione all'ultimo Torino Film Festival e i tanti riconoscimenti per il protagonista Gary Oldman, "L'ora più buia" è anche al primo posto nella classifica settimanale dei film più visti a Torino.

Bene Verdone, bene Virzì, ottima la prestazione del film - presto in tv - "Fabrizio De André - Principe libero".

Fuori classifica le altre novità: "Made in Italy" di Ligabue con 645 spettatori, "L'uomo sul treno" con 463, "Downsizing" con 157, "Bigfoot Junior" con 90, "Gli invisibili" con 24, "Finalmente sposi" solo con 2 ed "Edhel" addirittura con 1.

CLASSIFICA SETTIMANALE DA VENERDÌ 19 A GIOVEDÌ 25 GENNAIO 2018

1. L'ORA PIU' BUIA   9.715 € 55.598
2. BENEDETTA FOLLIA 8.671 € 51.051
3. ELLA & JOHN   8.388 € 46.171
4. TRE MANIFESTI A EBBING, MISSOURI   5.852 € 33.245
5. COCO  4.572 € 29.967
6. IL VEGETALE 4.472 € 27.582
7. JUMANJI: BENVENUTI NELLA GIUNGLA  4.088 € 26.536
8. FABRIZIO DE ANDRE' - PRINCIPE LIBERO 3.619 € 33.619
9. WONDER 3.612 € 22.152
10. UN SACCHETTO DI BIGLIE   3.281 € 16.360
11. COME UN GATTO IN TANGENZIALE 3.142 € 18.905
12. INSIDIOUS: L'ULTIMA CHIAVE  3.050 € 20.979
13. NAPOLI VELATA 1.845 € 10.949
14. ASSASSINIO SULL'ORIENT EXPRESS  1.167 € 6.017
15. TUTTI I SOLDI DEL MONDO   1.160 € 6.950
16. MORTO STALIN, SE NE FA UN ALTRO   890 € 5.209
17. L'INSULTO   881 € 4.720
18. POESIA SENZA FINE   793 € 4.703
19. CHIAMAMI COL TUO NOME  781 € 4.390
20. THE MIDNIGHT MAN 646 € 4.813

(Dati Cinetel)

Agenda del Cinema di Oggi, venerdì 26 gennaio 2018

"Ingeborg Holm"
IL CONSIGLIO DEL GIORNO
Inizia al cinema Massimo questa sera Seeyousound International Music Film Festival, con la proiezione di "Ingeborg Holm" di Victor Sjostrom
musicato dal vivo per l'occasione da Corrado Nuccini, Enrico Gabrielli e Iosonouncane.
L'opera del 1913 viene considerata il primo film realista della storia del cinema, e sarà proiettata in versione restaurata in 2K da dello Svenska Filminstitutet-Cinemateket.

LE ALTRE PROIEZIONI
"Una questione privata" dei fratelli Taviani è la proposta di oggi dell'Esedra,
Il Teatro Garabato oppure Piccolo Piccolo propone la serata Cinepornoforum - Orgasmo.
Ultime due repliche al Museo del Risorgimento per "San Michele aveva un gallo" dei fratelli Taviani.

TUTTI I DETTAGLI SULLE PROIEZIONI DI OGGI

Infine, tutti i film in prima visione in sala.

Tutti i film in sala a Torino li trovate cliccando sulla foto qui a sinistra.

giovedì 25 gennaio 2018

Presentata al Museo del Cinema SOUNDFRAMES. CINEMA e MUSICA in MOSTRA

Il Museo Nazionale del Cinema di Torino presenta SOUNDFRAMES. CINEMA E MUSICA IN MOSTRA, un progetto innovativo nato da un concept di Donata Pesenti Campagnoni e a cura di Grazia Paganelli e Stefano Boni. Co-curatore è Maurizio Pisani, direttore di SeeYouSound International Music Film Festival, giunto quest’anno alla sua quarta edizione e di cui la mostra è ideale prosecuzione e ampliamento.
La mostra è dedicata a Gianni Rondolino.

SOUNDFRAMES è una mostra innovativa che racconta la trasversalità delle arti, le contaminazioni tra due diversi linguaggi artistici, il cinema e la musica, e ha caratteristiche completamente innovative rispetto al passato. Unica per eterogeneità e ricchezza delle proposte, usa la multimedialità come veicolo per offrire al pubblico una visita esperienziale immersiva e totale nell’universo del cinema e della musica, anche grazie alle cuffie wireless e a una tecnologia intelligente e avanzata. E’ una mostra viva, che tocca le corde emozionali dello spettatore e che segna un nuovo corso.

Il percorso di visita si sviluppa lungo la rampa elicoidale: 9 aree tematiche, oltre 130 sequenze di film proiettate su 60 schermi per un totale di 90 metri di proiezione lineare, quasi a formare un film ideale che racconta i mille modi in cui la musica e le immagini del cinema si sono incontrate nel corso di oltre un secolo. Il percorso è duplice: cronologico e tematico.


Luciano Ligabue al Reposi per presentare "Made in Italy"

Mercoledì 31 gennaio alle ore 20 al cinema Reposi di Torino Luciano Ligabue sarà presente in sala per un breve saluto al pubblico del suo ultimo film da regista, "Made in Italy".

Sinossi: Riko è un uomo onesto che vive di un lavoro che non ha scelto nella casa di famiglia che riesce a mantenere a stento, ma può contare su un gruppo di amici veri e su una moglie che, tra alti e bassi, ama da sempre. Suo figlio è il primo della famiglia ad andare all’università. È però anche un uomo molto arrabbiato con il suo tempo, che sembra scandito solo da colpi di coda e false partenze. Quando perde le poche certezze con cui era riuscito a tirare avanti, la bolla in cui vive si rompe e Riko capisce che deve prendere in mano il suo presente e ricominciare, in un modo o nell’altro. E non darla vinta al tempo che corre.

Venerdì 26/1 per l'Agenda puntata numero 156 su Radio Banda Larga

Venerdì 26 gennaio 2018 alle 14 puntata numero 156 dell'Agenda del Cinema a Torino su Radio Banda Larga.

Argomenti di puntata: l'uscita in sala in tutta Italia di un documentario torinese, "Subs Heroes", con il regista Franco Dipietro, e la fine delle riprese del corto "In principio" di Daniele Nicolosi.

L'appuntamento sarà dalle 14 alle 15 da ascoltare su www.radiobandalarga.it.

Dal giorno successivo la puntata sarà disponibile in podcast.

Film e novità nei cinema a Torino da giovedì 25 gennaio 2018

"Chiamami col tuo nome"
Tutti i film in sala a Torino da giovedì 25 gennaio nelle sale di prima e seconda visione.

Le novità della settimana uscite al cinema a Torino sono:

CHIAMAMI COL TUO NOME (Eliseo, Massimo, Nazionale, The Space)
DOWNSIZING (Ideal, Massaua, Reposi, Romano, Uci)
MADE IN ITALY (F.lli Marx, Greenwich, Ideal, Massaua, Reposi, The Space, Uci)
EDHEL (Uci)
FINALMENTE SPOSI (Uci)
L'UOMO SUL TRENO (Lux, Massaua, Reposi, The Space, Uci)
TUTTI GLI UOMINI DI VICTORIA (Uci Moncalieri)
BIGFOOT JUNIOR (Classico, Massaua, The Space, Uci)

Proiezioni speciali per:

GLI INVISIBILI (Centrale, Greenwich, Uci)
GRACE JONES (Nazionale, The Space, Uci)
DAVID HOCKNEY - ROYAL ACADEMY (Ambrosio, Eliseo, Uci, Romano)

Controllate ai link riportati orari e giorni di programmazione.

Agenda del Cinema di Oggi, giovedì 25 gennaio 2018

"Festins Imaginaires"
IL CONSIGLIO DEL GIORNO
"Festins imaginaires (Banchetti immaginari)" di Anne Georget è la proposta del Polo del 900 per il Giorno della Memoria
Il documentario racconta il fenomeno dei ricettari di prigionia attraverso interviste, letture e alcuni documenti straordinari: cinque diversi carnet scritti in tre diversi lager nazisti, in un gulag sovietico e in un campo di concentramento giapponese per miitari americani.
Testimoni ed esperti provenienti dai più diversi campi del sapere riflettono sull'importanza di questi “banchetti immaginari” nel conservare l'umanità di chi li scrisse nutrendo di parole il corpo e l’anima.
Ingresso libero.

LE ALTRE PROIEZIONI
Luoghi Comuni Porta Palazzo propone l'anteprima regionale del documentario "Trenta. Romanzo d'espiazione" (ingresso gratuito), il Polski Kot propone (in lingua originale con sottotitoli inglesi) "Pokot" di Agnieszka Holland.
Tre repliche in versione originale sottotitolata in italiano al cinema Massimo per uno dei migliori film dell'anno, "Loveless" del regista russo Andrej Zvjagincev.
Babelica propone il film-tv "Elvis, il re del rock" di John Carpenter.
Al Museo del Risorgimento ancora due proiezioni per "San Michele aveva un gallo" dei fratelli Taviani.

TUTTI I DETTAGLI SULLE PROIEZIONI DI OGGI

Infine, tutti i film in prima visione in sala.

Tutti i film in sala a Torino li trovate cliccando sulla foto qui a sinistra.

mercoledì 24 gennaio 2018

Alla GAM "Sportification. The Big Piano Smash" fino al 18 febbraio

Il programma di esposizioni della VideotecaGAM dedicato alla storia del video d’artista negli anni Sessanta e Settanta prosegue indagando il particolare rapporto che lega l’inizio dell’utilizzo del mezzo video da parte degli artisti con la coeva cultura televisiva.

Sportification. The Big Piano Smash di Franco Ariaudo, Emanuele De Donno, Luca Pucci è una mostra dedicata ad alcuni aspetti della storia del programma televisivo Giochi Senza Frontiere, trasmesso in eurovisione dal 1965 al 1999. Forma utopica di sportificazione, cioè di formazione attraverso ludi comunitari, di una identità europea tutta da plasmare, il programma, preceduto da alcuni esempi nazionali come Campanile sera, si sviluppò in senso europeo a sette anni dalla fondazione della Comunità Economica Europea, del 1958, e accompagnò i primi anni di storia dell’Unione Europea, nata il 1 novembre del 1993. Giochi Senza Frontiere perseguiva l’ideale di una confederazione di cittadini, capaci di misurarsi, conoscersi e riconoscersi, in una rete transnazionale di città e paesi, in un’Europa fatta di piccole comunità sorelle, di un tessuto sociale più vasto e autentico della socialità tipica delle capitali e delle grandi città.

Da un vasto materiale raccolto in diversi archivi privati, si mettono in evidenza correlazioni inaspettate quanto insistite tra i diversi linguaggi utilizzati nella trasmissione e le coeve ricerche avanguardistiche. La trasmissione, nata in un periodo di ancora intensa sperimentazione televisiva, produsse una cospicua serie di scenografie, alcune rimaste come arredo urbano pubblico nelle cittadine che ospitarono i giochi, come nel caso dell’italiana Riccione. L’analisi mette in luce un intreccio di influenze che sono eredità, da un lato dell’architettura modernista, e dall’altro dei linguaggi e giochi di ascendenze Dada, del Situazionismo e di Fluxus.

Se è certo che la prima decade della storia del video d’artista sia legata a doppio filo con la neonata cultura televisiva e si sviluppi, in prima battuta, come reazione critica all’industria dell’intrattenimento proposta dalle diverse emittenti nazionali, è sorprendente registrare coincidenze e affinità come quella tra la prova The Big Piano Smash, dove le squadre di concorrenti di Giochi Senza Frontiere dovevano distruggere con delle mazze nel più breve tempo possibile un pianoforte, e la diffusa antiretorica del piano che il movimento Fluxus espresse attraverso artisti come Philip Corner, Nam June Paik, Ben Vautier, Wolf Vostell, George Maciunas successivamente ripresa da Beuys, Uecker, Montañez Ortiz e altri ancora.

L’esposizione si articola in quattro micro-sezioni: Giochi senza Frontiere, Eurovisioni, Fluxus e Situazionismo, Playground in dialogo con la proiezione del video The Big Piano Smash, famosa puntata inglese dei Jeux Sans Frontieres svolta a Blackpool nel 1967.

La mostra è stata resa possibile dalla collaborazione con Philip Corner, tra i primi distruttori del piano negli happening fluxus, Gunnar Schmidt, critico e storico dell’arte, esperto di Piano activities e Gianni Magrin, collezionista e curatore di un vasto archivio di immagini “assonanti”, memoriabilia ed ephemera dei popolari Giochi televisivi senza frontiere.

Agenda del Cinema di Oggi, mercoledì 24 gennaio 2018

"Un'altra donna"
IL CONSIGLIO DEL GIORNO
"Un’altra donna (Another Woman)" di Woody Allen è la proposta di questa sera del cinema Massimo. In un momento storico in cui troppo facilmente si addita al "colpevole" senza alcuna prova e senza razionalità, un motivo in più per rivedere un capolavoro.
Marion Post (Gena Rowlands), scrittrice di mezza età, cerca un appartamento in affitto per ritirarsi a scriveresenza essere disturbata. Si ritrova però ad ascoltare senza volerlo, attraverso la parete, le conversazioni deiclienti dell'adiacente studio psicoterapico. Questi avvenimenti inducono Marion a un ripensamento generalesulla propria vita.
Il film è introdotto da Giuseppe D’Agostino.

LE ALTRE PROIEZIONI
Sempre al Massimo, nel pomeriggio proiezione di "Scene da un matrimonio" di Ingmar Bergman in versione restaurata.
Nel pomeriggio al Campus Einaudi "La rivolta" di Avnet, in serata al Blah Blah omaggio a Bjork e proiezione di "Dancer in the dark" di Lars Von Trier.
Ancora due repliche al Museo del Risorgimento per "San Michele aveva un gallo" dei fratelli Taviani.

TUTTI I DETTAGLI SULLE PROIEZIONI DI OGGI

Infine, tutti i film in prima visione in sala.

Tutti i film in sala a Torino li trovate cliccando sulla foto qui a sinistra.

martedì 23 gennaio 2018

L'anteprima di "Festins Imaginaires" al Polo del 900 per il Giorno della Memoria

"Festins Imaginaires
Giovedì 25 gennaio 2018 alle ore 21 proiezione del film "Festins imaginaires (Banchetti immaginari)" di Anne Georget (Francia, 2014, 70’) al Polo del 900. Ingresso libero.

Festins Imaginaires racconta il fenomeno dei ricettari di prigionia attraverso interviste, letture e alcuni documenti straordinari: cinque diversi carnet scritti in tre diversi lager nazisti, in un gulag sovietico e in un campo di concentramento giapponese per miitari americani. Testimoni ed esperti provenienti dai più diversi campi del sapere riflettono sull'importanza di questi “banchetti immaginari” nel conservare l'umanità di chi li scrisse nutrendo di parole il corpo e l’anima.

Premi: Menzione Speciale della Giuria - Festival de Luchon, Francia
Festival: Berlinale - Berlin Film Festival / Jewish Film and Cultural Festival of Lisbon, Portogallo / Festival du Film de Chercheur, Francia / Toronto Jewish Film Festival, Canada.

Agenda del Cinema di Oggi, martedì 23 gennaio 2018

"Possession"
IL CONSIGLIO DEL GIORNO
"Possession" di Andrzej Zulawski è la proposta odierna (a ingresso libero) del Rough Dive Bar di San Salvario.
Realizzato nel 1981 e presentato in concorso al 34º Festival di Cannes, il film ha vinto il premio per la migliore attrice per l'interpretazione della sua protagonista, Isabelle Adjani.
Un tradimento supposto, un marito geloso, due investigatori all'opera, un mistero che si infittisce.

LE ALTRE PROIEZIONI
Al circolo Maurice GLBTQ serata "Femminielli tra attualità e tradizione", con la proiezione di "Russulella" e "La candelora a Montevergine".
Il Baretti propone "Nebbia in Agosto" di Wessel, Il Piccolo Cinema sceglie "Terra em Transe" di Glauber Rocha, l'Agnelli "Suburbicon" di George Clooney.
Prosegue al cinema Massimo la retrospettiva di film di Ingmar Bergman restaurati: oggi in programma "Persona" e "Un'estate d'amore", in serata spazio invece a tre lavori di Jean Vigo.
"San Michele aveva un gallo" dei fratelli Taviani è in doppia proiezione al Museo del Risorgimento.

TUTTI I DETTAGLI SULLE PROIEZIONI DI OGGI

Infine, tutti i film in prima visione in sala.

Tutti i film in sala a Torino li trovate cliccando sulla foto qui a sinistra.

lunedì 22 gennaio 2018

L'Agenda in Radio: il podcast della 155^ puntata 21/1/2018

Puntata radiofonica numero 155 dell'Agenda del Cinema a Torino sulle non-frequenze di Radio Banda Larga, trasmessa domenica 21 gennaio dalle 17 alle 18.

Seconda puntata in diretta dal cinema Massimo per la terza edizione del Fish&Chips International Erotic Film Festival: ospiti le giurate Maddalena Merlino ed Elisa Talentino e il selezionatore del festival Marco Petrilli.

Ecco il podcast della puntata:

Presentata la quarta edizione di SEEYOUSOUND

SEEYOUSOUND International Music Film Festival, primo festival in Italia dedicato al cinema internazionale a tematica musicale, torna con la IV edizione, che si terrà a Torino dal 26 gennaio al 4 febbraio 2018, al Cinema Massimo del Museo Nazionale del Cinema.
Sono 62 i film in programma nei 10 giorni di festival, suddivisi in 4 sezioni competitive, 2 rassegne fuori concorso e 1 retrospettiva, accompagnati da panel, incontri ed eventi.
Con 1 anteprima internazionale e 1 anteprima europea e 27 anteprime italiane il festival punta sempre più ad affermarsi a livello internazionale, alla luce di un percorso che dura da quattro anni e che, con passione e costanza, ha portato alla costruzione di una fitta rete di relazioni sul territorio.

«Il festival che vi apprestate a vivere – racconta il direttore, Maurizio Pisani –, complesso e ambizioso, è stato concepito quando la terza edizione non era ancora andata in soffitta. La programmazione è essenziale quando non si hanno budget stellari. Abbiamo rinnovato l’organizzazione, affidando a Carlo Griseri il delicato ruolo di coordinatore cinematografico, dando organicità al progetto. Abbiamo cercato le migliori produzioni di genere, frequentando i festival più importanti, come Cannes, Amsterdam, Barcellona o Nyon. Il risultato è sotto i vostri occhi: basta sfogliare il programma per notare che il livello qualitativo è altissimo. In soli tre anni ci siamo accreditati con i distributori internazionali e riusciamo a portare in Italia film di livello assoluto in prima nazionale e, talvolta, internazionale. Il nostro segreto? Ci divertiamo come pazzi a fare questo festival. Il 2018, grazie alla mostra #Soundframes, rappresenta per noi una sfida entusiasmante: musica e cinema saranno protagonisti per un anno intero a Torino. Sarà anche l'anno di una grande novità: porteremo Seeyousound in tour, proponendo questo progetto ad altri pubblici, in altri contesti."

.INAUGURAZIONE
Il festival prende il via venerdì 26 gennaio con Ingeborg Holm, film muto di Victor Sjöström, musicato dal vivo da Corrado Nuccini, Iosonouncane ed Enrico Gabrielli, e proiettato in versione restaurata in 2K da dello Svenska Filminstitutet-Cinemateket, alle 21.00 al Cinema Massimo.
Curata dal Museo Nazionale del Cinema, la serata d’apertura di Seeyousound IV si accompagna all’inaugurazione di #SoundFrames, la mostra dedicata proprio a cinema e musica che fino al 7 gennaio 2019 si terrà al Museo Nazionale del Cinema.

I vincitori di FISH&CHIPS Film Festival

"Un grande progetto"
Si è appena conclusa la threesome edition di FISH&CHIPS Film Festival, con l'annuncio d i film vincitori dei premi Miglior Lungometraggio, Miglior Cortometraggio e Miglior Cortometraggio XXX.
Il festival è stato inaugurato giovedì 18 gennaio alla Sala 1 del Cinema Massimo con il documentario Pornocratie. Les nouvelles multinationales du sexe di Ovidie e il programma di 4 giorni ha proposto 43 film in concorso, 3 film-omaggio a figure simbolo della cultura erotica e 3 proiezioni speciali fuori concorso.

Con una grande partecipazione dentro e fuori la sala, FISH&CHIPS ha visto oltre 4.000 presenze, confermandosi un appuntamento di richiamo nel panorama festivaliero cittadino, ma non solo, grazie al richiamo di pubblico anche da altre città e dall'estero. Le proiezioni hanno portato al Cinema Massimo e al Blah Blah circa 2.300 spettatori con 3 sold out e i 3 laboratori in programma hanno registrato il tutto esaurito prima ancora dell'inizio del festival, così come la visita guidata sugli scatti erotici di Carlo Mollino, a CAMERA Centro Italiano per la Fotografia.
Le mostre all'Amantes e al Circolo del Design hanno attirato circa 600 visitatori in occasione delle inaugurazioni e nei giorni seguenti di esposizione durante il festival. Anche il THREESOME PARTY - la festa ufficiale di FISH&CHIPS alla Cavallerizza Irreale - ha avuto un notevole successo portando, tra ospiti e staff, oltre 1.000 affezionati del festival e curiosi.

"La threesome edition si chiude con un bilancio molto positivo, sia per i numeri sia per la qualità dell'offerta proposta", dichiara la direttrice Chiara Pellegrini. "Workshop, feste ed eventi collaterali sono stati vissuti in maniera molto partecipata, così come le nostre proiezioni al Cinema Massimo e al Blah Blah, nuova location del festival. Registi e registe hanno potuto respirare un'aria scanzonata, ma allo stesso tempo impegnata, e hanno risposto alle numerose domande di un pubblico coinvolto e attento. Sono contenta che il lungometraggio vincitore sia italiano: l'auspicio è che sempre più registe e registi in Italia coglino la portata liberatoria della messa in scena della sessualità, fatta in maniera creativa e sganciata da facili stereotipi e sovrastrutture".

I VINCITORI

Anteprima regionale di "Trenta - Romanzo d'espiazione"

"Trenta - Romanzo d'espiazione"
La rassegna cinematografica Visioni Condivise prosegue giovedì 25 gennaio alle 21.00 con l’anteprima regionale del film documentario Trenta - Romanzo d'espiazione diretto da Vittorio Bedogna che incontrerà il pubblico insieme al critico Edoardo Peretti presso la residenza temporanea Luoghi Comuni Porta Palazzo in Via Priocca 3 a Torino.

La proiezione, organizzata in collaborazione con l'Associazione Museo Nazionale del Cinema (AMNC), è a ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili in sala.

Il film è un racconto di un viaggio dentro le ansie, le paure e i preconcetti che talvolta ci impediscono di "partire". È un romanzo di formazione a capitoli scandito da piccoli riti di redenzione. Ma è anche un itinerario a tappe tra Europa e Stati Uniti, segnato da incontri e interviste: Milano, Londra, Bruxelles, Berlino, Halle (Sassonia), Poznan (Polonia), Barcellona, New York e ancora Milano. Storie di decolli e di treni persi. Di scelte e di strade possibili.

“Trenta – Romanzo d'espiazione, il mio ultimo lavoro, narra la mia storia. Fin da piccolo ho sempre subito il fascino esotico di atlanti, cartine geografiche, libri di viaggio e mezzi di trasporto; così come ho sempre ammirato chi, per i motivi più diversi, aveva la fortuna di potersi spostare continuamente. Dopo gli studi universitari mi sono subito ritrovato, controvoglia, alle prese con un lavoro fisso, e ne sono rimasto ingarbugliato, non riuscendo mai ad assecondare in maniera definitiva il mio desiderio di partire. Nonostante ciò l'interesse per il tema del viaggio non smetteva di crescere, così come l'invidia per tutti gli amici che vedevo lasciare l'Italia. Vecchie conoscenze, colleghi o ex compagni di scuola si muovevano senza timore verso nuove strade e nuove possibilità, mentre io ero bloccato nella mia vita d'ordinanza, incapace di lasciare il sentiero tracciato. Cosa che, a lungo andare, cominciava a pesarmi. Che cosa fare per liberarmi del senso di colpa per non essere mai riuscito a partire? Come espiare il fatto di essere sempre rimasto immobile? Al giro di boa dei trent'anni, spinto da queste domande, mi sono messo in viaggio. Ho deciso di andare a trovare tutti i miei amici espatriati, facendomi raccontare i motivi che li hanno spinti ad andarsene.” Vittorio Bedogna 

La Residenza Temporanea Luoghi Comuni Porta Palazzo è un progetto di housing sociale realizzato dal Programma Housing della Compagnia di San Paolo in collaborazione con l’Ufficio Pio. La struttura mette a disposizione 27 alloggi (13 monolocali e 14 bilocali) ed è gestita da Cooperativa Sociale Esserci e Cooperativa sociale Giuliano Accomazzi.  Residenza

"L'ora più buia" appaia Verdone tra i film più visti a Torino nel weekend

"L'ora più buia"
Fine settimana da oltre 50.000 biglietti venduti nei cinema di Torino, con un avvincente testa a testa in vetta alla classifica: vince ancora Verdone con "Benedetta follia", ma pochissimi biglietti lo separano dal sorprendente "L'Ora più Buia" con Gary Oldman.

Terzo Virzì con "Ella & John", sempre bene i "Tre manifesti a Ebbing, Missouri".

Fuori dalla top ten, tra le novità in sala "Un sacchetto di biglie" con 1.580 spettatori e "Poesia senza fine" con 256.

CLASSIFICA WEEK END 19-20-21 GENNAIO 2018

1. BENEDETTA FOLLIA 6.750 € 41.318
2. L'ORA PIU' BUIA  6.702 € 40.265
3. ELLA & JOHN   5.924 € 33.891
4. TRE MANIFESTI A EBBING, MISSOURI   4.162 € 24.696
5. COCO  3.733 € 25.258
6. IL VEGETALE 3.601 € 23.100
7. JUMANJI: BENVENUTI NELLA GIUNGLA  3.342 € 22.516
8. WONDER 2.875 € 18.284
9. COME UN GATTO IN TANGENZIALE 2.534 € 15.799
10. INSIDIOUS: L'ULTIMA CHIAVE   2.223 € 16.146

(Dati Cinetel)

Agenda del Cinema di Oggi, lunedì 22 gennaio 2018

"L'Atalante"
IL CONSIGLIO DEL GIORNO
Non solo materia per cinefili, entrato nell'immaginario collettivo grazie alla storia sigla del programma Fuori Orario che ne utilizza una scena iconica: "L'Atalante" di Jean Vigo in versione restaurata è la proposta odierna del cinema Massimo, seguito da altri tre film del regista ("A propos de Nice", "Taris, roie de l'eau" e "Zero de conduit").
Occasione ideale - per chi può recarsi in sala nel pomeriggio - per avvicinare o riguardare un capolavoro della storia del cinema.

LE ALTRE PROIEZIONI
Concita De Gregorio e Esmeralda Calabria presentano al cinema Fratelli Marx il loro documentario "Lievito madre".
Nel pomeriggio in Bibliomediateca Mario Gromo "La leggenda di Robin Hood" con Errol Flynn (ingresso libero).
Al cinema Massimo torna la rassegna MYLF con "Tokyo!", film a sei mani firmato da Michel Gondry, Leos Carax e Bong Joon-Ho.
Altri film: "Smetto quando voglio - Ad Honorem" al Monterosa, "Due sotto il burqa" all'Esedra, "Sin City" al Blah Blah.

TUTTI I DETTAGLI SULLE PROIEZIONI DI OGGI

Infine, tutti i film in prima visione in sala.

Tutti i film in sala a Torino li trovate cliccando sulla foto qui a sinistra.

domenica 21 gennaio 2018

L'Agenda in Radio: il podcast della 154^ puntata 20/1/2018

Puntata radiofonica numero 154 dell'Agenda del Cinema a Torino sulle non-frequenze di Radio Banda Larga, trasmessa sabato 20 gennaio dalle 17 alle 18.

Prima puntata in diretta dal cinema Massimo per la terza edizione del Fish&Chips International Erotic Film Festival: ospiti Emanuele De Donno, co-curatore della mostra Gonzo, e i registi Monica Stambrini e Giuseppe Longinotti.

Ecco il podcast della puntata:

"Terra em transe" di Glauber Rocha al Piccolo Cinema

"Terra em transe"
Torna al Piccolo Cinema di via Cavagnolo 7 il triciclo La Ira Y La Utopia - Cinema Latinoamericano anni '60-'70: martedì 23 gennaio dalle 21 (inizio film h 21.30, Ingresso gratuito) è prevista la proiezione di TERRA EM TRANSE di Glauber Rocha (Brasile, 1967, 103').

Paulo (Jardel Filho) è un poeta idealista impegnato politicamente: la sua volontà è dare un contributo decisivo alle rivendicazioni del popolo e dei sottomessi, ma l’idealismo e la buona volontà non bastano. Capisce troppo tardi, infatti, di essere diventato uno strumento della reazione.

"Uscirai sano" per il PFF Psicologia Film Festival

"Uscirai sano. Sanus Egredieris"
L’Associazione Sinestesia e il Collettivo di Psicologia, con il patrocinio del Dipartimento di Psicologia dell’Università degli Studi di Torino e Biblioteca di Psicologia F. Kiesow, organizzano la sesta proiezione del 9° Psicologia Film Festival: giovedì 25 gennaio ore 21,00 al Cecchi Point - via Antonio Cecchi 17 - con la proiezione del film USCIRAI SANO. SANUS EGREDIERIS di Barbara Rosanò e Valentina Pellegrino (2016). Ingresso libero. Presentano Barbara Rosanò e Valentina Pellegrino. 

Con l’intento di promuovere il cinema indipendente e di stimolare il confronto su temi relativi alla psicologia, l’individuo, la società, l’antropologia e la filosofia della mente, prosegue il progetto del Psicologia Film Festival, giunto alla nona edizione. La rassegna sarà articolata in 8 film di fiction, 6 documentari, performance teatrali e altri eventi ancora, dall’autunno 2017 fino all’estate.

Il Film
In un piccolo paese del Mezzogiorno, nel 1881, nasceva un ospedale psichiatrico sul cui muro veniva inciso “Sanus Egredieris – Uscirai Sano”. Nonostante questo auspicio positivo, le contraddizioni di un ospedale rimarcavano quelle di un sistema psichiatrico che spesso brancolava nel buio. In una parte dell’ospedale vivevano, rinchiusi, i pazienti più difficili, mentre in un’altra parte si assisteva ad una piccola rivoluzione: qui i pazienti ritenuti idonei usufruivano del sistema open door, potevano uscire dalla struttura, vivere il paese, fare amicizia con gli abitanti, giocare con i loro figli, fare una gita al mare, generando una contaminazione unica tra il mondo interno dell’ospedale e quello esterno della comunità. Un ambiente complesso dove convivono solidarietà, paura, amicizia e solitudine. Attraverso gli occhi del protagonista Angelo, questo film documentario racconta i cento anni dell'OP di Girifalco (chiuso con la riforma Basaglia), ripercorrendone la storia, i progressi scientifici ma soprattutto le tante vicende umane dei pazienti che lo hanno abitato con le loro speranze.
Uscirai Sano non è soltanto uno spaccato nella cura psichiatrica, ma anche una diversa visione della condizione umana più dolorosa: la solitudine.

Agenda del Cinema di Oggi, domenica 21 gennaio 2018

"The Opening of Misty Beethoven"
IL CONSIGLIO DEL GIORNO
Ultima giornata di programmazione per il Fish&Chips Film Festival al cinema Massimo, in serata doppia proiezione fuori concorso con "The Opening of Misty Beethoven (A bocca piena)", un classico della Golden Age of Porn ispirato al Pigmalione di Shaw, e "Snapshot", thriller romantico e tutto al femminile.
Tre i lungometraggi in competizione: "Fallen flowers thick leaves", sulle disavventure di una sessuologa cinese, "My fucking problem", su una donna affetta da vaginismo, e "Fin de semana", torbido dramma familiare argentino.
E poi corti, incontri, mostre...

LE ALTRE PROIEZIONI
"San Michele aveva un gallo" dei fratelli Taviani oggi è in doppia proiezione al Museo del Risorgimento, la Cascina Roccafranca propone per il Giorno della Memoria "Kapò" di Gillo Pontecorvo.
Al Monterosa in programmazione "Due sotto il burqa" e "Smetto quando voglio - Ad honorem", all'Esedra "L'ordine delle cose" e "Due sotto il burqa", al Baretti "La signora dello zoo di Varsavia".
Il Piccolo Cinema ospita una nuova "Domenica di mutuo soccorso", la Fondazione Camis De Fonseca propone "I perseguitati" di Dmytryk.

TUTTI I DETTAGLI SULLE PROIEZIONI DI OGGI

Infine, tutti i film in prima visione in sala.

Tutti i film in sala a Torino li trovate cliccando sulla foto qui a sinistra.

sabato 20 gennaio 2018

Domenica 21 quarta e ultima giornata di FISH&CHIPS

"My fucking problem"
Volge al termine le threesomeedition di FISH&CHIPS, il festival internazionale di cinema erotico e del sessuale che da giovedì 18 gennaio ha portato al Cinema Massimo di Torino il meglio della cinematografia di genere, insieme a mostre, incontri ed eventi per indagare il sesso con curiosità e senza preconcetti. 

Il programma di domenica 21 gennaio, comincia alle 11.30 al Cinema Massimo con le ultime tre opere del Concorso Lunghi, tutte in anteprima nazionale. Si parte con Fallen Flowers Thick Leaves di Laetitia Schoofs, documentario tutto al femminile sulle fatiche di una sessuologa cinese, divisa tra tradizioni secolari e spinte centrifughe di natura capitalista; alle 15.30, My Fucking Problems di Anne van Campenhout è un film autobiografico che mostra come vive una persona affetta da vaginismo in un mondo in cui il sesso è ovunque; chiude il concorso Lunghi alle 17 Fin de Semana di Moroco Colman, torbido dramma familiare argentino che diviene romanzo di formazione. Mentre l'ultima carrellata di cortometraggi, del Concorso Corti sarà in sala alle 14.

Alle 19, sempre al Cinema Massimo si terrà l'ultimo appuntamento del trittico di omaggi a personaggi che hanno cambiato la storia del cinema e del genere erotico. Con The Opening of Misty Beethoven – A bocca piena Fish&Chips omaggia il regista RADLEY METZGER, che nella sua carriera ha impresso su pellicola pratiche di ogni genere e dato corpo a un immaginario vastissimo, in maniera disinibita e con nonchalance. Grazie a un incredibile talento e grande capacità tecnica, Metzger – scomparso nel 2017 – è un riconosciuto maestro dell'erotismo raffinato e psichedelico. In quest'opera troviamo una rivisitazione in chiave hard del Pigmalione di George Bernard Shaw, interpretato da due autentiche leggende del genere come Jamie Gillis e Gloria Leonard.

La terza edizione si chiude con la PREMIAZIONE, alle 21 al Cinema Massimo, durante la quale verranno annunciati i vincitori del Concorso Corti, Corti XXX e Concorso Lunghi, seguita come da tradizione da una proiezione con la quale FISH&CHIPS vuole dare visibilità a un tipo di pornografia lontana dagli standard mainstream, una pornografia sex positive che rispecchia l'idea del festival. La serata conclusiva sarà dedicata quest'anno al lavoro della PINK & WHITE PRODUCTIONS di Shine Louise Houston, specializzata in cinematografia erotica e porno che rispecchia la complessità e la fluidità del concetto di gender, nel rispetto della dignità delle performer e nella naturalezza dei loro ruoli. A partire dal college CrashPad Short con il meglio della produzione 2017 dell'omonimo progetto, al film Snapshot, un thriller romantico e tutto al femminile, che guarda ai maestri Antonioni ed Hitchcock.

Invece alle 16 e alle 17 presso CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia, avranno luogo le visite guidate alla mostra "L'OCCHIO MAGICO DI CARLO MOLLINO. FOTOGRAFIE 1934-1973" che, inaugurata il 18 gennaio, raccoglie la produzione fotografica dell'architetto e designer torinese Carlo Mollino, in un percorso composto da oltre 500 immagini, tra cui emergono 70 scatti erotici. Alle 19 al Blah Blah si terrà l'incontro "QUEER PORTAITS. YOU AS ME SERIES." Un'anteprima del progetto fotografico di Irene Pittatore, un laboratorio in progress e un'esperienza artistica aperti al pubblico del festival per mettersi nei panni degli altri e candidarsi ad essere i prossimi protagonisti dei queer portraits.