sabato 20 gennaio 2018

Domenica 21 quarta e ultima giornata di FISH&CHIPS

"My fucking problem"
Volge al termine le threesomeedition di FISH&CHIPS, il festival internazionale di cinema erotico e del sessuale che da giovedì 18 gennaio ha portato al Cinema Massimo di Torino il meglio della cinematografia di genere, insieme a mostre, incontri ed eventi per indagare il sesso con curiosità e senza preconcetti. 

Il programma di domenica 21 gennaio, comincia alle 11.30 al Cinema Massimo con le ultime tre opere del Concorso Lunghi, tutte in anteprima nazionale. Si parte con Fallen Flowers Thick Leaves di Laetitia Schoofs, documentario tutto al femminile sulle fatiche di una sessuologa cinese, divisa tra tradizioni secolari e spinte centrifughe di natura capitalista; alle 15.30, My Fucking Problems di Anne van Campenhout è un film autobiografico che mostra come vive una persona affetta da vaginismo in un mondo in cui il sesso è ovunque; chiude il concorso Lunghi alle 17 Fin de Semana di Moroco Colman, torbido dramma familiare argentino che diviene romanzo di formazione. Mentre l'ultima carrellata di cortometraggi, del Concorso Corti sarà in sala alle 14.

Alle 19, sempre al Cinema Massimo si terrà l'ultimo appuntamento del trittico di omaggi a personaggi che hanno cambiato la storia del cinema e del genere erotico. Con The Opening of Misty Beethoven – A bocca piena Fish&Chips omaggia il regista RADLEY METZGER, che nella sua carriera ha impresso su pellicola pratiche di ogni genere e dato corpo a un immaginario vastissimo, in maniera disinibita e con nonchalance. Grazie a un incredibile talento e grande capacità tecnica, Metzger – scomparso nel 2017 – è un riconosciuto maestro dell'erotismo raffinato e psichedelico. In quest'opera troviamo una rivisitazione in chiave hard del Pigmalione di George Bernard Shaw, interpretato da due autentiche leggende del genere come Jamie Gillis e Gloria Leonard.

La terza edizione si chiude con la PREMIAZIONE, alle 21 al Cinema Massimo, durante la quale verranno annunciati i vincitori del Concorso Corti, Corti XXX e Concorso Lunghi, seguita come da tradizione da una proiezione con la quale FISH&CHIPS vuole dare visibilità a un tipo di pornografia lontana dagli standard mainstream, una pornografia sex positive che rispecchia l'idea del festival. La serata conclusiva sarà dedicata quest'anno al lavoro della PINK & WHITE PRODUCTIONS di Shine Louise Houston, specializzata in cinematografia erotica e porno che rispecchia la complessità e la fluidità del concetto di gender, nel rispetto della dignità delle performer e nella naturalezza dei loro ruoli. A partire dal college CrashPad Short con il meglio della produzione 2017 dell'omonimo progetto, al film Snapshot, un thriller romantico e tutto al femminile, che guarda ai maestri Antonioni ed Hitchcock.

Invece alle 16 e alle 17 presso CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia, avranno luogo le visite guidate alla mostra "L'OCCHIO MAGICO DI CARLO MOLLINO. FOTOGRAFIE 1934-1973" che, inaugurata il 18 gennaio, raccoglie la produzione fotografica dell'architetto e designer torinese Carlo Mollino, in un percorso composto da oltre 500 immagini, tra cui emergono 70 scatti erotici. Alle 19 al Blah Blah si terrà l'incontro "QUEER PORTAITS. YOU AS ME SERIES." Un'anteprima del progetto fotografico di Irene Pittatore, un laboratorio in progress e un'esperienza artistica aperti al pubblico del festival per mettersi nei panni degli altri e candidarsi ad essere i prossimi protagonisti dei queer portraits.