giovedì 11 ottobre 2018

"Il saluto" in sala a Torino martedì 16 e mercoledì 17 ottobre

Solo due giorni in sala, martedì 16 e mercoledì 17 ottobre, per il documentario "Il Saluto" di Matt Norman, previsto all'Ambrosio Cinecafé (orari: 15.30 e 22, ingresso a 5 €).

16 ottobre 1968, Città del Messico, Olimpiadi, premiazione della finale dei 200 metri piani maschili. Sul podio salgono gli atleti afroamericani Tommie Smith e John Carlos - medaglia d’oro e di bronzo - e l’australiano Peter Norman medaglia d’argento. Alle note dell’inno americano Smith e Carlos chinano il capo e alzano al cielo il pugno guantato di nero, simbolo del Black Power, per protestare contro la segregazione razziale negli USA e rendere nota al mondo intero la lotta degli afroamericani per l’eguaglianza.
Un segno di protesta eclatante, inimmaginabile, fissato nella storia dell’umanità da una foto divenuta icona del 20° secolo. Una foto che ha fissato per sempre un saluto divenuto gesto di libertà toccante, ineguagliabile. Un gesto lungamente meditato e costato caro ai due atleti afroamericani che – oltre ad essere espulsi dalla federazione di atletica statunitense – vennero perseguitati lungamente e videro le loro vite rovinate.
In quella foto – così forte ed emblematica – si nasconde una storia: quella dell’atleta bianco,  l’australiano Peter Norman, e di come fu decisa e preparata la protesta di Smith e Carlos. Norman, che nella foto quasi scompare oscurato dalla potenza del gesto dei due atleti afroamericani, porta al petto una coccarda identica a quella che portano i due atleti neri: è la coccarda dell’Olympic Project for Human Rights, l’associazione promotrice della clamorosa protesta di Smith e Carlos. Un gesto di condivisione e solidarietà vissuto con impassibile quiete che costerà a Norman – atleta bianco di una nazione in cui la segregazione razziale è altrettanto forte – oblio e carriera, conseguenza di una condanna politica e sportiva che durerà sino alla sua morte. 

Il saluto (Salute) racconta la storia dietro la foto: quella di tre atleti che protestarono dinnanzi al mondo contro la diseguaglianza e l’ingiustizia e della loro amicizia che durò tutta la vita. Un viaggio per rileggere, dal punto di vista dello sport, cosa sono stati gli anni Sessanta, indagando uno dei più momenti più famosi e drammatici della storia delle Olimpiadi. Un documentario che la BBC ha definito “Una delle immagini più sorprendenti del XX secolo."

Diretto dal nipote di Peter Norman, Matt Norman, Il saluto (Salute) è stato accolto in tutto il mondo come un autentico capolavoro, una “storia di sport che andrebbe insegnata a scuola.” come ha scritto La Gazzetta dello Sport. Il racconto di un gesto che costò un prezzo altissimo in termini sportivi e umani a Smith, Carlos e, soprattutto, a Norman “… l’uomo più punito nella storia dell’atletica.” (Il Corriere della Sera). Gli effetti della solidarietà di Norman sono il racconto centrale di Il saluto narrato con partecipazione dall’attore americano Christopher Kirby. Fu grazie al fotografo John Dominis della rivista Life se quello “scatto” ha fermato il tempo, immortalato l’istante e consegnato alla storia dello sport una delle sue immagini più celebri, Dominis ricorda: “… non pensavo fosse un grande evento, mi aspettavo una cerimonia normale, a malapena ho notato cosa stava succedendo quando stavo scattando”. Nessun grido, nessun discorso, solo i corpi raccolti dei tre atleti, in un gesto, un saluto, a rompere l’indifferenza e fermarsi, per sempre, nella memoria collettiva, nella storia. La cerimonia "è effettivamente passata senza molto preavviso nello stadio olimpico", scrisse il corrispondente del New York Times da Città del Messico, Joseph M. Sheehan; tre giorni dopo il gesto di Smith, Carlos e Norman esplode sui quotidiani di tutto il mondo.