lunedì 28 aprile 2014

Il Museo Nazionale del Cinema presenta la rassegna Bellezza e tristezza. 12 restauri di Mizoguchi Kenji

Il Museo Nazionale del Cinema propone, dal 7 al 30 maggio 2014 al Cinema Massimo, una retrospettiva dal titolo Bellezza e tristezza. 12 restauri di Mizoguchi Kenji. L’omaggio dedicato al grande regista nipponico, scomparso a soli 58 anni di leucemia, prevede dodici dei suoi film più famosi recentemente restaurati in digitale ed è un progetto del Museo Nazionale del Cinema.

La retrospettiva su Mizoguchi, regista che meglio di ogni altro ha saputo raccontare il passaggio alla modernità attraverso lo sguardo delle donne che la società maschilista ha brutalizzato ed emarginato, propone una carrellata, su grande schermo, dei suoi più toccanti ritratti femminili.

La rassegna sarà inaugurata mercoledì 7 maggio alle ore 20.30, presso la Sala Tre del Cinema Massimo con la proiezione del film Le sorelle di Gion (Gion no shimai) introdotto al pubblico da Dario Tomasi. Ingresso 6.00/4.00/3.00 euro.

Le sorelle di Gion (Gion no shimai)
(Giappone 1936, 69’, Hd, b/n, v.o. sott. it.)
Due sorelle, Umekichi e Omocha, sono geishe del quartiere Gion, alla periferia di Kyoto. Umekichi accetta di ospitare e mantenere il suo anziano protettore in difficoltà finanziaria ma la cinica Omocha se ne sbarazza con l'inganno. Invettiva contro l'egoismo ipocrita del sesso maschile. Realizzato pochi mesi dopo Elegia di Osaka con lo stesso cast e la stessa troupe, appare come la sua continuazione.