venerdì 1 febbraio 2019

Too Short to Wait: dal 6 febbraio 129 cortometraggi piemontesi in concorso

Sarà TOO SHORT TO WAIT - anteprima Spazio Piemonte ad inaugurare anche quest’anno il percorso che conduce alla nuova - la 18ª - edizione del gLocal Film Festival, che si terrà dal 5 al 10 marzo. La rassegna, dedicata ai cortometraggi piemontesi, presenterà al pubblico tutti i corti iscritti alle sezioni Spazio Piemonte e Torino Factory, di cui solo alcuni accederanno alla fase finale del gLocal che si terrà a marzo.

Da mercoledì 6 a domenica 10 febbraio TOO SHORT TO WAIT porta alla sala Il Movie (Via Cagliari 40/e, Torino) 129 CORTOMETRAGGI di cui 111 per SPAZIO PIEMONTE e 18 alla 2ª call di TORINO FACTORY: la sezione competitiva riservata alle opere sotto i 30’ realizzate nel 2018 ha segnato +17% di iscritti rispetto alla scorsa edizione, provenienti da tutte le otto provincie a rappresentare la creatività e professionalità investite in questo formato, primo campo di prova e occasione di nuove sperimentazioni per i senior; mentre il contest-video-lab per lo scouting di talenti del videomaking under 30 ha raccolto, nella quasi totalità dei casi, film realizzati appositamente per aderire al progetto.

La 5 giorni di corti di TOO SHORT TO WAIT è da sempre un’occasione di coinvolgimento e scoperta per il pubblico, oltre che di formazione per i professionisti della settima arte e per coloro che vogliono cimentarsi in questo settore. Grazie ai tradizionali appuntamenti con le brevi masterclass Corsi Corti - Piccole Storie di Cinema, registi affermati e realtà attive da anni nei diversi ambiti della filiera cinematografica, portano in sala esperienze e utili spunti di discussione tra addetti ai lavori.
Agli autori dei corti in programma, TSTW, offre la preziosa possibilità di confrontarsi con colleghi e pubblico che, di conseguenza, può avvicinarsi alla ‘macchina del cinema’ e ai suoi retroscena, assistendo alle proiezioni con attori e registi in sala, per condividere con loro l’emozione delle immagini sul grande schermo e riscoprire la dimensione originale dell’esperienza cinema, in cui la visione si fa condivisa e collettiva.



Inoltre lo spettatore è chiamato ad essere parte attiva della selezione: delle 129 opere brevi di TSTW le 5 più votate dal pubblico e 15 selezionate dalle curatrici Chiara Pellegrini e Roberta Pozza comporranno la rosa dei 20 che accederanno al 18° gLocal Film Festival (5-10 marzo) e gareggeranno per i premi del concorso Spazio Piemonte. In palio il PREMIO TORÈT Miglior Cortometraggio (1.500 €), il Premio ODS - Miglior Attore, Premio ODS - Miglior Attrice e Miglior Corto d'Animazione assegnati dalla giuria di professionisti del campo, oltre ai premi speciali dei partner Cinemaitaliano.info, Scuola Holden, Machiavelli Music e Seeyousound Music Film Festival, e infine il Premio del Pubblico.

> ANTEPRIME, PREMI E VOLTI NOTI <

Sono 43 i corti che verranno proposti in anteprima assoluta e 1 in anteprima cittadina a cui si sommano le 18 proiezioni inedite di Torino Factory.

Numerosi corti hanno partecipato con successo a festival nazionali ed esteri come Aida di Mattia Temponi, Premio Miglior Tematica Femminile all’Afrodite Shorts; Chiantishare di Carolina Mancini - Premio Migrarti; La festa più bellissima di Hedy Krissane presentato in prima nazionale alla 75ª Mostra del Cinema di Venezia e vincitore del Premio del pubblico giovane al Festival Internazionale del Cinema di frontiera Taormina; Cras di Maurizio Squillari Premio del pubblico al ToHorror Film Fest e selezione ufficiale Trieste Science+Fiction; L'aritmetica del Lupo di Alessandro Ingaria finalista al Trento Film Festival, vincitore del Premio CAI Renata Viviani Cineteca del CAI e del premio alla sostenibilità al Sandalia Sustainability Film Festival; Ancora padre ancora figlio di Vincenzo Caruso che al MonFilmFest ha ottenuto il premio come Miglior Film; Camshot di Mattia Napoli, Miglior Cortometraggio all’Erotic Bizarre Art Film Festival in Spagna, finalista al Mediterraneo Festival Corto e selezione ufficiale al Nebrodi Film Festival; Feu di Andrea Bagnasco, Selezione Ufficiale Duemila30 International Film Festival, Selezione Ufficiale Sguardi Resilienti; Il favoloso mondo di Amedeo di Daniele Noto Vincitore del 100 ore Torino; Special Olympics di Damiano Monaco, Premio Mediastar - No Profit Award e Premio Miglior Trailer - Overtime Film Festival.

Spiccano sul grande schermo, volti noti e familiari al pubblico come quelli di Giorgio Colangeli che con Alice Piano (vincitrice del Premio ODS - Miglior Attrice al gLocal Film Festival 2018) è tra i protagonisti diIn principio di Daniele Nicolosi; Stefano Dell'accio in Ancora padre ancora figlio di Vincenzo Caruso, e Tonino De Bernardi e Roxane Duran protagonisti in The Ancient Child di Fabrizio Polpettini.

> GLOCAL SHORTS <
Supera i confini regionali Too Short To Wait, grazie ai registi che hanno scelto di narrare culture e luoghi differenti gettando il proprio sguardo all’estero come 13 Seconds di Milad Tangshir ambientato a Tehran in Iran; Grazie Johnny di Alberto Segre ambientato nelle periferie di Parigi e girato a Bordeaux; Il viaggio di nozze di Danilo Monte che ci porta a Kerala, in India; La parte che avanza di Omar Bovenzi girato alle Isole Svalbard; Nichilismo 2.0 di Kevin Fusca, videoclip realizzato tra le strade di Londra, Rice to love di Stefano Rogliatti che scopre contraddizioni e criticità del Myanmar e Brucia la sabbia الرمال تحترق di Riccardo Bianco ambientato nella martoriata Siria.

> CORSI CORTI - Piccole Storie di Cinema <
Si rinnova la collaborazione con il CNC - Centro Nazionale del Cortometraggio per gli appuntamenti CORSI CORTI. PICCOLE STORIE DI CINEMA, brevi masterclass che da giovedì a domenica si svolgeranno in apertura delle proiezioni serali. Gli appuntamenti con CORSI CORTI sono l’occasione per mettere al centro la vocazione formativa di TSTW e del gLocal Film Festival che hanno tra le proprie mission quella di creare occasioni di promozione della cultura cinematografica non solo verso chi il cinema lo guarda e lo vive sullo schermo, ma anche verso chi il cinema lo fa e si muove dietro la cinepresa.
Ad aprire Corsi Corti sarà il collettivo Projec-TO (giovedì 7), composto dallo sperimentatore sonoro e compositore Riccardo Mazza e dalla fotografa e videomaker Laura Pol; con loro si parlerà di musica, scienza e videoarte in un incontro sul tema della creazione di un linguaggio cross mediale. In conclusione verrà eseguita una traccia in Live Audio e Visual dall’ultimo album di Project-TO, IRO che in Giapponese significa “colore” e trae ispirazione dai componimenti poetici Haiku.
Il secondo appuntamento è con la società di produzione e talent hub con base a Torino Grey Ladder (venerdì 8) che lo scorso anno ha portato al gLocal Film Festival il corto di animazione Framed di Marco Jemolo, vincitore del Premio Torèt - Miglior Cortometraggio. Grey Ladder presenterà a TSTW Helikon di Taiyo Yamanouchi, un progetto crossmediale che racconta il mondo della scrittura e fonda la sua struttura principale sulla moltiplicazione dei punti di vista, delle linee narrative intrecciate e sulla manipolazione letteraria di mezzi espressivi molto diversi tra loro.
Il regista e sceneggiatore torinese Francesco Ghiaccio, autore di Un posto sicuro scritto con l’attore Marco D’Amore e attualmente al lavoro sul suo secondo lungometraggio, Dolcissime, presenterà al pubblico (sabato 9) il corto Voci bianche che racconta ansie, lotte e derive di un coro di liceali guidati da un giovane ed entusiasta insegnante di canto in grado di trasformare in armonia i tormenti interiori che animano i ragazzi.
La chiusura è affidata a Lights On (domenica 10) casa di distribuzione e sales agency per cortometraggi che gestisce opere italiane ed internazionali accompagnandole nella partecipazione ai festival di tutto il mondo (nella scorsa edizione del gLocal ha presentato Framed di Marco Jemolo, Birthday di Alberto Viavattene, Il tratto di Alessandro Stevanon e Fatta male di Ludovico Bossi).