domenica 31 marzo 2019

Rassegna stampa di domenica 31 marzo 2019

Paolo Morelli sul Corriere Torino prosegue l''ichiesta "Che fine ha fatto il cinema a Torino?" intervistea Mercedez Fernandez Alonso del Torino Film Lab; un box ricorda la giornata di musica e cinema di domani per Fabrizio De André.

Su La Repubblica Torino breve box per "Il Monello" d Chaplin oggi pomeriggio in programma ad AffiDarsi.

Niente da segnalare su La Stampa Torino.

La domenica CronacaQui Torino non è in edicola.

Il Consiglio di Oggi, domenica 31 marzo 2019

IL CONSIGLIO DEL GIORNO



LE ALTRE PROIEZIONI
TUTTI I DETTAGLI SULLE PROIEZIONI DI OGGI

Infine, tutti i film in prima visione in sala.

Tutti i film in sala a Torino li trovate cliccando sulla foto qui a sinistra.

sabato 30 marzo 2019

"Il monello" di Chaplin domenica 31 alla Casa del quartiere di San Salvario

L'Associazione Museo Nazionale del Cinema è arrivata all'ultimo appuntamento della rassegna AffiDarsi 2 con la proiezione de Il monello di Charlie Chaplin domenica 31 marzo ore 15,30 alla Casa del Quartiere di San Salvario (Via Morgari 14). Ingresso libero fino a esaurimento posti.

Charlot, povero vetraio, raccoglie e alleva un bimbo abbandonato dalla madre, vittima di un seduttore. Per aiutare il padre affidatario, il monello (Jackie Coogan) rompe i vetri. Primo lungometraggio di fortemente autobiografico di Chaplin che rielabora la sua infanzia povera nei quartieri popolari di Londra.

Versione restaurata dalla Cineteca di Bologna; il film verrà introdotto da Edoardo Peretti.

La proiezione sarà preceduta dal cortometraggio Mia (2018, 6') realizzato dai partecipanti del laboratorio di videopartecipativo nel corso del 2018.

Rassegna stampa di sabato 30 marzo 2019

Molto cinema su CronacaQui Torino: Danila Elsa Morelli racconta Cartoons on the Bay, in città dal 10 al 14 aprile; intervista di Simona Totino a Guglielmo Poggi, tra i protagonisti di "Bentornato Presidente"; intervista al presidente Anec regionale Arrigo Tomelleri sui CinemaDays; spazio alla consueta pagina di recensioni dei film in sala a cura dell'Agenda (film consigliato: "Una giusta causa").

Paolo Morelli sul Corriere Torino prosegue l'inchiesta su Torino e i David di Donatello; Luca Castelli racconta la serata da dj di Asia Argento al Supermarket.

Fabrizio Accatino su La Stampa Torino presenta l'edizione torinese di Cartoons on the Bay.

Su La Repubblica Torino solo una breve su Asia Argento dj per una notte al Supermarket.

Il Consiglio di Oggi, sabato 30 marzo 2019

IL CONSIGLIO DEL GIORNO



LE ALTRE PROIEZIONI
TUTTI I DETTAGLI SULLE PROIEZIONI DI OGGI

Infine, tutti i film in prima visione in sala.

Tutti i film in sala a Torino li trovate cliccando sulla foto qui a sinistra.

venerdì 29 marzo 2019

Cinque proiezioni al Massimo per il Rendez-Vous con il cinema francese

"L'homme fidele"
Due giorni, cinque appuntamenti al cinema Massimo con il Rendez-Vous, il festival del nuovo cinema francese.

La nona edizione di Rendez-vous apre i battenti su un’annata d’oro per il cinema francese in Italia, che diventa il primo mercato estero per il cinema d’Oltralpe, superando nel 2018 gli Stati Uniti, piazzandosi davanti al Canada. Passione testimoniata, anche quest’anno, dai numerosi titoli acquistati per il territorio e che trovano un lancio in sala proprio nell’ambito della principale manifestazione dedicata al cinema francese, e dalla presenza autorevole e varia di ospiti che verranno ad incontrare pubblico e stampa.

Sabato 06 aprile
>16.00 - C’est ça l’amour di Claire Burger
>18.00 - Amanda di Mickaël Hers
>20.30 - Les invisibles I Le invisibili di Louis di Julien Petit

Domenica 07 aprile
>16.00 - Maya di Mia Hansen-Love
>18.00 - L’Homme Fidèle I L’Uomo fedele di Louis Garrel

Per la sua seconda prova da regista, Louis Garrel esplora con originalità l’enigma amoroso attraverso le peripezie di un uomo, lo stesso Garrel, conteso tra due donne (Laetitia Casta e Lily-Rose Depp). Mia Hansen-Løve, invece, sceglie l’India per la dolce erranza di un uomo intento a ricostruire se stesso. Ancora di rinascita si parla nel melodramma luminoso di Mikhaël Hers, presentato nella sezione Orizzonti a Venezia 75, così come nel film di Claire Burger– vincitrice del GdA Director’s Award alle Giornate degli Autori di Venezia 75 – che esplora l’educazione sentimentale di una classe media in crisi. E infine Louis-Julien Petit porta in Italia il grande successo dell’anno al botteghino francese, una commedia corale tutta al femminile, un tributo alla solidarietà.

Da lunedì 1 aprile "Dogman" torna al cinema (Nazionale)

Per tre giorni (al momento): da lunedì 1 aprile a mercoledì 3 aprile lo spettacolo delle 18.15 del cinema Nazionale - sala 2 sarà occupato da "Dogman" di Matteo Garrone, forte del successo ai David di Donatello.

In una periferia sospesa tra metropoli e natura selvaggia, dove l'unica legge sembra essere quella del più forte, Marcello è un uomo piccolo e mite che divide le sue giornate tra il lavoro nel suo modesto salone di toelettatura per cani, l'amore per la figlia Sofia, e un ambiguo rapporto di sudditanza con Simoncino, un ex pugile che terrorizza l'intero quartiere. Dopo l'ennesima sopraffazione, deciso a riaffermare la propria dignità, Marcello immaginerà una vendetta dall'esito inaspettato.

Al Circolo dei Lettori proiezione di "Any Step Is A Place To Practice"

Martedì 2 aprile alle 20.30 al Circolo dei Lettori di via Bogino 9 nuova proiezione, dopo l'anteprima assoluta all'ultimo gLocal Film Festival di Piemonte Movie, del documentario "Any Step is a Place to Practice" di Andrea Loreni.

Alla presenza di Fabiola Palmeri, esperta di cultura giapponese ed Enrico Salmasi, coregista, in programma anche la recitazione dei Sutra con accompagnamento ritmico di campane e mokugy a cura di Associazione per la pratica dello Zen rinzai Hokuzenko di Torino e spiegazione a cura del Maestro Zen Mario Nanmon Fatibene

A partire dal documentario, girato tra Italia e Giappone su Andrea Loreni, funambolo torinese specializzato su traversate a grandi altezze, diretto e montato da avant|post, una serata interamente dedicata al Giappone, allo Zen e al funambolismo, al vuoto e alla creatività artistica, alla meditazione e al viaggio fisico o simbolico.

In un costante viaggio tra Italia e Giappone, il documentario segue il funambolo filosofo durante le sue conferenze sul rapporto tra Zen e funambolismo e durante il suo soggiorno presso il tempio Sogen-ji a Okayama dove, per celebrare il 77esimo compleanno del maestro Shodo Harada Roshi, ha attraversato il lago su un cavo d’acciaio del diametro di 14 mm.
Realizzato anche grazie ad una campagna di crowdfunding sulla piattaforma Eppela e alla partecipazione del pubblico delle conferenze Zen e funambolismo, analizza il rapporto con il disequilibrio in ogni sua forma.Il disequilibrio e la paura, il cambiamento e lo stare nel qui e ora sono elaborati e accolti attraverso i pensieri del funambolo, i racconti della badessa del tempio e invitano lo spettatore a riflettere sui propri ostacoli.
Il progetto Zen e funambolismo, patrocinato dall’Istituto Italiano di Cultura di Osaka e dall’Università degli Studi di Milano Bicocca, è stato realizzato grazie al contributo della scuola di circo Flic.

Box Office Torino: testa a testa tra "Captain Marvel" e "A un metro da te"

"A un metro da te"
Pochi biglietti separano in vetta alla classifica dei film più visti a Torino nell'ultima settimana, "Captain Marvel" ha avuto 67 spettatori in più rispetto a "A un metro da te".

Ottimo esordio, come prevedibile, per il "Dumbo" di Tim Burton che ha avuto nella sola giornata di ieri 1.427 spettatori (decimo posto complessivo).

Le altre novità: "Bentornato Presidente" ha avuto 222 spettatori, "The Prodigy" 120, "Una giusta causa" 123, "Captive state" 73, "Border" 72, "Fratelli nemici" 46 e "Tutte le mie notti" 6.

CLASSIFICA SETTIMANALE DA VENERDÌ 23 A GIOVEDÌ 29 MARZO 2019

1 CAPTAIN MARVEL   € 30.654 4.890
2 A UN METRO DA TE   € 30.073 4.823
3 MOMENTI DI TRASCURABILE FELICITA'  € 20.320 3.685
4 SCAPPO A CASA   € 17.899 2.991
5 IL PROFESSORE E IL PAZZO   € 16.155 2.932
6 GREEN BOOK   € 13.104 2.269
7 PEPPERMINT - L'ANGELO DELLA VENDETTA   € 13.518 2.235
8 LA CONSEGUENZA   € 9.312 1.741
9 ESCAPE ROOM   € 9.388 1.476
10 DUMBO   € 9.095 1.427
11 GAUGUIN A TAHITI - IL PARADISO PERDUTO   € 11.994 1.416
12 MY HERO ACADEMIA THE MOVIE - TWO HEROES  € 10.782 1.130
13 INSTANT FAMILY   € 5.087 899
14 NON SPOSATE LE MIE FIGLIE 2  € 4.032 714
15 PETERLOO   € 3.121 688
16 IL COLPEVOLE - THE GUILTY   € 3.781 665
17 BOY ERASED - VITE CANCELLATE   € 3.830 645
18 RICORDI?   € 3.434 637
19 GLORIA BELL   € 3.102 585
20 UN VIAGGIO A QUATTRO ZAMPE   € 2.987 524

(Dati Cinetel)

Rassegna stampa di venerdì 29 marzo 2019

Agnese Gazzera per TorinoSette presenta la nona edizione di CinemAutismo, al via il 2 aprile, e la rassegna su Chabrol al Massimo; Daniele Cavalla ricorda l'iniziativa Cinemadays con i biglietti a 3 euro in tutti i cinema dall'1 al 4 aprile. E molto altro, come sempre.
Niente da segnalare su La Stampa Torino.

Davide Ferrario sul Corriere Torino analizza il flop torinese agli ultimi David di Donatello; Luca Castelli parla dei Goblin; Paolo Morelli segnala Paolo Mereghetti oggi al Massimo con le scuole per un appuntamento sulla storia del cinema.

CronacaQui Torino racconta la proiezione del prossimo 6 aprile del documentario "Imperdonabile", al Sermig, della onlus torinese Compassion Italia; un box segnala "Barbarella" stasera al Massimo.

La Repubblica Torino segnala la proiezione di stasera al Massimo del documentario "In cima, insieme".

Il Consiglio di Oggi, venerdì 29 marzo 2019

IL CONSIGLIO DEL GIORNO



LE ALTRE PROIEZIONI
TUTTI I DETTAGLI SULLE PROIEZIONI DI OGGI

Infine, tutti i film in prima visione in sala.

Tutti i film in sala a Torino li trovate cliccando sulla foto qui a sinistra.

giovedì 28 marzo 2019

Daniele Incalcaterra presenta a Torino il suo "Chaco"

Sabato 30 marzo al Cinema Massimo alle 18.00 il regista Daniele Incalcaterra sarà presente alla proiezione del suo documentario "Chaco" e incontrerà il pubblico nel Q&A finale.

Con Chaco prosegue la ricerca iniziata da Incalcaterra con El Impenetrable nel 2012. Qui si racconta il seguito di una storia allo stesso tempo molto personale e totalmente universale, quella di un vasto appezzamento di foresta vergine in Paraguay, ricevuti in eredità dal padre. Un’eredità che potrebbe diventare latifondo, come per buona parte del territorio circostante ma che il cineasta ha deciso di trasformare in un’utopia concreta, destinandola ai nativi Guaranì e alla ricerca scientifica. Impresa apparentemente impossibile anche perché sullo stesso appezzamento vanta diritti un altro proprietario.

Il film è risultato vincitore del Premio al Miglior Lungometraggio (Concorso Internazionale) al 59. Festival dei Popoli 2018 e del Premio Greenpeace (Miglior film a tematica ambientale) al 32. Festival Internacional de Cine de Mar del Plata. Ha inoltre partecipato ad altri film festival internazionali tra cui Visions du Réel e Doclisboa; prossimamente sarà presentato anche in Cinema du Réel in Francia e in Argentina.

Torino/Genova prosegue, Piemonte Movie propone un doppio omaggio a Fabrizio De André

"Amore che vieni, amore che vai"
Dopo il primo appuntamento dedicato a Luigi Tenco, che si è svolto a chiusura del 18° gLocal Film Festival, proseguono gli eventi del progetto TORINO/GENOVA – A/R. IN VIAGGIO CON TENCO, DE ANDRÉ, LAUZI. Una serie di live, proiezioni cinematografiche e di trasmissioni dall’archivio Rai che omaggia i cantautori della Scuola Genovese, Fabrizio De André, Bruno Lauzi e Luigi Tenco, e racconta l’asse Torino - Genova che ha visto nascere questi cantautori, ideata dell’Associazione Piemonte Movie e realizzato con il Museo Nazionale del Cinema, Rai Teche – Mediateca Dino Villani e Distretto Cinema.

Protagonista degli appuntamenti di lunedì 1 e venerdì 5 aprile sarà Fabrizio De André, un artista che ha segnato come nessun altro la cultura italiana del secolo passato e che ha raccontato Genova e l’Italia intera con sguardo lucido e romantico al tempo stesso.

Nato a Genova Pegli nel 1940 da padre torinese e madre cuneese, De André avrebbe potuto nascere a Torino, come il fratello maggiore, se la famiglia non si fosse trasferita a Genova per lavoro.
Da qui parte il racconto di TORINO/GENOVA – A/R che lunedì 1 aprile alle 18.00 a Rai Teche - Mediateca Dino Villani (Via Verdi 31, Torino) propone per Archive Alive! la proiezione della puntata dedicata al cantautore della trasmissione Rai “Ritratti: quando la vita è uno spettacolo” dal titolo Fabrizio De André: questa di Fabrizio è una storia vera e diretta da Giovanni Governi. A introdurre l’incontro a ingresso gratuito, Donatella Tosetti (Film Commission Torino Piemonte) e il live “Esmeralda canta De André” con la cantante e percussionista genovese Esmeralda Sciascia (voce) e il cantautore torinese Luca Morino (chitarra).

Il doppio appuntamento dedicato a De Andrè prevede, venerdì 5 aprile alle 21.00 al Cinema Massimo (Via Verdi 18, Torino. Ingresso 6 €, ridotto 4 €) la proiezione del film Amore che vieni, amore che vai (Italia, 2008, 103') diretto da Daniele Costantini e tratto dal libro "Un destino ridicolo" di Fabrizio De André e Alessandro Gennari (Einaudi, 1996), narra di tre uomini, un contrabbandiere nizzardo di origine italiana passato dalla resistenza alla malavita marsigliese; un giovane "pappone per caso" sognatore e indolente, e un duro pastore sardo, membro dell'anonima sequestri, che tentano il colpo della loro vita organizzando il furto di un carico di merce preziosa. La loro strada è attraversata da due donne, una timida prostituta che vuole cambiare vita e una giovane fiorentina, tanto affascinante quanto sfuggente. Sullo sfondo il porto, i vicoli, le strade e i locali notturni della Genova del 1963, trasferiscono in immagini il fascino della poetica del cantautore ligure.

I PROSSIMI EVENTI “TORINO/GENOVA – A/R. IN VIAGGIO CON TENCO, DE ANDRÉ, LAUZI”

Lunedì 1 aprile 2019 ore 18.00, Rai Teche – Mediateca Dino Villani (Via Verdi, 31 – Torino)
Mastica e sputa…Omaggio a Fabrizio De André
Archive alive! Proiezione della trasmissione Rai Ritratti: quando la vita è uno spettacolo. Fabrizio De André: questa di Fabrizio è una storia vera.
Introduce Donatella Tosetti (Film Commission Torino Piemonte)
Live “Esmeralda canta De André” con Esmeralda Sciascia (voce) e Luca Morino (chitarra)

Venerdì 5 aprile 2019 ore 21.00, Cinema Massimo (Via Verdi, 18 – Torino)
Mastica e sputa…Omaggio a Fabrizio De André
Proiezione di Amore che vieni, amore che vai (Italia, 2008, 103') di Daniele Costantini

Lunedì 27 maggio 2019 ore 18.00, Rai Teche – Mediateca Dino Villani (Via Verdi, 31 – Torino)
Con quella faccia un po’ così…Omaggio a Bruno Lauzi
Archive alive! Proiezione del documentario Rai Cercando Bruno Lauzi – Un giorno nella storia – Rai Italia
Introduce Antonio De Lucia (documentarista)
Live di Luca Morino “Morino canta Lauzi”

Mercoledì 29 maggio 2019 ore 21.00, Cinema Massimo (Via Verdi, 18 – Torino)
Con quella faccia un po’ così…Omaggio a Bruno Lauzi
Proiezione di Invaxon – Alieni in Liguria (Italia, 2004, 133') di Massimo Morini e Enzo Pirrone

Delitto per delitto, al Massimo un omaggio a Claude Chabrol

"Le beau serge"
Il Museo Nazionale del Cinema presenta al Cinema Massimo - MNC, da mercoledì 3 aprile a mercoledì 1 maggio 2019, la rassegna cinematografica Delitto per delitto. Omaggio a Claude Chabrol.

Regista prolifico (52 film, senza contare quelli per la televisione) ma anche sceneggiatore, attore e critico cinematografico, Claude Chabrol è stato uno dei narratori più brillanti e caustici del cinema francese, e per questo spesso paragonato a Zola, Hugo, Balzac e Simenon. Chabrol ha dato nuovo vigore alla grande tradizione del cinema di genere, aderendo e dialogando con gli stilemi cinematografici, mostrando sempre il suo lato ribelle ad ogni tipo di ideologia e di moda, interessato in prima istanza al racconto ben strutturato e a una personale classicità della messa in scena. Il suo esordio Le beau Serge (1957, Pardo d'argento al festival di Locarno per la miglior regia) è considerato il primo film della nouvelle vague, da cui Chabrol prese, tuttavia, le distanze molto presto. Il film anticipa già quelli che diventeranno i tratti distintivi del suo cinema: l'ambientazione provinciale, il cattolicesimo, lo scontro tra due personaggi moralmente opposti, l'analisi della borghesia e, in particolare, delle dinamiche dei rapporti familiari.

La rassegna sarà inaugurata mercoledì 3 aprile alle ore 16.00 dalla proiezione di Le beau Serge.
Ingresso 6.00/4.00 euro.

Le beau Serge (Francia 1958, 98’, Hd, b/n, v.o. sott.it.)
François, un giovane malato di tubercolosi, torna dopo molti anni al villaggio natale. Qui ritrova l'amico d'infanzia Serge, la cui vita è stata rovinata dalla nascita di un bambino handicappato, morto subito dopo il parto. François cerca di aiutare Serge e di riportarlo dalla moglie nuovamente incinta.
Lun 1, h. 16.00/Mer 3, h. 16.00/Lun 8, h. 16.00

I cugini (Les cousins) (Francia 1959, 112’, Hd, b/n, v.o. sott.it.)
Charles si trasferisce a Neuilly, a casa del cugino Paul, per terminare gli studi. Timido e introverso, Charles si innamora di Florence, ma la ragazza è sedotta dall'esuberante cugino. Umiliato anche dal fallimento negli studi, Charles medita di uccidere Paul. Due caratteri opposti a confronto, con l’intromissione di una donna trasformata in oggetto del desiderio. Il risultato è un «melodramma allegro», una «serenata a tre» in forma di tragedia.
Lun 1, h. 18.00/Mar 2, h. 16.00/Mer 3, h. 18.00/Mar 9, h. 16.00

Film e novità nei cinema a Torino da giovedì 28 marzo 2019

"Dumbo"
Tutti i film in sala a Torino da giovedì 28 marzo nelle sale di prima e seconda visione.

Le novità della settimana uscite al cinema a Torino sono:

BORDER (Massimo)
UNA GIUSTA CAUSA (Centrale v.o., Nazionale, Uci)
DUMBO (Due Giardini, Greenwich, Ideal, Lux, Massaua, Reposi, The Space, Uci)
BENTORNATO PRESIDENTE (Ideal, Lux, Massaua, Reposi, The Space, Uci)
FRATELLI NEMICI (Eliseo, Greenwich)
THE PRODIGY - IL FIGLIO DEL MALE (Massaua, The Space, Uci)
CAPTIVE STATE (The Space, Uci)
TUTTE LE MIE NOTTI (Lux - lun e merc, Uci Moncalieri)

Controllate ai link riportati orari e giorni di programmazione.

Rassegna stampa di giovedì 28 marzo 2019

Corriere Torino ospita Paolo Mereghetti, che racconta il film-scandalo "Barbarella" attraverso le foto inedite appartenti all'archivio del Museo del Cinema e in vista della proiezione al Massimo di venerdì sera; nella pagina Gli Imperdibili Fabrizio Dividi presenta Cinemautismo, al via martedì 2 aprile.

Su La Stampa Torino nell'ampio spazio dedicato a Biennale Democrazia si trova anche il ricordo dell'evento organizzato dal festival Lovers, stasera al Circolo dei Lettori, intitolato "L’amore ci vede benissimo".

La Repubblica Torino segnala le due proiezioni, di oggi e domani, al Liceo D'Azeglio con la rassegna Anime Perdute.

Su CronacaQui Torino spazio alla consueta rubrica del giovedì, a cura dell'Agenda, sui nuovi film in sala da oggi.

Il Consiglio di Oggi, giovedì 28 marzo 2019

IL CONSIGLIO DEL GIORNO



LE ALTRE PROIEZIONI
TUTTI I DETTAGLI SULLE PROIEZIONI DI OGGI

Infine, tutti i film in prima visione in sala.

Tutti i film in sala a Torino li trovate cliccando sulla foto qui a sinistra.

mercoledì 27 marzo 2019

Al Massimo due film del Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina

"Divine Wind"
Torna la collaborazione tra il Museo Nazionale del Cinema e il Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina che prevede la proiezione di due film dal continente africano. Lunedì 1 e martedì 2 aprile al Cinema Massimo – MNC si vedranno Divine Wind del regista algerino Merzak Allouache e l’opera prima dell’egiziano Abu Bakr Shawky, Yomeddine. Ingresso 6.00/4.00 euro.

Merzak Allouache
Divine Wind (Rih rabani)
(Algeria/Francia/Libano, 2018, 96’, col., v.o. sott. it.)
Protagonisti due terroristi dell'ISIS che pianificano un attentato a una raffineria di petrolio algerina. La finzione offre un monitoraggio psicologico di questa coppia di suicidi, concentrandosi sui dubbi esistenziali o le conferme che la missione risveglia in loro dal momento in cui si incontrano per la prima volta fino alla vigilia dell’attentato.
Al termine del film incontro con il regista Merzak Allouache.
Lun 1, h. 20.30

Abu Bakr Shawky
Yomeddine
(Egitto/Usa, Austria, 2018, 97’, DCP, col., v.o. sott. it.)
Beshay, un lebbroso da molto tempo non più infettivo, non ha mai lasciato il lebbrosario nel deserto egiziano in cui vive fin da quando era piccolo. In seguito alla morte della moglie decide di andare a ricercare suo padre che, dopo aver promesso di tornare a trovarlo, non si era più interessato a lui. Con un carretto trainato da un somaro l'uomo parte ma non può abbandonare Obama, il bambino nubiano orfano di cui si è sempre preso cura. Il viaggio per i due ha inizio.
Al termine del film incontro con il regista Abu Bakr Shawky.
Mar 2, h. 20.45

"Il mondo in una stanza", al Polo del 900 un documentario su Piera Oppezzo

L'Archivio nazionale cinematografico della Resistenza e Centro Studi Piemontesi presentano giovedì 4 aprile 2019 alle ore 18 al Polo del ‘900 IL MONDO IN UNA STANZA: PIERA OPPEZZO POETA di Luciano Martinengo (2018, 54 min). Saranno presenti il regista e Bruno Gambarotta.

Un percorso alla ricerca di Piera Oppezzo, poeta torinese-milanese, deceduta nel 2009, considerata una delle voci più innovative della poesia italiana contemporanea. Parlando con chi l'ha incontrata, si scoprono coincidenze e rimandi inaspettati. Misteriosa, affascinante e inavvicinabile, Piera ha una sola totalizzante vocazione: la scrittura.

Cinemadays 2019: tutti i cinema di Torino questa volta aderiscono all'iniziativa

Dall'1 al 4 aprile 2019 tornano i Cinemadays, quattro giorni di promozione ideati dal MiBAC (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) in collaborazione con ANICA (Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive e Multimediali) ANEM (Associazione Nazionale Esercenti Multiplex) e ANEC (Associazione Nazionale Esercenti Cinema).

Tutti i giorni, tutti i film a soli 3 euro al biglietto.

Questa volta, contrariamente a quanto avvenuto nelle ultime occasioni, sembra proprio che TUTTI i cinema torinesi aderiranno alla promozione.

Tra i film che potranno essere visti a prezzi scontati, "Book Club", "Bentornato presidente", "Captive State", "Dolceroma", "Dumbo", "Noi", "Una giusta causa" e molti altri ancora.

Rassegna stampa di mercoledì 27 marzo 2019

Su La Stampa Torino Tiziana Platzer presenta "Bentornato Presidente" con Claudio Bisio, girato a Torino e presentato ieri al Reposi; Francesca Rosso racconta il progetto "India Invisibile" (con rassegna di film).

Andrea Lavalle su La Repubblica Torino presenta "Bentornato Presidente" con le parole di Bisio.

Su CronacaQui Torino è Simona Totino a raccontare la serata con Bisio e il suo ultimo film al Reposi; un box ricorda la proiezione de "Il pianista" stasera al Massimo.

Sul Corriere Torino un breve articolo anticipa il prossimo Cartoons on the Bay.

Il Consiglio di Oggi, mercoledì 27 marzo 2019

IL CONSIGLIO DEL GIORNO



LE ALTRE PROIEZIONI
TUTTI I DETTAGLI SULLE PROIEZIONI DI OGGI

Infine, tutti i film in prima visione in sala.

Tutti i film in sala a Torino li trovate cliccando sulla foto qui a sinistra.

martedì 26 marzo 2019

Torna a Torino dall'11 aprile il Cartoons on the Bay

"Dilili a Parigi"
Torino è per il terzo anno la casa di Cartoons on the Bay, il festival internazionale della televisione per ragazzi e dell’animazione cross-mediale, promosso da Rai e organizzato da Rai Com, in collaborazione con la Film Commission Torino Piemonte, la FIP e la Regione Piemonte. Un connubio che ha portato splendidi frutti, viste le due fortunatissime edizioni che hanno preceduto questa numero ventitre.

Ancora sotto la Mole, dove si appoggia la donna del futuro disegnata da Maurizio Manzieri, uno dei più importanti illustratori di fantascienza e fantastico del panorama internazionale. E il fantastico nell’animazione è proprio il tema dell’anno, edizione che celebra quei mondi, futuri, alternativi, distopici, multidimensionali, fiabeschi, che hanno fatto sognare generazioni di lettori, giocatori, spettatori. Tutti quanti si troveranno a Torino, ancora una volta nella cornice davvero unica di Palazzo Carignano, Museo Nazionale del Risorgimento Italiano, dall’11 al 13 aprile 2019, per vivere nuove avventure in mondi fantastici e incontrare molti artisti che questi mondi li hanno creati.

A partire da Bill Plympton, uno dei maestri dell’animazione indipendente, che con i suoi lavori ha influenzato almeno un paio di generazioni di giovani animatori. Ritirerà il Pulcinella Career Award dalle mani del direttore artistico Roberto Genovesi, che spegne quest’anno dieci candeline alla guida di Cartoons on the Bay. Era il 2009 quando a Rapallo dichiarò aperta la sua prima edizione. Dieci anni che hanno visto passare, tra la Liguria, Venezia e Torino, tanti grandi nomi dell’animazione, dei videogiochi e del crossmediale, da Don Bluth a Sylvia Anderson, da Yoshiyuki Tomino a Carlos Saldanha, passando per Annette Tison e Talus Taylor, Mordillo e Bruno Bozzetto.

Una tradizione che si rinnova quest’anno, con Plympton e con Michel Ocelot, che riceverà il Pulcinella alla Carriera, con dicitura rigorosamente italiana per l’animatore, regista, illustratore, artista francese, che incantò il mondo nel 1998 con il suo primo lungometraggio, Kiriku e la strega Karaba. E da allora non ha più smesso. Ripercorreremo durante il festival parte della sua carriera con alcuni dei suoi lungometraggi. Più uno. Nuovissimo e bellissimo.

Tutto questo mentre come sempre le giurie ufficiali dei concorsi di Cartoons on the Bay decreteranno i vincitori dei Pulcinella Award 2019, scelti tra le opere selezionate tra oltre cinquecento produzioni internazionali, provenienti da ogni parte del mondo.

Competizione, ma anche anteprime. Una è proprio il nuovo film di Michel Ocelot, il bellissimo Dilili a Parigi, in collaborazione con Movies Inspired e BIM. E ancora dalla Francia, facciamo un salto nel futuro con A Spasso con Willy, in collaborazione con Notorious Pictures.

Anteprima cinematografica mercoledì 11 aprile alle 18 con "Il ragazzo che diventerà re" di Joe Cornish, interpretato da Patrick Stewart, Rebecca Ferguson, Louis Serkis.

Va alla Marvel Animation il premio di studio dell’anno. La divisione televisiva della factory del compianto Stan Lee presenterà una selezione delle sue serie animate per il piccolo schermo, con protagonisti i supereroi che da oramai un decennio dominano il box office cinematografico mondiale.

Appuntamento fisso quello con il Pitch Me!, il concorso dedicato ai giovani che hanno un’idea nel cassetto con il sogno di farla diventare realtà. Anche quest’anno una giuria di esperti è chiamata a giudicare queste future opere d’animazione e cross-mediali.
E come ogni anno Cartoons on the Bay presenta un ricco programma anche per le scuole, con oltre 1300 studenti di Torino e provincia che verranno coinvolti nelle mattinate del Cinema Ambrosio.

Fotogrammi a Parole, due giorni di convegno a Torino

L'Università di Torino - Dipartimento Studi Umanistici - DAMS ha organizzato per il 28 e 29 marzo all'Auditorium Guido Quazza (via Sant’Ottavio 20 Torino) il convegno FOTOGRAMMI A PAROLE, la letteratura racconta il cinema.

Il convegno FOTOGRAMMI A PAROLE intende indagare la “presenza” dell’immaginario cinematografico all’interno della produzione letteraria, riflettendo su opere in cui la settima arte approda o ritorna sulla pagina e le immagini si (ri)trasformano in parole.

Un cinema visto dagli scrittori, dunque, nell’istante in cui film, registi e star diventano potente materia di invenzione, rievocazione, citazione, suggestione.

Ingresso libero.

Il 1° aprile torna l'appuntamento con il Lunedì Nero del TOHorror Film Fest

"Avulsion"
Terzo appuntamento 2019 per il Lunedì Nero del TOHorror Film Fest, che per l'occasione rispolvera i cortometraggi vincitori o che hanno ricevuto menzioni speciali nel corso delle ultime due edizioni del Festival. Mentre la macchina organizzativa per l'edizione 2019, prevista il prossimo ottobre, è ripartita a pieno regime, il TOHorror coglie così l'occasione per un “ripasso” di una delle sezioni più seguite della manifestazione.
Appuntamento da non perdere al Blah Blah Cineclub (via Po, 21 – Torino) lunedì 1 aprile alle h. 21 (ingresso: 3 €).

Dalla commedia fantascientifica di “Einstein-Rosen” allo sperimentalismo di “Call of Cuteness”, dagli incredibili effetti speciali di “Avulsion” ai terrori infantili di “9 Steps”, i cortometraggi in programma fanno da testimone all'incredibile vitalità dei giovani registi indipendenti italiani e internazionali che mettono alla prova il proprio talento nella forma breve, e la cui promozione resta uno dei punti di forza e delle priorità del TOHorror Film Fest fin dalla sua nascita.

LA SCALETTA DELLA SERATA:

9 STEPS
di Marisa Crespo Abril, Moisés Romera Pérez (Spagna, 2017, 7’)

FORTUNE-TELLER
di Gonzaga Manso (Spagna, 2017, 20’)

AVULSION
di Steve Boyle (Australia, 2017, 10’)

CRAS
di Maurizio Squillari (Italia, 2018, 16’)

CALL OF CUTENESS
di Brenda Lien (Germania, 2017, 4′)

HAPPY END
di Jan Saska (Repubblica Ceca, 2015, 6′)

LE JOUR OU MAMAN EST DEVENUE UN MONSTRE
di Joséphine Hopkins (Francia, 2017, 23’)

EINSTEIN-ROSEN
di Olga Osorio (Spagna, 2016, 9’)

Rassegna stampa di martedì 26 marzo 2019

Tiziana Platzer per La Stampa Torino è stata sul set di "Palazzo di Giustizia", opera prima di Chiara Bellosi, e inoltre segnala l'anteprima di stasera al Reposi con Claudio Bisio e il suo "Bentornato Presidente".

Mini-box su La Repubblica Torino dedicata alle proiezioni al Massimo dell'iniziativa "Cinema del presente. Storia e pensiero".

Su CronacaQui Torino una pagina è dedicata al cinema, con Simona Totino che presenta i David di Donatello (e il "torinese" "Lazzaro Felice" tra i candidati) e segnala l'anteprima di oggi di "Bentornato Presidente" con Claudio Bisio; Roberta Scalise racconta l'esperienza sul set di "Palazzo di Giustizia". Un box ricorda "Case sparse", stasera al Piccolo Cinema.

Niente da segnalare sul Corriere Torino.

Il Consiglio di Oggi, martedì 26 marzo 2019

IL CONSIGLIO DEL GIORNO



LE ALTRE PROIEZIONI
TUTTI I DETTAGLI SULLE PROIEZIONI DI OGGI

Infine, tutti i film in prima visione in sala.

Tutti i film in sala a Torino li trovate cliccando sulla foto qui a sinistra.

lunedì 25 marzo 2019

Cronache dal set di "Palazzo di giustizia" di Chiara Bellosi

Chiara Bellosi sul set del suo film
È iniziata oggi, lunedì 25 marzo 2019, la quarta settimana (di cinque complessive) di riprese a Torino dell'opera prima di Chiara Bellosi "Palazzo di Giustizia", prodotto dalla società tempesta di Carlo Cresto-Dina.

Opera prima di una regista finora impegnata in documentari (prima segnalazione, nel collettivo "Checosamanca" che vide all'opera anche una giovane Alice Rohrwacher), è il terzo film girato dalla casa di produzione in città: il primo, "Le ultime cose", film d'esordio di Irene Dionisio; il secondo, il segmento cittadino di "Lazzaro Felice" di Rohrwacher. Ancora una donna, ancora un esperimento. Racconta Bellosi (e le sue parole ricalcano quasi per intero quelle espresse da Dionisio in fase di presentazione del suo film): "Volevo fare un documentario ambientato in un palazzo di giustizia (Là era un banco dei pegni, nda), ho proposto l'idea a Carlo che mi ha chiesto di provare a svilupparne un lungometraggio 'di finzione'. Ho passato settimane tra i corridoi del vero tribunale di Milano, cercando storie, e alla fine è nato lo spunto di questo film".

Lo spunto è questo: una giornata di ordinaria giustizia in un grande tribunale italiano. Al centro, nel cuore del palazzo, c’è un’udienza: sul banco degli imputati un giovane rapinatore e il benzinaio che, appena derubato, ha reagito, sparato e ucciso l’altro, giovanissimo, complice. Ma anche (o soprattutto?) le famiglie, figli e mogli degli imputati e delle vittime, fuori, in attesa.

"Non avevamo intenzione di legarci all'attualità, anche perché è stato scritto tutto prima che questo governo entrasse in carica", aggiunge Bellosi. "Ma purtroppo ci troviamo coinvolti in una serie di discussioni sul diritto alla legittima difesa, sull'uso delle armi in situazioni del genere... Il film non dà giudizi, vuole solo esprimere le emozioni e le ripercussioni che le scelte di padri e mariti possono avere sul resto della famiglia. L'incontro-scontro tra la figlia di un assassino/vittima e la compagna (con bimba a carico) di uno dei rapinatori sarà la chiave intorno a cui raccontare tutto ciò".

Forte presenza di Torino e del Piemonte anche tra i professionisti e nel cast artistico: la troupe è composta infatti per il 60% circa da maestranze locali, tra cui il direttore di produzione Andrea Tavani, la location manager Alessandra Curti, insieme a Stefano Cravero al montaggio e a Tatiana Lepore come acting coach. Tra gli attori locali si segnala la presenza degli esordienti Bianca Leonardi (che interpreta la giovane protagonista Luce), Sarah Short nel ruolo di Domenica e Emanuele Attini; Giovanni Anzaldo, uno degli attori principali, è anch’esso di origini torinesi.

La scelta del cast è da sottolineare: se le giovani Leonardi e Short sono all'esordio, non così è per la protagonista Daphne Scoccia (indimenticabile esordiente in "Fiore" di Claudio Giovannesi) e per Andrea Lattanzi, strepitoso protagonista di "Manuel" di Dario Albertini (e poi, anche, sul set di "Sulla mia pelle" con Alessandro Borghi).

Interpellati nell'incontro stampa organizzato da Film Commission Torino Piemonte, i tre attori non si sono molto sbottonati su quel che è il rapporto con i loro personaggi. Le due ragazze si sono limitate a confessare la totale fiducia nei confronti della loro regista (specie Short, qui esordiente assoluta); Lattanzi a spiegare come si sia divertito a imparare il mestiere di idraulico - è il suo ruolo nel film - così da avere un "piano B" nel caso il cinema non dovesse andar bene... Ancora in piena atmosfera di riprese, era difficile pretendere di più dal giovanissimo cast.

Secondo il produttore Carlo Cresto-Dina “a Torino si trova non soltanto l’aiuto finanziario, che pure è importante, ma si trovano la cortesia, la competenza e l’attenzione di chi conosce il cinema. Di chi capisce cosa noi, con i nostri film un po’ innovativi e un po’ eccentrici, cerchiamo di fare. E’ una risorsa preziosissima per questo territorio, un sistema di professionalità che si è costruito negli anni, che attira investimenti e genera occupazione, e un modo esemplare di dimostrare che l’investimento pubblico non va inteso come un Bancomat ma come un’interazione virtuosa che crea un ecosistema creativo e finanziario”.

“Siamo molto felici di poter nuovamente collaborare con Carlo Cresto-Dina e con tempesta, che stimiamo da sempre per professionalità e intraprendenza”, ha commento il Presidente di Film Commission Torino Piemonte, Paolo Damilano. "È ulteriormente importante poter sostenere un talento alla sua opera prima, certi che Torino, con i suoi luoghi e grazie all’operato delle tante maestranze locali coinvolte possa contribuire più che positivamente al successo del progetto”.

Un lavoro importante è stato fatto in fase di costruzione della scenografia, curata da Giuliano Pannuti: il palazzo di giustizia del film (disegnato per assomigliare a quello di Milano in cui la regista ha immaginato la sua storia) è stato ricostruito all'interno del palazzo dei "Poveri Vecchi" (più precisamente, l'Istituto di Riposo per la Vecchiaia IRV) di corso Unione Sovietica, trasformando i vecchi e cadenti corridoi ad archi nei "nuovi" ambienti squadrati e ripuliti. Green screen e fondini fotografici per le finestre completano l'immedesimazione: tutto quanto realizzato seguendo il disciplinare certificato EcoMuvi per la riduzione dell’impatto ambientale nelle fasi di preproduzione e produzione del film.

Le riprese hanno inoltre coinvolto la Scuola di Applicazione Militare, il Politecnico di Torino, il Liceo Regina Margherita e un distributore di benzina nel comune di Orbassano.

L'obiettivo della produzione è un festival importante in cui uscire (Venezia? Il film di Irene Dionisio fu alla Settimana della Critica...) per poi arrivare a ruota in sala. Ne sentiremo parlare.

Torino Comics dal 12 al 14 aprile a Lingotto Fiere

Tornano i grandi doppiatori a Torino Comics, in programma per la sua edizione numero 25 dal 12 al 14 aprile a Lingotto Fiere. Anche quest’anno sarà presente una nutrita schiera di voci celebri del mondo del cinema e delle serie tv, con un focus particolare su la celeberrima serie tv Game of Thrones e sul mondo Marvel.

Sono in programma sul palco cosplay due conferenze, sabato 13 e domenica 14 aprile, dalle ore 13 alle 14, in cui i doppiatori sveleranno al pubblico aneddoti e curiosità sui loro doppiaggi più famosi.

Alla conferenza di sabato 13 aprile saranno presenti: 
-  Sara Labidi, voce di Maisie Williams, alias Arya Stark in Game of Thrones.  Romana, classe 1998, Sara inizia la carriera di doppiatrice all’età di 7 anni. Ha doppiato Maisie Williams anche in Doctor Who, dove l’attrice britannica interpreta il personaggio di Ashildir. Sara Labidi ha inoltre prestato la voce ad Annalise Basso, Bailee Madison, Angourie Rice, Maude Apatow ed è parte dello staff di doppiaggio dei cartoni Madagascar 2, Bolt, Rio 2 e Alla ricerca di Dory.

- Marco Guadagno, voce del malvagio genio della genetica Dottor Armin Zola – interpretato da Toby Jones – nei film su Captain America. Nato a Roma nel 1960, Marco Guadagno è anche adattatore dei dialoghi di tutti i prodotti Marvel Cinematic Universe (a eccezione dell’Incredibile Hulk). È inoltre la voce di Matthew Broderick in numerose pellicole ed è parte dello staff di Star Trek II – L’ira di Khan. Per i nostalgici anni ’90, è stato la voce di Brendon Walsh – interpretato da Jason Priestley – nella celebre serie Beverly Hills 90210. Per quanto riguarda le serie animate, è la storica voce di Puffo Quattrocchi nei Puffi e ha prestato la voce al bullo Nelson Muntz nelle prime due stagioni de I Simpson.

- Elena Perino, attrice e doppiatrice classe 1985, voce dell’attrice Brie Larson, interprete di Carol Denvers – Captain Marvel, la protagonista dell’omonimo film Marvel Cinematic Universe, nelle sale cinematografiche proprio in questi giorni. Elena è inoltre la voce di Anna Kendrick e di Christina Wren, l’interprete di Carrie Farris nei film DC Comics Man of steel e Batman v Superman: Dawn of Justice. Ha fatto inoltre parte dello staff di Agents of S.H.I.E.L.D.

- Alex Polidori è la voce ufficiale della nuova saga di film su Spider-man. Romano, classe 1995, Alex presta infatti la voce a Tom Holland, alias Peter Parker in Spider-man Homecoming del 2017 e in Spider-man: Far From Home, in uscita nel 2019.

Ma è anche la voce di Jimmy Bennett, il giovane Kirk del nuovo Star Trek, di Taylor Gray alias Ezra Bridger in Star Wars Rebel e fa parte dello staff di Bumblebee, Jurassic Wolrd e Maze Runner.

Alla conferenza di domenica 14 aprile saranno presenti:
- Letizia Ciampa, voce di Emilia Clarke – Daenerys Targaryen in Game of Thrones. Romana, classe 1986, Letizia è anche la celeberrima voce di Emma Watson – Hermione nella saga di Harry Potter, di Vanessa Hudgens – Gabriella Montez in High School Musical e di Mia Wasikowska – Alice nei film Alice in Wonderland e Alice attraverso lo specchio. Ha fatto inoltre parte dello staff di Le Cronache di Narnia e dei vari Maze Runner.

-  Francesco Venditti, voce di Ryan Reynolds alias Wade Wilson in Deadpool e Deadpool 2.  Romano, classe 1976, Francesco è anche direttore del doppiaggio, adattatore e attore (ha interpretato, ad esempio, il ruolo del Bufalo nel film Romanzo Criminale). Tra i lavori come doppiatore, da ricordare la saga di X-Men, in cui presta la voce ad Hank “Bestia” McCoy, interpretato da Nicholas Hoult, Logan-The Wolverine, dove doppia Boyd Holbrook alias Donald Pierce e Ant-Man, in cui è la voce di Kurt, interpretato da David Dastmalchian. È inoltre la voce di Diego Luna in Rogue One: a Star Wars Story e di Matt Smith alias T-5000 in Terminator Genisys.

-        Stefano Crescentini, voce di Mysterio, acerrimo nemico di dell’Uomo ragno, che apparirà sugli schermi di Spider-man: Far from Home, interpretato da Jake Gyllenhaal. Stefano Crescentini, che è anche direttore del doppiaggio, ha prestato la voce a innumerevoli attori in film e serie tv. Qualche esempio? James McAvoy – Charles Xavier nei nuovi X-Men, Ed Srkein e Michiel Huisman – Daario Naharisdi Game of Thrones, di Wally Wingert – Ant-Man di Avengers: I più potenti eroi della Terra, Chris Pine – James T. Kirk dei nuovi Star Trek, Wil Wheaton – Wesley Crusher di Star Trek TNG e Aidan Turner – Kili de Lo Hobbit.

"A un metro da te" è il film più visto a Torino nel fine settimana

"A un metro da te"
Cambio in testa alla classifica dei film più visti a Torino: nel fine settimana ha vinto "A un metro da te", love story strappalacrime.

Seconda "Captain Marvel", quarto "Scappo a casa" davanti a "Il professore e il pazzo" e "Peppermint", ottavo "La conseguenza".

Le altre novità: "Instant family" ha avuto 649 spettatori, "Peterloo" 472, "Ricordi?" 367, "Un viaggio indimenticabile" 168, "Dafne" 155, "Il venerabile W" 129, "L'eroe" 46 e "La mia seconda volta", dopo un ottimo esordio, solo 33.

CLASSIFICA WEEK-END 22-23-24 MARZO 2019

1 A UN METRO DA TE   € 23.202 3.565
2 CAPTAIN MARVEL   € 22.781 3.489
3 MOMENTI DI TRASCURABILE FELICITA'   € 14.869 2.605
4 SCAPPO A CASA   € 13.855 2.251
5 IL PROFESSORE E IL PAZZO   € 11.882 2.107
6 PEPPERMINT - L'ANGELO DELLA VENDETTA   € 10.056 1.601
7 GREEN BOOK   € 8.881 1.431
8 LA CONSEGUENZA   € 7.172 1.306
9 ESCAPE ROOM   € 7.405 1.107
10 MY HERO ACADEMIA THE MOVIE - TWO HEROES   € 9.946 1.035

(Dati Cinetel)

Rassegna stampa di lunedì 25 marzo 2019

Su Corriere Torino Fabrizio Dividi ricorda la presenza oggi al Massimo del regista Ludovic Bonleux per il documentario "Guerrero".

Su La Stampa nazionale intervista alla torinese Stefania Rocca, niente da segnalare su La Stampa Torino e La Repubblica Torino.

CronacaQui Torino non è in edicola il lunedì.

Il Consiglio di Oggi, lunedì 25 marzo 2019

IL CONSIGLIO DEL GIORNO



LE ALTRE PROIEZIONI
TUTTI I DETTAGLI SULLE PROIEZIONI DI OGGI

Infine, tutti i film in prima visione in sala.

Tutti i film in sala a Torino li trovate cliccando sulla foto qui a sinistra.

domenica 24 marzo 2019

India Invisibile prosegue martedì 26 con "Cowboys in India"

Il progetto India invisibile intende gettare luce sulle pieghe nascoste del boom economico indiano, dando risalto alle realtà retrostanti di sfruttamento e discriminazione.

Tale progetto prende le mosse dalla mostra fotografica Behind the Indian Boom (Dietro le quinte del boom indiano), che Alpa Shah (The London School of Economics and Political Science - LSE) e il regista Simon Chambers hanno realizzato a Londra come restituzione collettiva di un progetto triennale di ricerca condotto con Jens Lerche (SOAS University of London) sul tema Diseguaglianza e povertà nell’India del boom economico. Il progetto è stato finanziato da European Research Council e Economic and Social Research Council.

Gli scatti di Behind the Indian Boom sono un viaggio nelle più remote regioni dell’India, per documentare il ruolo delle sue comunità più svantaggiate, adivasi e dalit, nella crescita dell’economia indiana e a livello globale e sono i protagonisti della riedizione torinese della mostra.

India invisibile si sviluppa in forma diffusa, ospitando la mostra fotografica in tre diverse sedi: il Campus Luigi Einaudi (27 marzo – 2 aprile); l’International Training Center dell’ILO (27 marzo – 17 maggio) e lo Spazio Regione Piemonte (28 maggio – 15 giugno).

La mostra è inserita all’interno di una più ampia serie di eventi che si articolano, da febbraio a giugno, attraverso un ciclo di proiezioni cinematografiche e seminari.

India invisibile è un progetto a cura dell’ISA (Istituto di Studi sull'Asia), dei Dipartimenti di Giurisprudenza, Culture Politica e Società e Studi Umanistici dell’Università di Torino, e si svolge in collaborazione con il Centro Studi Sereno Regis, l’International Training Centre of the ILO (ITC/ILO) e l’associazione Jarom Onlus.

PROGRAMMA:

Rassegna stampa di domenica 24 marzo 2019

Jacopo Ricca su La Repubblica Torino racconta del progetto cinematografico annunciato sulla figura di Bianca Guidetti Serra; al cinema Massimo un omaggio alla Panaria Film.

Fabrizio Dividi sul Corriere Torino scrive dell'omaggio a Jonas Mekas di domani sera all'Unione Culturale.

Niente da segnalare su La Stampa Torino.

CronacaQui Torino non è in edicola la domenica.