mercoledì 17 luglio 2019

Rassegna stampa di mercoledì 17 luglio 2019

Fabrizio Dividi sul Corriere Torino scrive un articolo sulla nuova edizione di Cinemambiente in Valchiusella; nella pagina Gli Imperdibili sempre Dividi anticipa "Vampyr" di Dreyer, musicato dal vivo domani a Cinema a Palazzo.

Su La Repubblica Torino breve presentazione a cura di Andrea Lavalle della nuova mostra del Museo del Cinema, FacceEmozioni.

Due box sul cinema per CronacaQui Torino: uno ricorda "Buffalo 66", stasera a Cinema a Palazzo, l'altro l'ingresso a 1 euro per oggi al Museo Nazionale del Cinema.

In un articolo de La Stampa Torino sugli eventi estivi in città, Pierfrancesco Caracciolo e Bernardo Basilici Menini presentano la rassegna Imbar Kino al via domenica sera.

Il Consiglio di Oggi, mercoledì 17 luglio 2019

IL CONSIGLIO DEL GIORNO

Al Polo del 900, in collaborazione con l’Archivio nazionale cinematografico della Resistenza e Film Commission Torino Piemonte, è in corso la rassegna Muri visibili e muri invisibili (ingresso gratuito fino a esaurimento posti).
Questa sera "Le tre sepolture" di e con Tommy Lee Jones.

Mike Norton, un poliziotto di frontiera statunitense, uccide in Texas, per errore, Melquiades Estrada, un immigrato clandestino messicano che lavora come cowboy.
I superiori decidono di insabbiare la cosa e di dare a intendere che Melquiades abbia sparato per primo e costretto l'agente a difendersi. L'amico dell'uomo, Pete Perkins (Tommy Lee Jones), venuto a conoscenza della verità rapisce il poliziotto e lo costringe ad accompagnarlo nel villaggio di origine di Melquiades per seppellire là il suo cadavere.

Un film "semplicemente strepitoso", che sa essere anche "toccante, denso, semplice con l’usuale verità emotiva stampata sul volto arido e segnato".

LE ALTRE PROIEZIONI
TUTTI I DETTAGLI SULLE PROIEZIONI DI OGGI

Infine, tutti i film in prima visione in sala.

Tutti i film in sala a Torino li trovate cliccando sulla foto qui a sinistra.

martedì 16 luglio 2019

Sguardi d'altrove, una rassegna di film d'Africa e della diaspora

Al cinema Centrale Arthouse di via Carlo Alberto 27 dal 23 al 25 luglio arriva Sguardi d'altrove, una rassegna di film d'Africa e della diaspora.

Tre giorni di film e documentari che parlano di amore, amicizia, lotta, fuga, guerra, povertà, in un paese che dista da noi poco più di due ore di aereo, eppure sembra lontano anni luce.

Curatrice dell'evento è Daniela Ricci.

Biglietto: intero 6 euro / ridotto 4 euro

PRESTO I DETTAGLI CON LA PROGRAMMAZIONE

Torino Città del Cinema 2020: a novembre 2019 il lancio, chi se ne occuperà?

Verrà lanciata durante il prossimo Torino Film Festival, a novembre 2019, l'iniziativa Torino Città del Cinema 2020, pensata dalla Città di Torino in occasione del ventennale (a luglio 2020) sia del Museo Nazionale del Cinema (il 19) sia della Film Commission Torino Piemonte (il 20).

Cosa si sa dell'evento per ora? Non moltissimo, a dire il vero. Durerà fino al TFF del 2020, tutti i soggetti attivi in città nel campo del cinema (festival, associazioni, Università, eventi vari) sono stati coinvolti. Obiettivo primario è quello di creare un calendario che sappia dare a tutti una panoramica chiara della fitta attività in merito (lavoro che qui in Agenda facciamo tutti i giorni) e magari agevolare la creazione di qualche iniziativa ad hoc.

La cabina di regia, coordinata dalle Divisioni Commercio, Turismo, Lavoro, Attività produttive e Sviluppo Economico, Servizi Amministrativi e Culturali, ha individuato cinque filoni lungo cui strutturare tutta l'annata: Torino Città del Cinema tra passato e futuro; Innovazione, tecnologia, multimedialità; Educazione e formazione; Accessibilità; Cinema e arti.

In questi giorni il Comune di Torino ha avviato un’indagine di mercato al fine di individuare gli operatori economici interessati a partecipare alla procedura negoziata per l’affidamento dei servizi inerenti la realizzazione di una campagna di comunicazione di “Torino Città del Cinema 2020”. I compiti saranno la creazione di un brand, di una campagna pubblicitaria, di una narrazione del progetto, di un sito web, di un video promozionale, ma anche dell'attività social e molto altro ancora (tutti i dettagli qui).

La durata è prevista a partire dal 10 ottobre 2019 e fino al 30 novembre 2020.

L’importo posto a base di gara è stimato in euro 163.935,00 al netto IVA 22%.

La candidatura dovrà pervenire all’Amministrazione procedente entro e non oltre le ore 12 del giorno 25 luglio 2019.

Questo al momento lo spot veicolato da Turismo Torino:

Imbar Kino, una nuova rassegna estiva dal 21 luglio

Dal 21 luglio all'Imbarchino del Valentino una nuova rassegna a ingresso gratuito, ogni domenica sera alle 21.30, organizzata da Lights On.

La rassegna estiva Imbar Kino avrà come filo conduttore la musica: a partire dalle non-frequenze di RBL proporrà una naturale metamorfosi dalle note alle immagini, per accompagnare le domeniche estive con proiezioni all’aperto nella collina adiacente il locale Imbarchino. In programma sette film che attraversano diversi territori musicali e cinematografici e che vantano collaborazioni con festival importanti di Torino come Cinemambiente e Seeyousound.

Un programma caleidoscopico che esplora dal documentario più classico a quello sperimentale, dal rap all’afrofuturismo, da film di successo come Fela Kuti - il potere della musica, dedicato al musicista nigeriano, a classici come Let’s Get Lost su Chet Baker, per chiudersi con il grande film di Jarmush Only Lovers Left Alive, film di vampiri tra Detroit e Tangeri con memorabili contaminazioni musicali, da godersi nella cornice notturna del parco.

Si parte con Numero Zero: Alle origini del rap italiano del torinese Enrico Bisi, primo film che esplora la nascita del rap in Italia tra testimonianze dell’epoca e video d’archivio introvabili. A presentarlo ci sarà il regista che ci racconterà degli aneddoti sulla nascita del film. Secondo appuntamento con Studio 54: presentato al Sundance 2018 e portato a Torino da Seeyousound. Il documentario ripercorre la storia del più importante night club newyorkese di fine anni '70. La serata sarà in collaborazione con Seeyousound. Il leggendario musicista Fela Kuti è il protagonista del film Fela Kuti il potere della musica, il più recente e completo racconto sull’inventore dell’afrobeat. Lo spazio cosmico dell’afrofuturismo riecheggia nel film Sun Ra: A Joyful Noise. Sarà davvero un’occasione speciale per scoprire questo cult girato dal documentarista Robert Mugge nel 1980 e recentemente restaurato. Si prosegue con il classico di Bruce Weber, fotografo e regista, il lirico Let’s Get Lost su Chet Baker, considerato da molti per la sua libertà narrativa uno dei ritratti musicali cinematografici piu’belli di sempre. Cinemambiente proporrà In Praise of Nothing lavoro diretto dal serbo Boris Mitic e presentato nel 2018 al Festival dopo l’anteprima a Locarno. Il film è un mosaico durante il quale “Il Nulla” farà un viaggio intorno alla terra per raccontarne tutte le sue contraddizioni con la voce narrante di Iggy Pop. Chiuderà la rassegna l’1 settembre Only Lovers Left Alive, ballata notturna di Jim Jarmush che riscrive l’horror e fa girare vinili nell’ultima notte al cinema Imbar kino.

Anteprima gratuita di "Dolcissime" al Massaua Cityplex sabato 27 luglio

Dal 1° agosto arriva al cinema "Dolcissime" di Francesco Ghiaccio (regista di "Un posto sicuro"), interamente girato a Torino. Il film sarà in anteprima gratuita il 27 luglio al Massaua Cityplex grazie a Film Commission Torino Piemonte. Per partecipare è necessario iscriversi al canale di promozioni con Whatsapp del Massaua (qui le informazioni).

Opera seconda di Ghiaccio, sceneggiata dallo stesso regista insieme a Marco D’Amore e in collaborazione con Renata Ciaravino e Gabriele Scotti, è una produzione Indiana Production e La Piccola Società in collaborazione con Vision Distribution, realizzata con il sostegno di Film Commission Torino Piemonte e con il patrocinio della Città di Torino.

Ne sono protagoniste Giulia Barbuto Costa Da Cruz, Alice Manfredi, Margherita De Francisco, Giulia Fiorellino, alla loro prima volta sul grande schermo, e Licia Navarrini, con la partecipazione di Valeria Solarino e con la partecipazione di Vinicio Marchioni. La fotografia è di Ferran Paredes Rubio, il montaggio di Chiara Griziotti, la scenografia di Paola Bizzarri, i costumi di Laurianne Scimemi e le musiche originali di Enrico Pesce. 

Sinossi. Mariagrazia, Chiara e Letizia sono tre amiche inseparabili costrette a fare i conti ogni giorno con gli odiati chili di troppo, tra sguardi di disapprovazione dei compagni e risatine nei corridori della scuola. Mariagrazia soffre il confronto con la madre (Valeria Solarino), ex campionessa sportiva. Chiara ha una chat con un coetaneo, ma tanta paura di svelarsi in foto. Letizia un talento per la musica ma troppa vergogna per esibirlo. Dopo l’ennesima presa in giro, un’inattesa occasione di riscatto arriva dalla popolare e bellissima Alice, capitano della squadra scolastica di nuoto sincronizzato, costretta da un ricatto ad allenarle in gran segreto. Le tre ragazzine si lanciano in un’impresa impossibile spinte in acqua dalla gran voglia di rivincita. Finiranno per immergere la loro vita in quella della rivale, avvicinandosi le une alle altre giorno dopo giorno, esercizio dopo esercizio, sorriso dopo sorriso. Una storia tutta d’un fiato fino all’ultimo tuffo, sull’incredibile forza dell’amicizia oltre gli inciampi, gli imprevisti e qualsiasi diversità.

Read Movie ospita il regista Daniele Gaglianone per la proiezione del film "Ruggine"

"Ruggine"
Con READ MOVIE cinema e libri si prendono per mano, uniti da un filo – un tema, una parola, una suggestione – che lega il film, proiettato dalle ore 22, con il libro scelto dalla Società Anonima Lettori, raccontato dalle ore 19.30. Il racconto, pop e lieve, dei libri selezionati, vuole instillare in chi ascolta l’irrefrenabile pulsione alla lettura e il film vuole raccontare esistenze fatte di ombre.

Il film scelto per l’ultimo appuntamento è “Ruggine” di Daniele Gaglianone che sarà presentato direttamente dal regista, accompagnato dal montatore Enrico Giovannone e dai sound designers Vito Martinelli e Paolo Armao

La rassegna è organizzata da Off Topic e TYC in collaborazione con The Goodness Factory, Società Anonima Lettori e Fandango. Ingresso libero.

IL PROGRAMMA DI SERATA - Mercoledì 17 luglio

Ore 19.30 - Società Anonima Lettori, presentazione del libro

Ore 21 – Presentazione di “Ruggine” con Annamaria Latella (direttrice artistica della rassegna cinema di Read Movie), Daniele Gaglianone (regista), Enrico Giovannone (montatore), Vito Martinelli (sound designer) e Paolo Armao (sound designer)

Ore 22 - Proiezione di “Ruggine” (2011, Daniele Gaglianone)

Info: offtopictorino.it  011.0601768

Rassegna stampa di martedì 16 luglio 2019

CronacaQui Torino ospita un articolo di Danila Elsa Morelli dedicata alla mostra del Museo del Cinema, FacceEmozioni; Simona Totino scrive de "La passione di Anna Magnani", stasera a Cinema a Palazzo; un box ricorda "Loving Vincent" al Rough.

Gabriella Crema su La Repubblica Torino scrive dell'anteprima de "La passione di Anna Magnani".

Tiziana Platzer su La Stampa Torino dedica un approfondimento a "La passione di Anna Magnani".

Fabrizio Dividi sul Corriere Torino presenta la mostra FacceEmozioni; Alessandro Martini e Maurizio Francesconi anticipano la mostra "hollywoodiana" di Camera dedicata a Larry Fink.

Il Consiglio di Oggi, martedì 16 luglio 2019

IL CONSIGLIO DEL GIORNO

"La passione di Anna Magnani" di Enrico Cerasuolo dopo l'esordio a Cannes Classics e la prima italiana a Il Cinema Ritrovato arriva a Torino, a Cinema a Palazzo.

Attraverso un sapiente uso degli archivi personali della famiglia (il figlio Luca è protagonista di una sincera intervista) e degli estratti da alcuni lavori scelti tra i più iconici e tra quelli da riscoprire, il documentario è una biografia esauriente ma anche una dichiarazione d'affetto che il regista interpreta in prima persona, punteggiando il racconto con le sue emozionate parole.

Un documentario capace di commuovere e divertire, celebrando una donna e un'attrice unica ma al contempo riuscendo a raccontare i grandi registi con cui Anna ha lavorato.

LE ALTRE PROIEZIONI
TUTTI I DETTAGLI SULLE PROIEZIONI DI OGGI

Infine, tutti i film in prima visione in sala.

Tutti i film in sala a Torino li trovate cliccando sulla foto qui a sinistra.

lunedì 15 luglio 2019

Stefano Milla sul set per "The Soul Eater", il film ispirato da Cesare Lombroso

Stefano Milla sul set di "The Soul Eater"
Estate sul set per il regista torinese Stefano Milla, emigrato di successo negli Stati Uniti dove ha ottenuto buoni successi cinematografici che gli hanno permesso ora di ritornare "a casa", con una produzione hollywoodiana, per girare nei luoghi originali una parte del suo nuovo film, ispirato dalla figura di Cesare Lombroso (titolo provvisorio: "The Soul Eater").

Nel fine settimana appena concluso le riprese si sono svolte nei pressi di Racconigi, a Murello, all'interno della cappella della Confraternita di San Giuseppe, più nota come Crusà. Nel cast due nomi noti della serialità televisiva statunitense: Lombroso è interpretato da Justin Welborn, visto in "Godless" e "Justified"; nel ruolo di Edgar Ramus è invece stato scelto Mishaël Lopes Cardozo, già con Milla nel precedente "Richard the Lionheart: Rebellion" ma visto anche, in un piccolo ruolo, ne "Il Trono di Spade". Insieme a loro, ovviamente, anche attori piemontesi (come parte della troupe).

"Finalmente giro qui questo film, sono riuscito nell'impresa di portare una produzione americana così importante in Piemonte e Val d'Aosta, anche all'interno di luoghi meravigliosi come la Palazzina di Caccia di Stupinigi", dice il regista.


Il film si svilupperà su due piani, la Los Angeles odierna in cui - per fermare un serial killer temibile ed efferato - una consulente criminale si dovrà rivolgere, in qualche modo, a Lombroso e alle sue teorie.

L'impegno produttivo messo in campo per la realizzazione di "The Soul Eater" è davvero ragguardevole: un centinaio di persone impegnate a Murello tra tecnici e cast, molta attenzione nella scelta delle location e nella ricostruzione d'epoca. Un esempio? Un 'oggetto' (si veda la foto qui a lato) utile a misurare i crani ricostruito appositamente per il set rispettando appunti e abitudini del vero Cesare Lombroso.

La fotografia del film è curata da Carlos Hidalgo, lo staff di produzione è composto da Scott Engrotti, Carol Davies e Tristin Fowler.

(Un ringraziamento a Fabrizio Dividi per le fotografie dal set)